Notizia

Studio: quattro tazze di caffè al giorno hanno ridotto il rischio di ricaduta nel carcinoma del colon-retto


Il consumo di caffè può ridurre il rischio di recidiva nel carcinoma del colon-retto
Per molto tempo, il caffè ha avuto una reputazione pericolosa per la salute. Negli ultimi anni, tuttavia, ci sono state prove crescenti che la popolare bevanda calda può essere molto benefica per la salute. Secondo un nuovo studio, il consumo regolare di caffè può aiutare a prevenire le ricadute nel carcinoma del colon-retto.

Il caffè ha una cattiva reputazione per molto tempo
Per molto tempo, si pensava che il caffè avesse un rischio per la salute. Un consumo eccessivo della popolare bevanda calda è stato collegato, ad esempio, a un aumentato rischio di malattie come l'ipertensione o un attacco di cuore. Negli ultimi anni, tuttavia, vari studi sono spesso giunti alla conclusione opposta. Di conseguenza, il caffè può essere buono per il cuore e anche prevenire la calcificazione arteriosa. E secondo Krasimira Aleksandrova, che lavora presso l'Istituto tedesco di ricerca nutrizionale di Potsdam-Rehbrücke, ora ci sono prove che il caffè può proteggere dallo scoppio di vari tipi di cancro come il cancro alla prostata, il cancro della bocca e della vescica. Secondo un nuovo studio, l'aumento del consumo di caffè potrebbe anche ridurre il rischio di recidiva nei pazienti con carcinoma del colon.

Quattro o più tazze al giorno
Secondo lo studio pubblicato sulla rivista "Journal of Clinical Oncology", i pazienti che erano stati sottoposti a trattamento per il cancro del colon nella terza fase avevano un rischio significativamente più basso di consumare quattro o più tazze di caffè con caffeina al giorno, per ottenere di nuovo il cancro. In base a ciò, il rischio è inferiore del 42 percento rispetto ai pazienti che non bevono caffè. Inoltre, il rischio di morire di cancro o altre cause è ridotto del 33 percento. Un effetto leggermente minore può essere osservato in pazienti il ​​cui consumo giornaliero di caffè è di 2-3 tazze, i ricercatori riportano il Dana-Farber Cancer Institute (Dana-Farber Cancer Institute) a Boston, negli Stati Uniti, che appartiene alla Harvard Medical School. Tuttavia, non è stato osservato alcun miglioramento nei pazienti che non hanno bevuto affatto caffè.

Sono necessari ulteriori studi
Secondo il direttore dello studio Charles Fuchs, la probabilità di recidiva nei pazienti con carcinoma del colon in stadio 3 dopo il trattamento è del 35 percento. Di solito i pazienti si ammalano di nuovo entro cinque anni dal trattamento. Secondo gli autori, il ridotto rischio di recidiva e morte è chiaramente correlato alla caffeina contenuta nel caffè. Tuttavia, poiché gli scienziati non sono ancora in grado di spiegare l'esatto meccanismo, sono necessarie ulteriori indagini. Secondo Fuchs, è una teoria secondo cui l'assunzione di caffeina sensibilizza l'organismo all'insulina e riduce la necessità di questo ormone. Questo a sua volta potrebbe aiutare a ridurre l'infiammazione, che è un fattore di rischio per diabete e cancro.

Il caffè protegge da varie malattie
Come accennato all'inizio, altri studi indicano anche che il caffè ha un effetto protettivo. Il rischio di cancro al seno dopo la menopausa, il melanoma o il cancro al fegato sarà ridotto. Fuchs ha consigliato ai malati di cancro al colon che bevono caffè di non smettere di consumarli. "Ma se non sei un bevitore di caffè e stai pensando di iniziare con esso, parla in anticipo con il tuo medico", ha detto Fuchs in un rapporto pubblicato sul sito web del Dana-Farber Cancer Institute. (anno Domini)

Informazioni sull'autore e sulla fonte


Video: Campania, DAmelio: Tempi stretti per approvare legge discriminazioni (Agosto 2020).