Notizia

Diffusione su vasta scala nel rifugio per rifugiati di Würzburg - sospetto avvelenamento da cibo


Sospetto avvelenamento da cibo tra i rifugiati nel monastero di Würzburg
Dopo che numerosi residenti in un rifugio per rifugiati bavaresi si sono lamentati di nausea e vomito gravi, è stato avviato uno spiegamento su larga scala di soccorritori, in cui, secondo il "Bayrischer Rundfunk" (BR), a volte sono stati impiegati 80 paramedici e soccorritori. A seguito degli esami iniziali e delle cure mediche per le persone colpite, si sospetta un'intossicazione alimentare.

Il "BR" riferisce, riferendosi al portavoce della polizia Peter Häusinger, che 100 rifugiati sono attualmente alloggiati nel monastero delle suore di Würzburg, di cui circa 30 si sono lamentati di nausea e vomito venerdì. È stata avviata un'operazione su larga scala che ha coinvolto 80 soccorritori, le persone interessate sono state esaminate e curate. Tre pazienti hanno dovuto essere ricoverati in ospedale.

La causa dei reclami non è stata ancora chiarita definitivamente
Il modo in cui le denunce sono state causate dai residenti del rifugio per rifugiati rimane inizialmente aperto. Secondo la polizia, l'intossicazione alimentare potrebbe essere la causa, poiché i sintomi sono comparsi immediatamente dopo un pasto comune dei richiedenti asilo, riferisce il "BR". La polizia ha avviato un'indagine per chiarire le cause, per cui il menu e il cibo consumato dovrebbero essere analizzati più da vicino. L'ufficio sanitario e l'ospedale universitario di Würzburg si occupano anche della ricerca di fattori scatenanti specifici per la nausea di massa.

Secondo il "BR", i rifugiati sono stati ospitati nel monastero di Würzburg dall'ottobre 2014. La Congregazione delle Suore del Redentore ha reso disponibili le stanze come alloggi di emergenza per i rifugiati. Finora, non si sono verificati incidenti qui, riporta il "BR". (Fp)

Informazioni sull'autore e sulla fonte

Video: Riciclaggio e fondi Covid. 12 arresti della Finanza, sgominata unorganizzazione nelle Marche (Agosto 2020).