Notizia

Età biologica: in questo modo rimani più giovane di te


Diversi processi di invecchiamento: in questo modo rimani più giovane di te
Le persone che sono nate nello stesso giorno sono spesso molto diversamente in forma in età avanzata. Questo può essere visto spesso in giovane età. Il fattore decisivo è la cosiddetta "era biologica", che descrive le condizioni fisiche dell'individuo e lo stato di salute. Alcuni ricercatori statunitensi hanno ora presentato risultati interessanti.

L'età biologica differisce presto
Poche persone sono positive nell'invecchiare. Ogni anno più "sotto la cintura" aumenta le lamentele fisiche. Ma il processo di invecchiamento è ovviamente molto diverso. Con molte persone che sono nate lo stesso giorno, non puoi vedere che hanno la stessa età. Il processo di invecchiamento è stato ed è al centro di numerosi studi scientifici. Alcuni ricercatori di Gottinga, ad esempio, hanno annunciato alcuni mesi fa che lo sport mantiene giovane il cervello. Altri studi hanno esaminato come le cellule diventano più giovani. E ora i ricercatori americani stanno segnalando nuove e interessanti intuizioni sull'invecchiamento. Di conseguenza, l'età biologica differisce già in giovane età.

Alcune persone sembrano non invecchiare
In collaborazione con il "Sonntagszeitung" dalla Svizzera, il "Welt" riporta online lo studio, che è stato pubblicato sulla rivista "PNAS". Alcuni partecipanti allo studio non sembrano invecchiare affatto in un periodo di dodici anni, mentre altri hanno un'età compresa tra due e tre volte più veloce. La cosiddetta "era biologica" del 38enne secondo il passaporto variava dai 28 ai 61 anni. Gli scienziati guidati da Daniel Belsky della Duke University di Durham (USA) hanno esaminato il processo di invecchiamento nei giovani. Il team ha utilizzato i dati di un ampio studio sulla popolazione della città neozelandese di Dunedin. Questo sondaggio a lungo termine ha regolarmente esaminato più di 1.000 persone dalla nascita nel 1972 o 1973 all'età di 38 anni.

Idoneità fisica e capacità cognitive
Sono stati valutati 18 biomarcatori come colesterolo, valori epatici e renali, pressione sanguigna, cuore e salute dentale. I ricercatori hanno anche valutato l'idoneità fisica, il peso e le capacità cognitive. Secondo Belsky, è stato inaspettato vedere in che misura i biomarcatori stessero cambiando a causa dell'età nelle persone giovani e sane. È stato anche dimostrato che i soggetti che invecchiano fisiologicamente più velocemente hanno ottenuto risultati peggiori anche in altre aree. Ciò significava che erano meno in grado di mantenere l'equilibrio durante i test di fitness e si muovevano in modo non coordinato. Hanno anche completato compiti cognitivi peggio. Ultimo ma non meno importante, sembravano più vecchi.

Malattie tipiche della vecchiaia nelle persone di età superiore ai 65 anni
I rischi per la salute aumentano con l'età. A partire da circa 50 anni compaiono malattie tipiche legate all'età. Come scrive il "Welt", oltre il 70 percento delle persone con più di 65 anni soffre di due o più malattie croniche come artrite, diabete, cancro, problemi cardiaci o ictus. L'anno scorso, i ricercatori statunitensi sulla rivista Nature hanno riferito che se una malattia cronica potesse essere ritardata, altre non verrebbero. Gli studi hanno già trovato indicazioni su come ritardare i vari processi di invecchiamento. In base a ciò, un ridotto apporto calorico e un regolare esercizio fisico potrebbero prolungare la vita e prevenire le malattie.

Un atteggiamento positivo nei confronti della vita estende la vita
Anche se non esiste una semplice istruzione per una lunga vita, le persone ben addestrate sono, relativamente parlando, "più giovani" dei coetanei antisportivi. Questa è stata la conclusione tratta dal medico Ulrik Wisløff dell'Università NTNU di Trondheim (Norvegia), che, con il suo team di algoritmi complessi, ha sviluppato un semplice questionario che i ricercatori possono utilizzare per determinare la salute di una persona e quale "età del fitness" sono . I medici di solito determinano le prestazioni fisiche di una persona misurando la quantità massima di ossigeno che possono utilizzare sotto stress. Gli scienziati norvegesi hanno scoperto che l'età, la circonferenza addominale, l'idoneità fisica auto-segnalata e la frequenza del battito cardiaco a riposo possono anche servire da approssimazione per misurazioni oggettive. Un altro test online calcola il rischio di morte.

È stato sviluppato da ricercatori svedesi sulla base dei dati della cosiddetta "biobanca britannica". Il gerontologo Mike Martin dell'Università di Zurigo vuole lavorare con un team interdisciplinare per scoprire perché qualcuno resta in salute e non perché si ammala. Sospetta: "Non sono solo i fattori medici a essere decisivi". Anche il modo in cui le persone sono socialmente coinvolte gioca un ruolo. O anche l'atteggiamento nei confronti della vita. Un atteggiamento positivo rallenta l'invecchiamento, ha affermato Christoph Englert, ricercatore senior di Jena, in un'intervista dell'anno scorso. Secondo gli esperti, non esiste una ricetta universale per rimanere in salute nei prossimi anni. (anno Domini)

Informazioni sull'autore e sulla fonte

Video: Correggi i problemi di postura prima che sia tardi. Ecco come! Filippo Ongaro (Agosto 2020).