Notizia

Anoressia, abbuffate o bulimia: i divieti non aiutano


Per legge contro i disturbi alimentari? Aumento drammatico dei disturbi alimentari
Disturbi alimentari come l'anoressia (anoressia) o la bulimia (dipendenza da abbuffate) sono diventati una denuncia relativamente diffusa negli ultimi anni, che è stata spesso collegata alla "mania dimagrante" dell'industria della moda. La Francia ha pertanto recentemente vietato ai modelli anoressici di camminare in passerella. "Ma l'anoressia o la bulimia non possono essere vietate dalla legge", sottolinea Thomas Nawrath, portavoce della stampa di stato del barman GEK nella Sassonia-Anhalt.

Secondo il Barmer GEK, il numero di casi di disturbi alimentari nella Sassonia-Anhalt è aumentato del 10,3 per cento negli ultimi cinque anni. Contrariamente al cliché, non solo le giovani donne sono colpite, ma anche un disturbo alimentare viene diagnosticato sempre più spesso tra le persone di età superiore ai 50 anni. Qui, una legge contro i modelli anoressici in passerella non aiuta molto, secondo il portavoce del Barmer GEK in Sassonia-Anhalt. Piuttosto, la prevenzione dei disturbi alimentari è un compito per la società nel suo insieme.

Aumento nazionale del numero di casi
In Sassonia-Anhalt, nel 2008, 768 assicurati sono stati curati per anoressia, bulimia, abbuffata (dipendenza da alimentazione psicogena) o altri disturbi alimentari, nel 2014 c'erano 847 assicurati, secondo il Barmer GEK. Una tendenza corrispondente può essere osservata anche in altri stati federali. Ad esempio, la Turingia ha registrato un aumento del 16,6% nel numero di casi tra il 2009 e il 2014 e in Sassonia il numero di casi è addirittura aumentato del 19,7%. Secondo le informazioni del barman GEK, nel periodo 2009-2014 è stato osservato un aumento del 14,5 percento in tutta la Germania. Per la Sassonia-Anhalt, la valutazione ha anche mostrato che i disturbi alimentari non sono solo un problema relativamente comune nelle giovani donne, ma sono anche molto spesso diagnosticati tra i 30 ei 40 anni. In questa fascia di età, le diagnosi di anoressia, bulimia o alimentazione incontrollata sono aumentate del 41,4 per cento negli ultimi cinque anni.

Le donne di età superiore ai 50 anni sono più colpite
Secondo il Barmer GEK, il più grande aumento dei disturbi alimentari diagnosticati dal 2009 è stato nella fascia di età dai 51 ai 60 anni con il 76,8%. E c'è anche un aumento particolarmente drastico delle diagnosi (oltre il 62,2 per cento) tra gli over 60. Spesso, "gravi crisi di vita, il cambiamento del corpo dopo il parto, anni di dieta o la paura di invecchiare" sono le cause dei problemi, riferisce il portavoce del barman GEK Sachsen-Anhalt. "In una società fissata per i giovani, la paura di perdere il successo e il riconoscimento aumenta con l'età", continua Nawrath. La decisione del parlamento francese della scorsa settimana di vietare per legge i modelli anoressici sulle passerelle non è una soluzione. "Chiunque abbia disturbi alimentari ha bisogno di un aiuto professionale e non di una legge", sottolinea il portavoce del Barmer GEK.

I disturbi alimentari diminuiscono nella prima infanzia
I disturbi alimentari sono una malattia grave che può essere causata da una sensazione corporea errata, che può essere attribuita al cattivo esempio dell'industria della moda. "Ma le cause dell'anoressia e di altri disturbi alimentari sono di solito da qualche altra parte", spiega Nawrath. Difficoltà nella famiglia, dolore non elaborato o pressione da eseguire, che viene anche trasmessa al proprio corpo, sono cause comuni. Secondo le informazioni fornite dalla compagnia di assicurazione sanitaria, anche la valutazione del Barmer GEK ha mostrato uno sviluppo molto positivo. La diagnosi di disturbi alimentari nella prima infanzia fortunatamente è diminuita notevolmente a livello nazionale e in Sassonia-Anhalt, riferisce Nawrath. A questo punto, la tendenza precedente potrebbe essere invertita.

La prevenzione inizia nell'asilo nido
Al fine di prevenire un ulteriore aumento dei disturbi alimentari, secondo il Barmer GEK, sono necessarie una migliore assistenza sanitaria e prevenzione. "Qui la legge sulla prevenzione approvata alcune settimane fa deve essere accolta favorevolmente, ma in punti importanti non è valida se obbliga solo i fondi statutari per la salute e l'assistenza a lungo termine", riferisce il portavoce del barman GEK Sachsen-Anhalt. In ogni caso, i bambini dovrebbero imparare e sperimentare il prima possibile come mangiare e muoversi correttamente per mantenersi in forma. Questo inizia già nei centri diurni e dovrebbe continuare a scuola. Il barmer GEK fornisce informazioni e informazioni di base su anoressia, bulimia e alimentazione incontrollata nell'opuscolo “Riconoscimento e azione sui disturbi alimentari. Guida della famiglia ". "Genitori, amici, medici e compagnie di assicurazione sanitaria devono collaborare per aiutare le persone colpite", ha detto il portavoce della stampa regionale per il barman GEK. (Fp)

Informazioni sull'autore e sulla fonte


Video: Quale disagio psicologico dietro i disturbi alimentari nelladolescenza (Agosto 2020).