Notizia

Trombosi: l'innesto nelle vene è pericoloso per la vita


Come prevenire la trombosi durante il viaggio
Ogni anno in Germania circa 100.000 persone muoiono per le conseguenze dell'embolia polmonare, che di solito è causata dalla trombosi. Si forma un innesto nel sangue, che ostacola il flusso sanguigno. Se questo pericoloso coagulo di sangue si dissolve, può migrare nei polmoni e bloccare una nave lì. Il rischio di trombosi è aumentato, specialmente quando si viaggia, poiché il flusso sanguigno viene ulteriormente rallentato sedendosi con le gambe piegate a lungo. L'agenzia di stampa "dpa" ha parlato con esperti di come prevenire efficacemente la trombosi su lunghi voli o viaggi in autobus.

La trombosi si verifica di solito nelle vene della gamba o del bacino
La trombosi si verifica quando si forma un coagulo di sangue (trombo) in un vaso sanguigno o nel cuore, che impedisce il flusso sanguigno. Ad esempio, il sangue di solito si coagula quando abbiamo una ferita sanguinante per fermare l'emorragia. Con la trombosi, tuttavia, la coagulazione non è utile, è dannosa e può persino avere conseguenze potenzialmente letali per le persone colpite. Ad esempio, l'embolia polmonare minaccia se l'innesto si allenta e si sposta nei polmoni.

In teoria, la trombosi può verificarsi in qualsiasi vena del corpo. Se il coagulo di sangue blocca un'arteria (arteria), può innescare un infarto, un ictus o un'occlusione dell'arteria. La trombosi si verifica di solito nelle vene della gamba o del bacino. I sintomi tipici di tale trombosi includono gonfiore della caviglia o della gamba, dolore al polpaccio come i muscoli doloranti e talvolta pelle di colore bluastro. "I segni spesso non sono chiari", riporta Holger Lawall della German Society for Angiology. "All'inizio molte persone colpite non notano nulla".

La malattia di solito colpisce le persone anziane. "L'età è il principale fattore di rischio per la trombosi", spiega Lawall. Il rischio di trombosi aumenta in modo significativo dall'età di 60 anni. Anche dopo un'operazione o se devi sdraiarti per un lungo periodo di tempo, il rischio aumenta. Inoltre, i cambiamenti ormonali, come durante la gravidanza, e la pillola anti-bambino promuovono un aumento della coagulazione del sangue.

I lunghi viaggi con le gambe piegate aumentano il rischio di trombosi durante il viaggio
Le persone che hanno un aumentato rischio di trombosi sono particolarmente a rischio nei lunghi viaggi in auto, autobus o aereo, poiché il flusso sanguigno viene rallentato sedendosi con le gambe piegate. "Se fai parte di uno dei gruppi a rischio, dovresti parlare in anticipo con il tuo medico di misure preventive ragionevoli", consiglia il Prof. Tomas Jelinek, direttore medico del Centro per i viaggi e la medicina tropicale di Berlino. "Altrimenti, il rischio di trombosi su lunghi voli o viaggi non è elevato come pensavamo qualche anno fa." In generale, tuttavia, ha senso di tanto in tanto muovere le gambe, stringere i muscoli del polpaccio e muovere le dita dei piedi per aiutare le vene a riportare il sangue al cuore contro la gravità. In modo che nulla ritorni di nuovo, le valvole venose fungono da valvole. "Le speciali calze da viaggio realizzate in un tessuto di nylon più denso supportano anche il flusso sanguigno e hanno il piacevole effetto collaterale che i piedi non si gonfiano", spiega Jelinek. Inoltre, ha senso bere molto per mantenere il sangue che scorre. Tuttavia, si dovrebbe astenersi dall'alcol, in quanto ciò favorisce l'affondamento del sangue nelle vene e quindi ha l'effetto opposto.

Un altro modo per prevenire la trombosi nei lunghi viaggi è quello di utilizzare calze a compressione personalizzate o farmaci per i pazienti che sono comunque a maggior rischio di malattia. Tuttavia, questo dovrebbe sempre essere discusso in anticipo con un medico. Jelinek sottolinea che i farmaci con effetti di fluidificazione del sangue come l'aspirina non hanno alcun effetto sulle vene.

È consigliabile un controllo delle vene prima del viaggio
“I pazienti con vene varicose sanno che i loro sintomi peggiorano quando sono caldi. Ecco perché un controllo ha senso. Quindi puoi reagire prima delle vacanze estive ", consiglia Michael Wagner, presidente della Vein League tedesca e.V. in un messaggio dell'associazione. La seduta prolungata aumenta, tra le altre cose, il rischio di trombosi in questo paziente. La Deutsche Venen-Liga e.V. e la Capio Mosel-Eifel-Klinik organizzano quindi una giornata informativa il 20 giugno 2015 sul tema "Malattie delle vene, prevenzione e cura" a Bad Bertrich.

"Anche coloro che hanno avuto un incidente o si sono ammalati durante le vacanze dovrebbero parlare con il medico curandoli della trombosi profilattica prima di tornare a casa", sottolinea Petra Hager-Häusler della Lega Vein tedesca eV Le persone sane senza precedenti malattie hanno, ad esempio, la polmonite o una gamba rotta è anche ad aumentato rischio di trombosi.

La trombosi può causare embolia polmonare potenzialmente letale
La trombosi deve essere sempre trattata da un medico. Altrimenti c'è pericolo per la vita. "Circa un terzo dei pazienti con trombosi venosa profonda soffre di embolia polmonare", ha avvertito il medico vascolare Lawall. Ciò accade quando il coagulo di sangue è uscito dalla parete della vena della gamba ed è stato lavato nei polmoni con il flusso sanguigno. Lì, l'innesto può ostruire una nave e causare che parti dei polmoni non siano più adeguatamente rifornite di sangue.

Il trattamento della trombosi è quindi principalmente finalizzato a prevenire un'ulteriore crescita del coagulo di sangue, in modo da ridurre il rischio di embolia polmonare. Alla maggior parte dei pazienti viene inizialmente iniettato il principio attivo eparina. Possono anche essere assunte compresse successive con altri ingredienti attivi. Il trattamento di solito dura diversi mesi perché il rischio di re-trombosi è elevato.

Il farmaco viene assunto per fluidificare il sangue e deve essere personalizzato in base al paziente. Una dose eccessiva potrebbe causare sanguinamenti indesiderati e pericolosi nel corpo.

Ai pazienti vengono anche fornite calze o bendaggi compressivi, poiché questi comprimono le vene in modo controllato e quindi supportano la funzione delle vene e delle valvole venose. "Indossare costantemente le calze a compressione e assumere le compresse è la migliore protezione contro le ricadute", sottolinea Lawall. (Ag)

/ span>

Informazioni sull'autore e sulla fonte

Video: La safena: Dove va il sangue dopo che la safena è stata tolta la safena? (Agosto 2020).