Notizia

Le malattie polmonari croniche spesso non vengono rilevate


Dietro una presunta innocua tosse da fumo è spesso una grave malattia polmonare
Le malattie polmonari ostruttive croniche sono spesso respinte nelle prime fasi, in particolare dai fumatori, in quanto presumibilmente innocua "tosse da fumo" e la malattia in quanto tale non viene rilevata, riporta l'Istituto per la qualità e l'efficienza nella sanità (IQWiG) sul suo portale di informazioni sui pazienti. Tuttavia, sintomi come tosse persistente e frequente respiro corto possono indicare BPCO (broncopneumopatia cronica ostruttiva). Un test di funzionalità polmonare condotto da uno specialista in medicina polmonare (pneumologo) potrebbe fornire informazioni qui.

I fumatori spesso considerano l'aumento della tosse e la mancanza di respiro come un effetto collaterale "normale" del loro consumo di tabacco e quindi non vedono alcun motivo per cercare assistenza medica. Tuttavia, i reclami possono già essere il risultato di una grave malattia polmonare, motivo per cui una visita medica è urgentemente appropriata, riferisce l'IQWiG. Oltre a un esame generale del corpo, un'indagine su altre malattie e un esame del sangue, viene anche controllata la prestazione dei polmoni. "A seconda del risultato, vengono quindi aggiunti ulteriori esami, anche per escludere altre malattie come l'asma, l'insufficienza cardiaca o il cancro ai polmoni", spiega l'IQWiG.

Funzione polmonare compromessa inizialmente insignificante
Secondo l'IQWIG, nella fase iniziale della BPCO, il tratto respiratorio delle persone colpite "inizialmente si è solo leggermente ristretto, in modo che difficilmente notano la graduale perdita della funzione polmonare." Tuttavia, con l'aumentare della difficoltà della funzione polmonare, i problemi respiratori diventano più evidenti nel tempo, specialmente durante lo sforzo fisico. C'è anche un aumento della tosse e dell'espettorazione. "Nella fase avanzata, la malattia limita fortemente la qualità della vita" e "Le persone con BPCO grave hanno vie aeree così strette che soffrono anche di mancanza di respiro durante le attività quotidiane o anche a riposo", riferisce l'IQWiG. Chiunque abbia fiato mentre cammina o sale le scale dovrebbe quindi consultare prontamente un medico.

Espettorato tosse, respiro corto e rumore durante la respirazione
Oltre alla mancanza di respiro, alla tosse e all'aumentata espettorazione, i segnali di avvertimento per la BPCO comprendono rumori durante la respirazione, come un fischio o un ronzio. Inoltre, un aumento dei sintomi di raffreddori o malattie influenzali può indicare BPCO. Tipici sono le cosiddette esacerbazioni, un improvviso e significativo peggioramento della malattia, riporta l'IQWIG. Oltre a confermare la diagnosi, l'obiettivo degli esami medici è scoprire fino a che punto la BPCO è già progredita e qual è il rischio di complicanze. Il trattamento viene quindi pianificato in base ai risultati, con i fumatori che prima devono smettere di fumare per evitare un ulteriore deterioramento della funzionalità polmonare.

Il trattamento mira ad alleviare i sintomi
Il fumo è la più comune, ma tutt'altro che l'unica possibile causa della BPCO. Ciò può anche derivare, ad esempio, dal regolare contatto con altri inquinanti come polvere o gas. Lo scopo del trattamento era soprattutto quello di ridurre il più possibile i sintomi al fine di facilitare la vita di tutti i giorni e mantenere o migliorare la qualità della vita. Allo stesso tempo, la progressione della BPCO dovrebbe essere rallentata. I farmaci costituiscono una parte essenziale del trattamento della BPCO, "a seconda dello stadio della malattia, le combinazioni di diversi farmaci sono comuni", riferisce IQWiG. I medicinali che espandono il tratto respiratorio e quindi facilitano la respirazione (broncodilatatori) sono qui usati in particolare. Le medicine contenenti cortisone possono essere usate contro l'infiammazione del tratto respiratorio, "Tuttavia, svolgono un ruolo minore nel trattamento della BPCO rispetto, ad esempio, nel trattamento dell'asma", spiega l'IQWiG. Se la malattia è molto avanzata, può anche essere necessario il trattamento con ossigeno. Sono possibili misure di accompagnamento come attività fisiche, allenamento respiratorio, inalazioni e cambiamenti nella dieta. (Fp)

Informazioni sull'autore e sulla fonte


Video: BPCO, o perché il fumo distrugge i polmoni - Spiegazione (Agosto 2020).