Notizia

Sindrome proxy di Munchausen: la madre ha torturato il proprio figlio con infusioni di feci


Si dice che la madre abbia dato al figlio iniettato feci e urina per farlo ammalare
Una madre di Amburgo è accusata di aver dato al figlio di tre anni siringhe contaminate da feci e urina per ammalare il bambino. Il pubblico ministero sospetta che la donna soffra della sindrome del proxy di Munchausen, un raro disturbo mentale in cui le madri fingono di essere molto premurose nonostante causino danni alla salute dei loro figli. "NDR" riporta il caso.

Probabilmente la madre soffre della sindrome di Munchausen
Secondo il rapporto dell'emittente, si dice che la donna abbia spruzzato suo figlio con una miscela di feci diluite, urina, saliva e acqua stantia. La procura di Amburgo ha accusato il trentenne di gravi abusi su minori, come confermato da un portavoce della procura. L'allora bambino di tre anni si era ammalato così gravemente dai batteri da dover essere curato in ospedale per mesi e talvolta era persino in pericolo di morte.

Dopo che i dottori inizialmente sospettavano la leucemia nel bambino, hanno scoperto bottiglie con la soluzione contaminata da batteri nella stanza d'ospedale. Di fronte alle accuse, la donna ha ammesso di aver fatto a suo figlio le iniezioni che l'hanno fatta ammalare. Quindi è stata mandata in un reparto psichiatrico. Resta da chiarire se è meno colpevole. L'accusa è accusata di "maltrattamenti nei confronti di coloro che sono sotto protezione, che mettono la persona sotto protezione a rischio di morte, pericolose lesioni fisiche e violazione del dovere di diligenza e di educazione dei figli", riferisce l'emittente.

La madre potrebbe soffrire della estremamente rara sindrome del procuratore di Munchausen. In Germania ci dovrebbero essere solo tra 50 e 200 casi. Le vittime - soprattutto le madri - fingono e causano persino alle malattie dei loro figli un trattamento medico per il bambino. Lì, gli autori sembrano molto "premurosi e preoccupati", l'emittente cita uno psichiatra. Le madri godrebbero dell'attenzione data loro per il loro ruolo positivo di madri premurose. Il più delle volte questa forma di abuso su minori indica "bisogni spirituali interiori molto forti" delle madri, "un grido di aiuto espresso sul bambino". (Ag)

Informazioni sull'autore e sulla fonte


Video: Laborto ai tempi del Coronavirus - Anna Pompili (Agosto 2020).