Notizia

Ricerca medica: lo smartphone con microscopio rileva i parassiti del sangue


Smartphone come dispositivo diagnostico: un microscopio cellulare rileva i parassiti nel sangue
Gli smartphone potrebbero anche essere utilizzati in futuro in campo medico. Ricercatori statunitensi hanno sviluppato un test rapido per testare campioni di sangue per i parassiti. Per questo, lo smartphone è dotato di un obiettivo e di un'app speciale. I paesi in via di sviluppo in particolare potrebbero beneficiare della nuova tecnologia, scrivono i ricercatori sulla rivista "Science Translational Medicine".

Smartphone con microscopio come strumento diagnostico completo
Mentre tutti i cittadini di questo paese hanno accesso alle cure mediche, le persone nei paesi in via di sviluppo sono spesso da sole quando sono malate. I lunghi viaggi verso la clinica più vicina, pochi moderni dispositivi medici e medicinali e talvolta personale infermieristico insufficientemente addestrato spesso impediscono ai pazienti di ricevere le cure necessarie. A peggiorare le cose, in molte regioni non c'è quasi acqua potabile pulita o strutture sanitarie disponibili, il che aumenta il rischio di infezione e promuove la diffusione di parassiti. Ecco perché i ricercatori di tutto il mondo stanno lavorando allo sviluppo di metodi diagnostici e terapeutici più semplici ed economici che possono essere utilizzati nei paesi in via di sviluppo. Sono ora disponibili test rapidi per la malaria e un mini-laboratorio per test dell'HIV e della sifillide da collegare agli smartphone. Grazie alla tecnologia mobile, gli esami possono essere eseguiti praticamente ovunque.

I ricercatori guidati da Daniel Fletcher dell'Università della California a Berkeley sono ora riusciti a sviluppare un microscopio medico che utilizza la fotocamera di uno smartphone. "Abbiamo già dimostrato che i telefoni cellulari possono essere utilizzati per la microscopia, ma questo è il primo dispositivo che combina la tecnologia di imaging con l'automazione hardware e software per fornire una soluzione diagnostica completa", ha affermato Fletcher in una nota dell'università .

Lo smartphone rileva i parassiti del sangue in pochi minuti
La tecnologia funziona con un'app speciale. Ciò può diagnosticare in modo affidabile il parassita del sangue Loa loa in pochi minuti. Il nematode, noto anche come il verme dell'occhio, è diffuso nelle regioni tropicali dell'Africa e provoca protuberanze sotto la pelle. A volte vaga dritto negli occhi. Sebbene l'infezione sia scomoda e dolorosa, può essere facilmente gestita con farmaci e, se necessario, con un intervento chirurgico. Tuttavia, i pazienti infetti dal nematode presentano uno svantaggio maggiore. Non possono essere curati per la cosiddetta cecità fluviale, una malattia molto più pericolosa, poiché il farmaco comune con l'ingrediente attivo ivermectin ha effetti collaterali fatali nell'infestazione da Loa Loa. È quindi indispensabile chiarire se un paziente affetto da cecità fluviale è influenzato anche dal verme. La cecità fluviale è causata da un altro nematode molto più aggressivo (Onchocerca volvulus), che causa anche la cosiddetta elefantiasi, un doloroso gonfiore estremo degli arti.

Lo smartphone potrebbe sostituire i lunghi test di laboratorio
I medici di solito hanno bisogno di fare esami del sangue per vedere se hanno ulteriori infezioni da Loa Loa. Per fare questo, i medici esaminano il sangue al microscopio e contano le larve del verme che nuotano nel sangue. Poiché questo metodo è complesso, lungo e soggetto a errori e richiede anche un laboratorio adeguatamente attrezzato, il nuovo microscopio per smartphone potrebbe significare un significativo passo avanti.

Il nuovo metodo si chiama "CellScope Loa". Le larve dei vermi sono identificate dall'app in base ai loro movimenti tipici. È sufficiente una goccia di sangue del paziente. Il campione di sangue non deve essere preparato per questo. Il medico può facilmente controllare il processo di analisi tramite il touchscreen dello smartphone.

"Questa ricerca è intesa per malattie tropicali poco notate", spiega Fletcher. "Mostra ciò che la tecnologia può fare per la popolazione che soffre di malattie terribili ma curabili".

Il microscopio dello smartphone è già stato testato in Camerun. Se usato contro la cecità fluviale, si è rivelato molto accurato e in nessun modo peggiore delle tecniche esistenti.

"Avere un test antidroga in loco è un grande passo avanti nel controllo di tali malattie devastanti", ha affermato Vincent Resh dell'Università della California, che ha combattuto i parassiti nell'Africa occidentale per 15 anni. "L'app per smartphone è brillante, pratica ed estremamente necessaria." In uno studio di follow-up, circa 40.000 persone in Camerun trarranno beneficio dal microscopio dello smartphone. (Ag)
: Ute Mulder / pixelio.de

Informazioni sull'autore e sulla fonte

Video: Box mozzi: Apparato digerente 2 - (Novembre 2020).