Notizia

Sempre più persone dipendono da sonniferi e sedativi


Le prescrizioni per medicinali pericolosi sono in aumento
Il numero di ricette per sonniferi e sedativi che creano dipendenza è aumentato nettamente. Lo scienziato Gerd Glaeske lo mostra usando i dati attuali del fornitore di servizi sanitari "Insight Health". In base a ciò, fino a 1,5 milioni di persone dipendono dai fondi rischiosi prescritti nella maggior parte dei casi da medici generici o internisti.

Le farmacie erogano più di 18 milioni di medicinali
Sempre più persone sembrano dipendere da sonniferi e sedativi. Lo scienziato della salute Gerd Glaeske è arrivato a questo spaventoso risultato calcolando i dati attuali, che la società "Insight Health" aveva fornito esclusivamente a "ZEIT". Di conseguenza, in questo paese si possono assumere da 1,2 a 1,5 milioni di persone a carico. In totale, le farmacie hanno venduto 18,7 milioni di pacchi di fondi rischiosi che potrebbero portare alla dipendenza se assunti a lungo termine.

I neurologi responsabili compilano le prescrizioni solo nel 18,5 percento dei casi
Come riporta lo "ZEIT", la valutazione ha dimostrato che sempre meno medicinali erano prescritti su prescrizione medica e invece il numero di prescrizioni private era aumentato. Nel 70 percento dei casi, internisti e medici di medicina generale hanno prescritto i fondi, anche se i pazienti avrebbero dovuto essere curati da uno specialista in neurologia. Tuttavia, questi hanno compilato solo le ricette per il 18,5 percento delle persone colpite. Come scrive ulteriormente ZEIT, i calcoli avrebbero comportato anche una distribuzione irregolare durante la prescrizione di sonniferi e sedativi. Di conseguenza, le farmacie hanno emesso la maggior parte dei medicinali in Saarland, Renania settentrionale-Vestfalia e Baden-Württemberg. In Assia, Sassonia-Anhalt e Turingia, tuttavia, c'era il minimo bisogno.

Uno studio britannico mostra un legame tra sonniferi e aumento della mortalità
Un recente studio di ricercatori britannici mostra quanto sia pericoloso assumere sonniferi e sedativi in ​​modo permanente. Gli scienziati guidati da Scott Weich dell'Università di Warwick avevano osservato quasi 35.000 adulti di età pari o superiore a 16 anni per oltre sette anni, ai quali erano stati prescritti questi rimedi per la prima volta. Hanno quindi confrontato i dati con quelli di persone che non avevano ricevuto alcun farmaco. Il risultato: nel corso degli anni, quattro su 100 soggetti di età compresa tra 35 e 75 anni che avevano assunto sonniferi o sedativi erano morti più che nell'altro gruppo.

"Questi risultati sono coerenti con le prove precedenti di una relazione statisticamente e clinicamente significativa tra farmaci ansiolitici e ipnotici e mortalità", scrivono i ricercatori sul British Medical Journal. Tuttavia, va tenuto presente che "come per tutti i risultati della ricerca, i risultati sono suscettibili di distorsioni che possono derivare da fattori non misurati e che continuano a confondere", hanno continuato gli scienziati. (No)

Informazioni sull'autore e sulla fonte


Video: Metodo Di Bella: melatonina, una molecola antitumore (Agosto 2020).