Notizia

Numerose operazioni al ginocchio senza benefici


L'artroscopia, secondo gli studi attuali, non ha alcun beneficio significativo
Molte persone sviluppano problemi al ginocchio in età avanzata, come usura articolare o danni al menisco, che li colpiscono sempre di più. Qui l'artroscopia (chirurgia del ginocchio minimamente invasiva) promette rimedi per il dolore cronico al ginocchio, ma la rinomata rivista specializzata "British Medical Journal" (BMJ) mette in guardia nel contesto della campagna "Troppa medicina" dei dubbi benefici dell'artroscopia. Ricercatori in Danimarca e Svezia hanno esaminato i risultati di 18 studi sui benefici e i danni della chirurgia artroscopica e non hanno riscontrato alcun beneficio significativo dalla procedura, riferisce il "BMJ". Esiste anche il rischio di gravi effetti collaterali.

La chirurgia del ginocchio sotto forma di artroscopia è una delle procedure chirurgiche più comuni nelle moderne nazioni industriali. "Oltre 700.000 artroscopie al ginocchio vengono eseguite ogni anno negli Stati Uniti e 150.000 nel Regno Unito su pazienti di mezza età e anziani con dolore al ginocchio persistente", riferisce la BMJ. Ma l'evidenza per i benefici della chirurgia artroscopica è sempre stata debole. Il presente studio non riconosce alcun beneficio aggiuntivo rilevante per la chirurgia rispetto ai trattamenti non invasivi, ma molti specialisti sono ancora convinti dei loro vantaggi fino ad oggi.

I risultati dello studio non supportano l'uso dell'artroscopia
Secondo "BMJ", nove studi randomizzati con un totale di 1.270 pazienti hanno identificato lievi vantaggi in chirurgia nella valutazione attuale, con un'età compresa tra 48 e 63 anni e il periodo di studio tra tre e 24 mesi. Nel complesso, l'artroscopia è stata associata a un piccolo ma significativo effetto sul dolore dopo tre e sei mesi (ma non più) rispetto ai trattamenti di controllo. Non ci sono stati benefici significativi in ​​termini di funzione fisica. In altri nove studi, secondo "BMJ", sono stati segnalati danni rari a seguito della procedura, con la trombosi venosa profonda (TVP) che è l'effetto collaterale più comune - seguito da infezioni, embolia polmonare e anche decessi. "Gli interventi sotto forma di artroscopia sono associati a un piccolo beneficio e danno assegnato", riportano gli scienziati. In ogni caso, il beneficio è significativamente inferiore rispetto alla terapia fisica. "Questi risultati non supportano la pratica comune della chirurgia artroscopica come trattamento per pazienti di età media o senior", hanno concluso i ricercatori.

È necessario un allontanamento dalla pratica abituale
"È difficile sostenere o giustificare una procedura che può potenzialmente causare gravi danni, purché questa procedura non avvantaggi il paziente più di un placebo", ha dichiarato il professor Andy Carr dell'Università di Oxford in un commento editoriale di accompagnamento sui risultati attuali . Molte vite potrebbero essere salvate e la trombosi venosa profonda prevenuta se l'artroscopia fosse rimossa o ridotta, ha aggiunto il professor Carr. A suo avviso, la medicina è vicina a una svolta e quando questo verrà raggiunto, ci sarà una rapida partenza dalla pratica abituale. In ogni caso, la terapia del movimento, le terapie manuali come l'osteopatia o il rolfing e vari approcci medici alternativi possono in molti casi contenere con successo il dolore cronico al ginocchio. Un'operazione non è quindi necessaria qui. (Fp)

Informazioni sull'autore e sulla fonte


Video: CONDROPATIA ROTULEA: ESERCIZI per migliorare i problemi di CARTILAGINE del GINOCCHIO (Agosto 2020).