Notizia

Con questo, le donne devono combattere sulla scala della carriera


L'esperto spiega perché le donne raramente lavorano in posizioni dirigenziali
Con una nuova legge, i politici vogliono aumentare la percentuale di donne in posizioni dirigenziali nei prossimi anni. Perché gli uomini sono ancora chiaramente sovrarappresentati nei piani esecutivi. Ma se vuoi salire la scala della carriera come donna, devi ovviamente affrontare molti più ostacoli rispetto ai tuoi colleghi maschi. In un'intervista con l'agenzia di stampa "dpa", la psicologa Alina Hernandez-Bark spiega perché le donne si trovano ancora così raramente nelle posizioni principali.

La nuova legge mira a portare più donne in posizioni dirigenziali
Dal 1 maggio 2015 la legge si applica alla pari partecipazione di uomini e donne a posizioni dirigenziali nel settore privato e nel servizio pubblico. Secondo il Ministero federale per la famiglia, gli anziani, le donne e i giovani (BMFSFJ), ciò mira a migliorare in modo significativo la percentuale di donne in posizioni dirigenziali a medio termine e, in definitiva, a raggiungere una distribuzione equa tra i sessi. Dal punto di vista del ministro federale della famiglia Manuela Schwesig, si tratta di un "[...] passo storico per la parità di diritti delle donne in Germania", che ovviamente è anche urgentemente necessario. Perché, come riporta l'Ufficio federale di statistica, nel 2014 poco meno di uno su tre manager (29,0%) era di sesso femminile.

Il concetto di potere non corrisponde al ruolo di genere femminile
Ma qual è la ragione della bassa percentuale di donne nelle posizioni di leader? La psicologa Alina Hernandez-Bark ha affrontato questa domanda come parte del suo dottorato e ora è stata persino nominata per il premio di studio della Fondazione Körber per il suo lavoro. Come spiega Hernandez-Bark, secondo vari studi, la ricerca del potere è meno pronunciata nelle donne in tutti i paesi occidentali rispetto agli uomini. Nonostante l'occupazione e spesso migliori titoli di studio, l'autorità e lo status sono meno importanti, sebbene ciò sia dovuto alla connotazione del termine "potere".

"Questo non è appropriato per il ruolo di genere delle donne. Le donne dovrebbero essere gentili, simpatiche e solidali, ma non dominanti e colpire il tavolo e dire che voglio andare di sopra ", ha detto Hernandez-Bark al" dpa ".

Conseguenze negative dal comportamento dominante maschile
Secondo lo psicologo, oggi ci sono certamente cambiamenti nella ricerca del potere, ad esempio tollerando le caratteristiche precedentemente maschili, come il desiderio di indipendenza, anche tra le donne. Tuttavia, continua ad applicare che una donna "non deve assolutamente mostrare un comportamento esclusivamente dominante" se vuole salire la scala della carriera. "Perché viene ancora punita per questo. Sono assunti meno spesso, meno graditi e vittime di bullismo più spesso ", spiega Hernandez-Bark.

Le donne a volte sono più efficaci dei loro colleghi maschi
Sulla "salita", le donne dovrebbero anche affrontare ostacoli molto più spesso degli uomini. Poiché, in base ai risultati dello studio, le donne possono persino condurre in modo più efficace in alcuni casi, la motivazione è meno pronunciata a causa dei ruoli di genere predominanti rispetto ai colleghi maschi. Inoltre, vi sarebbe uno svantaggio per quanto riguarda le possibilità di una posizione corrispondente, poiché il ruolo delle donne non è ancora compatibile con le idee comuni di leadership. Di conseguenza, le donne sono "inconsciamente meno attribuite al potenziale di compiti manageriali", continua l'esperta. Chiunque abbia già un ruolo da protagonista deve quindi compiere un "atto di equilibrio" tra le caratteristiche "tipicamente" femminili e maschili: "Ciò significa che devono essere di supporto ai propri dipendenti. Allo stesso tempo, devono essere competitivi e assertivi nei confronti di altri dipartimenti. Quando si seleziona il personale di gestione, tuttavia, questo non è necessariamente un processo deliberato da parte di superiori e dirigenti del personale. Questa è la cosa difficile al riguardo ”, Hernandez-Bark riassume il problema della leadership femminile.

Modelli femminili per cambiare gli stereotipi
Secondo Hernandez-Bark, al fine di offrire alle donne le stesse opportunità, è stato necessario prima creare modelli di ruolo femminili per poter cambiare i processi e gli stereotipi inconsci. "In termini concreti, ciò significa: in che modo la rete Intranet riferisce delle donne di successo nell'azienda? Sono presenti? ”Un altro aspetto è la considerazione dei sessi nell'espressione. Perché se si cercasse solo un "amministratore delegato", molte donne si sentirebbero inconsciamente meno indirizzate. In linea di principio, Hernandez-Bark raccomanda alle donne che vogliono intraprendere una carriera, da un lato un modo amichevole di corrispondere al cliché del ruolo femminile. Allo stesso tempo, le donne dovrebbero anche dimostrare determinazione: "Dovrebbero conoscere il loro obiettivo e perseguirlo in modo coerente, ma non comunicarlo in modo dominante ed esigente al mondo esterno." (Nr)

Informazioni sull'autore e sulla fonte


Video: Festa della Donna - Esibizione di Ju Jitsu della scuola (Agosto 2020).