Notizia

I batteri e i funghi negli appartamenti dipendono da dove vivono e dai loro compagni di stanza


Microrganismi presenti nella polvere domestica a seconda del genere dei residenti
In un nuovo studio, i ricercatori hanno studiato quali batteri e funghi possono essere trovati nella polvere domestica e da quali fattori dipende la composizione. Si è scoperto che il luogo di residenza ha un ruolo e se si hanno animali domestici. È anche fondamentale se uomini o donne vivono nell'appartamento.

Con quali microrganismi condividi la tua casa
Con quali microrganismi condividi la tua casa dipende principalmente da dove vivi e dai tuoi coinquilini. L'agenzia di stampa dpa riferisce di uno studio secondo il quale la posizione geografica in particolare influenza le specie di funghi presenti nella polvere domestica. Residenti e animali domestici, d'altra parte, determinano quali tipi di batteri possono essere trovati lì. Il team guidato da Albert Barberán dell'Università del Colorado a Boulder (USA) ha ora pubblicato i risultati dell'indagine sulla rivista Proceedings B della British Royal Society.

Influisce sulla nostra salute
Ogni giorno, ogni persona entra in contatto con migliaia di batteri e funghi che possono avere un impatto sulla salute. Le persone con un'allergia alla polvere domestica, ad esempio, rispondono con sintomi come naso che cola o occhi gonfi e pruriginosi. Tuttavia, il contatto regolare e precoce con alcuni batteri della polvere domestica nei bambini delle città può anche prevenire successive ipersensibilità e allergie. Anche il rischio di neurodermite e asma è ridotto. Questa è stata la scoperta di scienziati dell'Università del Wisconsin in uno studio dell'anno scorso.

Condizioni microbiologiche nelle stanze
"Trascorriamo la maggior parte della nostra vita al chiuso", scrivono i ricercatori in questo studio. Bisogna quindi comprendere meglio le condizioni microbiologiche nelle stanze. Nell'ambito del progetto "Wild Life of Our Homes", sono stati esaminati campioni di polvere provenienti da circa 1.200 famiglie statunitensi, che coprivano una vasta gamma di zone climatiche e condizioni di vita. I campioni provengono dai bordi dei telai delle porte all'interno e all'esterno dell'appartamento, poiché questi sono probabilmente i meno frequentemente puliti. Sono stati analizzati per i microrganismi e confrontati con fattori geografici come il clima o la densità di popolazione. Inoltre, gli scienziati hanno esaminato le condizioni domestiche come l'età e le dimensioni della casa, il numero di stanze, la presenza di un seminterrato, pavimenti, animali domestici o il numero e il genere dei residenti.

Residenti e animali domestici svolgono un ruolo
È stato dimostrato che la varietà di batteri e funghi nelle stanze era superiore del 50% rispetto all'esterno. Le comunità di funghi nelle case dipendevano in gran parte da coloro che vivevano all'aperto. Gli autori dello studio hanno concluso che le famiglie con condizioni climatiche simili erano anche la casa di comunità di funghi simili. Con i batteri, d'altra parte, non vi era alcuna connessione diretta tra l'esterno e l'interno. Piuttosto, i residenti hanno svolto un ruolo significativo e anche il fatto che fossero presenti animali domestici. Ad esempio, la polvere nelle case con cani e gatti conteneva anche batteri della saliva e delle feci. Inoltre, il genere delle persone era un fattore. Secondo le informazioni, i ricercatori hanno trovato diversi batteri negli appartamenti con più donne rispetto a quelli in cui vivevano più uomini. "Se vuoi cambiare i tipi di funghi ai quali sei esposto, dovresti spostarti (preferibilmente molto lontano)", hanno detto gli autori. "Se vuoi cambiare i batteri nel tuo ambiente, devi solo cambiare le persone con cui vivi." (Annuncio)

Informazioni sull'autore e sulla fonte


Video: batteri e protisti (Agosto 2020).