Notizia

Appendicite: gli antibiotici potrebbero prevenire un intervento chirurgico più spesso


Appendicite: gli antibiotici sono spesso sufficienti
Inizialmente l'appendicite provoca grave dolore addominale nelle persone colpite, ma può avere gravi conseguenze se non trattata. Nella maggior parte dei casi, la chirurgia è in sospeso. Tuttavia, come hanno scoperto i ricercatori, i farmaci possono anche essere un'alternativa al bisturi. Di conseguenza, la maggior parte dei pazienti può anche essere curata con antibiotici.

I pazienti sono di solito operati
L'appendicite è di solito accompagnata da un forte dolore nell'addome inferiore. Inoltre, si verificano spesso sintomi non specifici come perdita di appetito, nausea o febbre. I pazienti vengono quindi operati rapidamente nella maggior parte dei casi, ma questa routine potrebbe non essere necessaria, come hanno scoperto gli scienziati. I farmaci potrebbero quindi essere un'alternativa sensata, perché nel caso di appendicite semplice, la maggior parte dei pazienti adulti può essere curata senza chirurgia. In molti casi, gli antibiotici sono sufficienti.

L'infiammazione dell'appendice deve essere trattata
I ricercatori finlandesi guidati da Paulina Salminen dell'ospedale universitario di Turku sono giunti a questa conclusione, come riportano nella rivista "Journal of the American Medical Association" ("Jama"). Per il loro studio, gli scienziati hanno esaminato 530 adulti che erano venuti in ospedale con lamentele acute e per i quali la sospetta appendicite era confermata nella tomografia computerizzata. Il termine "appendicite" in realtà non è corretto dal punto di vista medico, poiché l'appendice dell'appendice - l'appendice - è infiammata. Anche una pietra di ciliegia bloccata può causare infiammazione. Se questo non viene trattato, l'appendice può sfondare e provocare pericolose infezioni addominali.

Non è necessario alcun intervento chirurgico in circa tre quarti dei pazienti
I partecipanti allo studio sono stati divisi casualmente in due gruppi. Alcuni sono stati operati, altri sono stati trattati con farmaci. Tutti i pazienti tranne uno nel gruppo chirurgico hanno rimosso con successo l'appendice. Secondo le informazioni, i sintomi nel paziente non operato si erano attenuati da soli prima della procedura. I pazienti che hanno ricevuto un antibiotico endovenoso per tre giorni e poi un antibiotico orale per altri sette giorni hanno beneficiato principalmente di questa terapia. L'infiammazione è diminuita nel 73% dei pazienti durante il trattamento farmacologico. Sono stati in grado di lasciare la clinica senza un'operazione e l'infiammazione non è tornata entro l'anno successivo. Tuttavia, nel restante 27 percento, l'antibiotico non ha avuto l'effetto desiderato e ha dovuto essere operato nonostante il trattamento. Secondo la "Süddeutsche Zeitung", Salminen ha dichiarato: "Ciò dimostra chiaramente che i pazienti pesano e possono scegliere tra chirurgia e terapia farmacologica".

I risultati si applicano agli adulti
I ricercatori hanno sottolineato che i loro risultati inizialmente si applicano agli adulti e che i dati corrispondenti per i bambini non sono ancora stati confermati. Tuttavia, l'appendicite è particolarmente comune nei bambini, adolescenti e giovani adulti. Se l'appendicite è complicata, è quasi sempre necessario un intervento chirurgico. Quando un'operazione diventa necessaria, ci sono essenzialmente due procedure chirurgiche. Da un lato, può essere utilizzata una cosiddetta incisione alternata, in cui la cavità addominale del paziente viene aperta sopra l'appendice, in modo che il tessuto infiammato possa essere rimosso. D'altra parte, c'è la possibilità di eseguire una laparoscopia, in cui gli strumenti vengono inseriti nell'addome attraverso incisioni molto piccole. Quest'ultimo metodo è considerato più delicato.

Ripensare l'attuale routine medica
In un commento di accompagnamento ("http://jama.jamanetwork.com/article.aspx?articleid=2320296") Edward Livingston e Corrine Vons chiedono di ripensare la routine medica per operare sempre sull'appendicite. “L'intervento ha aiutato molti pazienti molto bene per oltre 100 anni. Con lo sviluppo di metodi diagnostici migliori come la tomografia computerizzata e gli antibiotici ad ampio spettro efficaci, l'appendicectomia potrebbe non essere necessaria in molti casi ", hanno spiegato i medici. "Provarlo prima con antibiotici e poi operare su quelli le cui condizioni non sono migliorate di conseguenza sembra essere una procedura ragionevole." Come dice l'editoriale, sono necessari ulteriori esami più ampi per determinare finalmente i benefici e i rischi dei due trattamenti chiarire. Alcuni medici tedeschi stanno già trattando un'infiammazione lieve con antibiotici e riposo a letto, ma il trattamento farmacologico può avere effetti collaterali e comporta anche il rischio di sviluppare agenti patogeni resistenti. La chirurgia, d'altra parte, è di solito senza complicazioni, ma rimane una procedura chirurgica importante. (anno Domini)

Informazioni sull'autore e sulla fonte


Video: Emergenze Gastrointestinali: come si prevengono, come si trattano (Agosto 2020).