Notizia

Salute: le sostanze vegetali secondarie proteggono il nostro organismo


Un tuttofare per la salute: le sostanze vegetali secondarie proteggono il corpo umano

In termini di salute, i fitonutrienti in frutta, cereali, verdure o legumi sono veri e propri tuttofare. Possono abbassare il colesterolo e dovrebbero proteggere contro il cancro, tra le altre cose. Coloro che seguono una dieta variata ne beneficiano di più.

Sostanze vegetali secondarie con numerose funzioni
Le piante non sono solo importanti fornitori di carboidrati, proteine, grassi, vitamine e oligoelementi, contengono anche sostanze vegetali secondarie. Tali sostanze possono essere trovate in molte forme diverse in molte piante. Ad esempio, come sostanze amare nel pompelmo o nell'arancia. O come coloranti gialli, arancioni, rossi o blu in mele, pomodori, carote, uva o ciliegie. Inoltre, sono contenuti come aromi in spezie, erbe e insalate e danno al rafano la sua speziatura. A seconda della loro struttura chimica e della funzione che hanno nelle piante, le sostanze sono divise in diversi gruppi, come carotenoidi, solfuri, fitosteroli, flavonoidi e molti altri. I ricercatori ritengono che ci siano circa 60-100.000 di questi ingredienti negli alimenti, solo una frazione è stata finora analizzata. Molti fitonutrienti sono sani. In un rapporto attuale, l'agenzia di stampa dpa fornisce una panoramica di come funzionano le sostanze protettive e quali alimenti ne contengono un numero particolarmente elevato.

Il rischio di cancro, infarto e ictus è ridotto
Numerosi studi negli ultimi anni hanno dimostrato che tali sostanze hanno anche molti effetti positivi sull'uomo. Ad esempio, riducono il rischio di cancro. Gli scienziati ritengono che le sostanze vegetali riducano il rischio di cancro ai polmoni, al seno e al colon, tra le altre cose. Hartmut Henß del Cancer Center del Medical Center dell'Università di Friburgo (CCCF) ha dichiarato secondo la DPA: "Probabilmente molte di queste sostanze agiscono come antiossidanti nel corpo umano." Alcuni gruppi di fitochimici, come i fitosteroli, sono considerati efficaci per le malattie cardiovascolari perché sono naturali Abbassano la pressione sanguigna e il colesterolo. Alcune sostanze sono associate a speciali effetti ipoglicemizzanti, antinfiammatori, ipocolesterolemizzanti o antitrombotici. Gli studi hanno anche dimostrato che i flavonoidi contenuti anche nelle fave di cacao possono aiutare a ridurre il rischio di infarti e ictus. Hanno anche effetti anti-infiammatori, proteggono il corpo dai radicali dannosi e aiutano a rafforzare il sistema immunitario.

Diversi tipi di frutta e verdura sul tavolo
"Dal punto di vista odierno, non aiuta a mangiare una sostanza quattro o cinque volte al giorno, circa cinque volte al giorno solo pomodori", afferma Henß. Tali effetti individuali di solito non sono scientificamente provati nell'uomo, al massimo negli esperimenti sugli animali o attraverso test con le sostanze pure in laboratorio. Ci sono molte indicazioni che le diverse sostanze vegetali hanno un effetto che si rinforza a vicenda. "Ci sono studi che dimostrano che maggiore è la diversità botanica nella nutrizione, maggiori sono i benefici per la salute", ha affermato il prof. Bernhard Watzl dell'Istituto Max Rubner di Karlsruhe. Pertanto, nel menu dovrebbe essere presente un mix colorato di molti tipi diversi di frutta e verdura e altre piante. Alcune piante contengono un numero particolarmente elevato di sostanze sane. "Le verdure di stagione locali come carote, spinaci, broccoli o cavoli sono portatori comuni di sostanze vegetali secondarie", ha affermato Harald Hoppe, chef organico di punta ed esperto di nutrizione per la campagna Inform. Quando si tratta di preparazione, c'è anche molto da dire sulla varietà e, soprattutto, frutta e verdura più spesso anche mangiare non trasformati, come consiglia Watzl. Il peeling o il riscaldamento provocano la perdita di molte sostanze salutari.

Dieta con molta frutta e verdura
Al fine di assorbire sostanze vegetali secondarie e altri importanti composti vegetali in quantità sufficienti, la German Nutrition Society (DGE) raccomanda cinque porzioni o 650 grammi di frutta e verdura al giorno, di cui circa 400 grammi come verdura e lattuga e 250 grammi come frutta. Tuttavia, una disputa di ricerca ha imperversato per anni su quanto sia consigliabile frutta e verdura. Tuttavia, gli esperti di nutrizione concordano sul fatto che una dieta ricca anche di fibre grazie a molta frutta e verdura contribuisce a stimolare la digestione e riduce il rischio di sovrappeso e obesi. Di conseguenza, ciò riduce il rischio di diabete. Un problema, tuttavia, è che la maggior parte delle persone non riceve nemmeno cinque porzioni al giorno. Secondo Watzl, il consumo medio di verdure in Germania, ad esempio, è di soli 124 grammi al giorno. Un delizioso cambiamento potrebbe essere un frullato di tanto in tanto. Ci sono molti consigli su Internet che fanno funzionare deliziosi frullati. Una cosa buona è un piatto di cibi crudi, come un piatto di cibi crudi con uva sultanina e con salse o verdure grigliate. (anno Domini)

Informazioni sull'autore e sulla fonte

Video: Farmaci allavanguardia per lOsteoporosi (Agosto 2020).