Notizia

Confermato il secondo caso di peste nel Parco nazionale Yosemite


Per la seconda volta quest'anno, una persona nel Parco Nazionale di Yosemite avrebbe potuto essere infettata dal patogeno della peste
Nello Yosemite National Park, in California, una delle destinazioni di vacanza più popolari negli Stati Uniti, un turista potrebbe essere stato infettato dal patogeno per la seconda volta quest'anno. Lo annuncia l'ufficio di sanità pubblica. Di conseguenza, molto probabilmente un roditore era il portatore della malattia.

I roditori nel Parco nazionale Yosemite potrebbero portare la peste
Secondo le informazioni, il malato è un turista dello stato americano della Georgia, che per primo ha manifestato sintomi di peste dopo aver trascorso del tempo nella valle dello Yosemite all'inizio di agosto. L'Ufficio di sanità pubblica non ha fornito informazioni sullo stato di salute del paziente. Sebbene non si possa escludere con certezza che il turista sia stato infettato dall'agente della peste altrove durante il suo viaggio, un altro caso di peste parla del parco nazionale come fonte dell'infezione. A uno studente di Los Angeles è stata recentemente diagnosticata la malattia dopo essere stata nel parco nazionale. La ragazza è stata trattata prontamente e si sta attualmente riprendendo dall'infezione.

I principali trasmettitori della peste sono le pulci che vivono nella pelliccia di roditori come scoiattoli e scoiattoli. Dopo che l'infezione divenne nota, il campeggio dove era rimasta la ragazza fu chiuso e disinfettato. Inoltre, è stato necessario chiudere temporaneamente un altro campeggio perché vi erano stati trovati due scoiattoli morti che trasportavano il pestello altamente contagioso. Circa quattro milioni di persone visitano il Parco nazionale Yosemite ogni anno.

Tra una e 17 persone sviluppano la peste negli Stati Uniti ogni anno
Mentre l'Europa e l'Australia sono considerate libere da animali infettati da agenti della peste, scoppi di epidemie si verificano in particolare in Africa. Il Madagascar e il Congo sono i più colpiti, ma la malattia esplode anche in Perù.

Negli Stati Uniti, tra una e 17 persone contraggono la peste ogni anno. I due casi attuali sono i primi in California dal 2006.

Se la malattia viene trattata con antibiotici in tempo utile, le possibilità di guarigione sono buone. Secondo l'Organizzazione mondiale della sanità (OMS), la peste porta alla morte nel 30-60 percento dei casi se non trattata. Circa 2.000 persone in tutto il mondo contraggono la malattia infettiva ogni anno. (Ag)

Informazioni sull'autore e sulla fonte


Video: YOSEMITE NATIONAL PARK HALF DOME Hector Fabio Videos parte 1JUNIO 2018 (Agosto 2020).