Notizia

È meglio non insultare personalmente i clienti


Esperto: non prendere personalmente gli insulti dei clienti
Se i dipendenti vengono insultati o insultati da clienti insoddisfatti, ciò può essere estremamente stressante per le persone colpite. In tali situazioni, dovrebbe essere chiarito che gli insulti non sono intesi personalmente.

"Non mi intende personalmente"
Ad esempio, se un cliente prende in giro i dipendenti al telefono, non è facile per molti. Sebbene insoddisfatto delle prestazioni dell'azienda, il dipendente ottiene tutto. Alcune persone colpite lo abbattono completamente. In tale situazione, come riporta l'agenzia di stampa dpa sull'argomento, è importante prendere le distanze internamente. Soprattutto, aiuta a chiarire: "Non mi intende personalmente, sono solo il proprietario del sistema", ha dichiarato Heike Schambortski, capo del coordinamento della prevenzione presso l'associazione professionale per i servizi sanitari e il benessere.

Cerca soluzioni insieme
Quindi aiuta la risposta a scivolare deliberatamente nel ruolo del rappresentante dell'azienda. Le emozioni personali devono essere escluse. È anche bene non contraddire la persona turbata al fine di porre fine alla situazione per te il più libero possibile dallo stress. Se invece accetti senza prenotazione, il vento viene spesso rimosso dalle tue vele. E poi viene creata la situazione in cui è meglio cercare possibili soluzioni insieme.

Il personale medico viene spesso insultato
Alcune professioni sono particolarmente esposte agli insulti. È stato riportato più volte negli ultimi mesi che gli insulti e gli attacchi violenti da parte dei pazienti sono aumentati enormemente, sia nei medici generici che nelle cliniche. In particolare nei pronto soccorso, il personale medico viene sempre più insultato e minacciato. Uno dei fattori che si dice che la violenza scateni spesso sono i lunghi tempi di attesa. Non tutti gli autori sono ubriachi o malati di mente. (anno Domini)

Informazioni sull'autore e sulla fonte


Video: Posso denunciare chi mi offende? avv. Angelo Greco (Agosto 2020).