Notizia

Ricercatori: le zanzare della febbre gialla dovrebbero combattere la febbre dengue


Le zanzare manipolate sono utilizzate in Colombia per frenare la diffusione della dengue
La Colombia è una delle principali aree di distribuzione della febbre dengue pericolosa, che viene trasmessa dalle zanzare. Gli scienziati stanno ora usando un mezzo insolito per fermare la malattia: a causa della manipolazione delle zanzare della febbre gialla (Aedes aegypti), il virus della dengue non può più nidificare negli animali, quindi la trasmissione all'uomo è impossibile. Il progetto degli scienziati è supervisionato dall'Università di Antioquia e fa parte di un programma in corso per sradicare la febbre dengue in altre regioni.

I batteri prevengono lo sviluppo del virus della dengue nelle zanzare
I ricercatori infettano le zanzare con il batterio Wolbachia, che impedisce al virus della dengue di svilupparsi nel corpo delle zanzare. Ciò impedisce anche la trasmissione del virus all'uomo, come spiegano gli scienziati del programma di ricerca e controllo delle malattie tropicali (Pecet).

Le zanzare modificate vengono quindi gradualmente rilasciate a París, nel nord-est della Colombia. Lo stesso numero di zanzare maschi e femmine viene portato lì ogni settimana. Nel primo passo, gli animali dovrebbero stabilirsi a Parigi. Se il progetto procede secondo i piani, il batterio, che non è trasferibile all'uomo, viene trasmesso dalla generazione delle zanzare alla generazione delle zanzare, in modo che si sviluppi una popolazione che non trasmette più la febbre dengue. Ciò dovrebbe ridurre significativamente il numero di infezioni da dengue nei quartieri pertinenti.

Quasi 40.000 casi di dengue in Colombia
Dall'inizio dell'anno, le autorità sanitarie hanno registrato quasi 40.000 casi di febbre dengue. La malattia è comune in America Latina, Africa centrale, India, Sud-est asiatico, parti del Pacifico e Stati Uniti meridionali.

La febbre dengue si manifesta di solito con sintomi simil-influenzali come febbre, brividi, mal di testa, muscoli e dolori muscolari. Può anche verificarsi un'eruzione cutanea (eruzione cutanea). La malattia infettiva è di solito lieve, ma ci sono anche corsi gravi regolari, in cui si sviluppa la cosiddetta febbre dengue emorragica, che si manifesta con una sindrome da shock acuto con emorragia. La permeabilità delle pareti dei vasi sanguigni aumenta, causando sanguinamento incontrollato. Di conseguenza, il flusso sanguigno può collassare e il paziente cade in coma.

Non esiste alcuna vaccinazione contro la febbre dengue e nessuna terapia causale. Le medicine possono alleviare solo i singoli sintomi. (Ag)

Informazioni sull'autore e sulla fonte


Video: Allarme per il virus Zika: il Brasile mobilita 220mila soldati (Agosto 2020).