Notizia

Cardiocapsule: il più piccolo pacemaker al mondo impiantato con successo


L'82enne riceve la capsula cardio
All'ospedale universitario di Düsseldorf, i medici hanno impiantato con successo per la prima volta in Germania un pacemaker più piccolo del mondo in un paziente di 82 anni. La cosiddetta capsula cardio non richiede un cavo e può essere utilizzata in una procedura minimamente invasiva. Ciò rende la chirurgia del pacemaker molto più semplice e meno stressante per il paziente.

Il pacemaker più piccolo del mondo viene utilizzato utilizzando una procedura minimamente invasiva
Circa cinque milioni di persone in tutto il mondo hanno un pacemaker perché l'organo fa un passo indietro o batte troppo lentamente senza supporto, mentre in Germania ne sono colpiti circa 500.000. In futuro, le cardiocapsule, il più piccolo pacemaker del mondo, verranno utilizzate sempre più in Germania. "Questo è un grande passo avanti nell'assistenza medica per i pazienti portatori di pacemaker", sottolinea il prof. Malte Kelm, direttore della Clinica di cardiologia, pneumologia e angiologia presso l'ospedale universitario di Düsseldorf. Questa è la prima volta che i medici a livello nazionale hanno usato con successo la cardiocapsula per un paziente di 82 anni. Secondo i medici, l'uomo è sopravvissuto bene all'operazione. Il primo pacemaker in Germania fu trapiantato nella stessa clinica il 9 ottobre 1961.

La capsula cardio offre molti vantaggi. "Per il paziente, ciò significa che è probabile che il rischio di infezione sia inferiore e che non vi sia più una cicatrice sotto la clavicola a causa di un impianto invasivo significativamente più basso", spiega il Dr. Shin, capo del dipartimento di ritmologia, insieme. "In particolare, i pazienti che hanno difficoltà ad accedere alla vena sotto la clavicola possono beneficiare di questa terapia." Inoltre, rimane il piccolo dispositivo, che è lungo solo 26 millimetri e 6,7 millimetri di diametro e pesa è solo 1,75 grammi, completamente nel cuore del paziente.

Il pacemaker più piccolo del mondo non richiede cavi
Come parte di una procedura mini-invasiva, la cardiocapsula viene guidata attraverso le vene inguinali nel ventricolo destro, dove è attaccata direttamente alla punta del cuore nel tessuto muscolare. L'operazione è molto delicata e può quindi essere eseguita anche nei pazienti più anziani. Poiché non è necessaria alcuna incisione sotto la clavicola e non vi sono cicatrici fastidiose, i pazienti trovano la procedura più piacevole. Inoltre, il rischio di infiammazione della ferita è ridotto. Il periodo di recupero dopo l'operazione è relativamente breve.

La cardiocapsula misura solo un decimo delle dimensioni dei pacemaker convenzionali. Tuttavia, uno dei maggiori vantaggi del mini dispositivo è che non richiede un cavo. Perché questi sono il punto debole dei pacemaker convenzionali perché sono esposti al costante movimento del cuore. Nel cardiocapel, d'altra parte, la batteria, l'orologio e il coltello a cuore sono integrati nel dispositivo. Secondo il produttore Medtronic, la batteria del pacemaker più piccolo del mondo dura dieci anni. (Ag)

Informazioni sull'autore e sulla fonte


Video: Avi Rubin: All your devices can be hacked (Agosto 2020).