Notizia

Reazioni allergiche da punture di vespa: sempre più persone ferite finiscono nelle cliniche


Più persone con reazioni allergiche alle punture di vespa nelle cliniche
La piaga della vespa quest'anno è dura per molte persone. A Berlino, molte più persone con reazioni allergiche dopo punture di vespa hanno dovuto essere trattate in cliniche negli ultimi mesi.

Più pazienti con reazioni allergiche
Quest'estate le vespe sembrano essere particolarmente aggressive e numerose. È sempre scomodo essere punto dagli insetti. La pelle intorno al sito di puntura diventa rossa, diventa calda e si gonfia. Le persone con allergie alla puntura di insetto affrontano complicazioni più gravi. A Berlino, sempre più persone con reazioni allergiche dopo punture di insetti sono state curate in clinica negli ultimi mesi. Un portavoce del Berlin Accident Hospital (UKB) ha detto all'agenzia di stampa tedesca: "Questo è l'argomento davvero importante per noi quest'anno".

Punti infiammati e mancanza di respiro
In base a ciò, dopo punture di vespe e mosche, i pazienti avevano spesso non solo un sito di puntura rosso e gonfio, ma anche mancanza di respiro. In alcune persone, le punture infiammate sono la ragione per visitare la clinica. Nel peggiore dei casi, può persino verificarsi avvelenamento del sangue. Secondo lo Charité, anche i pazienti dopo le punture di vespa erano sempre più registrati. Non è chiaro perché al momento ci siano più pazienti con punture di insetti. "Rbb-online" ha annunciato che i centri di soccorso degli ospedali Vivantes hanno riferito solo casi isolati. Ma hanno sottolineato che i pazienti più giovani, in particolare, sapevano poco dei rimedi domestici utili. Gli esperti sanitari hanno avvertito negli ultimi mesi che un'allergia al veleno degli insetti è spesso sottovalutata. Anche se le punture di vespa possono persino portare alla morte in caso di allergie. (anno Domini)

Informazioni sull'autore e sulla fonte

Video: Usa, paura per la vespa mandarinia: laggressività dellinsetto è letale nella lotta con un topo (Agosto 2020).