Notizia

Sfondamento? - Nuovo vaccino contro l'Ebola testato con successo


Studio: il vaccino contro l'Ebola funziona
L'epidemia di Ebola nell'Africa occidentale è costata la vita a oltre 10.000 persone dalla fine del 2014. Poiché non esiste né una cura né un vaccino approvato contro la malattia infettiva, nei pazienti è possibile trattare solo i sintomi tipici dell'Ebola. Ma ora sta emergendo una nuova speranza. In uno studio, la vaccinazione ha mostrato una protezione di quasi il 100%.

I test clinici di un vaccino hanno avuto successo
A marzo, l'Organizzazione mondiale della sanità (OMS) ha annunciato che il bilancio delle vittime era salito a oltre 10.000. La pericolosa peste infuria in diversi paesi dell'Africa occidentale dalla fine del 2014. Finora, non esiste una cura o un vaccino efficace. I medici sono stati in grado di trattare solo i tipici sintomi dell'Ebola come febbre, diarrea, nausea e vomito, nonché sanguinamenti interni ed esterni nelle persone infette. Tuttavia, i test clinici iniziali di un vaccino contro la mortale malattia infettiva hanno ora avuto successo. Come riportato dai ricercatori nella rivista specializzata "The Lancet", il vaccino rVSV-ZEBOV ha protetto i vaccini in Guinea a quasi il 100 percento dalla malattia. Pochi giorni dopo la vaccinazione non c'erano nuovi casi di malattia tra i potenzialmente infetti.

Esperienza degli anni '70
Lo studio è stato sviluppato in un team internazionale di scienziati guidato dall'OMS. Il medico legale Matthias Egger dell'Università di Berna ha dichiarato al Neue Zürcher Zeitung (NZZ) che erano state usate le esperienze degli anni '70. “In una campagna di vaccinazione contro il vaiolo, sono state identificate le persone di contatto attorno a una persona malata in famiglia e nelle immediate vicinanze e definito un anello. Queste persone sono state vaccinate. La malattia è stata sradicata. Come con il vaiolo, l'infezione in Ebola si verifica attraverso il contatto diretto con il malato. Questo ci ha dato l'idea di testare il vaccino contro l'Ebola in tali anelli in Guinea ”, ha affermato l'esperto.

Nessuna nuova malattia dopo la vaccinazione
Come spiegato da Egger, il vaccino si basa sull'agente causativo di una malattia infettiva negli ungulati, il cosiddetto virus della stomatite vescicolare (VSV). Gli scienziati hanno cambiato le informazioni genetiche del virus, che dopo un'iniezione nel corpo si moltiplica per alcuni giorni e produce una risposta immunitaria relativamente rapidamente. “Dopo una settimana in Guinea, le persone che sono state immediatamente vaccinate non hanno più avuto nuove malattie da Ebola. D'altra parte, coloro che sono stati vaccinati in seguito hanno avuto ulteriori contagi e malattie fino a quando non hanno ricevuto anche protezione dalle vaccinazioni ”, ha affermato Egger della NZZ.

L'efficacia deve essere confermata nei prossimi mesi
Come spiegato dal medico, i risultati sono stati controllati da un comitato di esperti ed è stato deciso di proseguire lo studio. "I risultati finora sono così convincenti", ha detto Egger. Ha spiegato che non appena si presenta un nuovo caso, tutte le persone che hanno avuto contatti con il paziente e la sua famiglia vengono vaccinate. “Fino ad ora abbiamo vaccinato solo persone di età pari o superiore a 18 anni, ora anche adolescenti. Non vacciniamo bambini e donne in gravidanza perché non sappiamo ancora se il vaccino sia sicuro. ”Come ha spiegato ulteriormente, l'efficacia della vaccinazione deve ancora essere confermata nei prossimi mesi. Quindi l'Ebola non è ancora stata sconfitta. Tuttavia, Marie-Paule Kieny dell'OMS ha dichiarato in una conferenza stampa di ritenere di essere sul punto di "finalmente avere un vaccino contro l'Ebola efficace". (anno Domini)

Informazioni sull'autore e sulla fonte


Video: Ebola: a dicembre i primi risultati dei test sui vaccini (Agosto 2020).