Notizia

Scienziati: apparentemente la pillola ha prevenuto centinaia di migliaia di casi di cancro


La pillola anticoncezionale può proteggere dal cancro uterino, secondo lo studio
Molte donne prendono pillole anticoncezionali per anni per proteggersi facilmente e in sicurezza da una gravidanza indesiderata. Ma i critici sottolineano ripetutamente possibili effetti collaterali e avvertono di un aumentato rischio di trombosi. Tuttavia, un meta-studio potrebbe ora mostrare che la pillola può anche avere un effetto positivo sulla salute. Perché gli ormoni che contiene possono ovviamente ridurre il rischio di cancro uterino.

Il contraccettivo più utilizzato da oltre 50 anni
La pillola anticoncezionale è stata il mezzo più popolare per prevenire la gravidanza da quando è stata ufficialmente approvata nel 1960 ed è utilizzata da circa una donna su tre in età fertile in Germania. Se usato correttamente, è considerato la protezione più sicura contro il concepimento accidentale (indice di perla: 0,3), poiché gli ormoni sopprimono l'ovulazione e impediscono l'ingresso dello sperma nell'utero. Come con qualsiasi altro medicinale, possono verificarsi effetti collaterali quando ingeriti. Possibili qui sono ad es. Mal di testa, sbalzi d'umore e nausea, inoltre, gli esperti discutono ripetutamente di un aumentato rischio di trombosi.

Ma a quanto pare l'assunzione può anche avere un effetto positivo sulla salute. Perché, come riportato da un team internazionale di ricercatori sulla rivista specializzata "Lancet Oncology", un meta studio ha dimostrato che la pillola potrebbe ridurre il rischio di cancro uterino. Secondo il rapporto, il farmaco ha prevenuto centinaia di migliaia di casi di questo cancro nelle nazioni industrializzate negli ultimi 50 anni. Un risultato molto significativo, perché il cancro uterino è il quarto tumore più comune nelle donne, che colpisce oltre 11.500 donne ogni anno.

Il rischio è significativamente più basso dopo cinque anni di assunzione di pillole
Gli esperti hanno valutato 36 studi in Nord America, Europa, Asia, Australia e Sudafrica sul tema del cancro uterino e in questo modo hanno analizzato i dati di 27.276 malati e 115.743 donne sane. Sono giunti alla conclusione che su 1.000 donne nei paesi industrializzati che non avevano mai usato contraccettivi orali, 23 avevano il cancro uterino prima del loro 75 ° compleanno. D'altra parte, coloro che hanno preso la pillola per cinque anni hanno mostrato un rischio inferiore, con solo 17 donne su mille che si ammalavano prima del loro 75 ° compleanno.

L'effetto è diventato ancora più chiaro per le donne che avevano usato il contraccettivo per dieci anni, perché solo 13 donne su 1000 erano colpite, gli scienziati hanno detto. La protezione non sarebbe quindi limitata dal minor contenuto di estrogeni nelle moderne "mini pillole" e l'effetto protettivo continuerebbe per anni dopo l'ingestione. "Questo ampio studio ha anche incluso i dati sulla durata dell'effetto - ha dimostrato che il rischio di cancro uterino nelle donne è ancora ridotto più di 30 anni dopo l'interruzione della pillola", ha detto Fiona Osgun in un messaggio dell'organizzazione di ricerca "Medical". Research Council ”(UK), attraverso il quale è stato finanziato il progetto.

200.000 casi evitati negli ultimi dieci anni
"Stimiamo che negli ultimi 50 anni, circa 400.000 casi di cancro uterino nelle donne prima dei 75 anni siano stati prevenuti nei paesi ad alto reddito usando contraccettivi orali, compresi circa 200.000 negli ultimi dieci anni", ha detto l'autore Dr. Naomi Allen continua. (No)

Informazioni sull'autore e sulla fonte


Video: Immunoterapia: la cura del cancro è più vicina? (Agosto 2020).