Campagna: la rivista fornisce sangue da persone sieropositive

Campagna: la rivista fornisce sangue da persone sieropositive

La rivista gay "Vangardist" sorprende con un'azione insolita

Un'inusuale campagna della rivista gay austriaca "Vangardist" sta facendo scalpore: nel periodo precedente al Live Ball e all'Eurovision Song Contest, il foglio ha pubblicato un'edizione speciale stampata con il sangue di persone sieropositive. Con una tiratura di 3.000 copie, l'opuscolo dovrebbe aiutare ad aumentare la consapevolezza del virus e delle persone colpite.

Azioni per sensibilizzare sull'AIDS e sull'HIV La rivista gay austriaca "Vangardist" ha lanciato una sensazionale campagna per sensibilizzare l'opinione pubblica sugli argomenti "AIDS" e "HIV" tra la popolazione. Nel periodo precedente al Live Ball e all'Eurovision Song Contest, è stata stampata un'edizione speciale - con il sangue di persone sieropositive. "Abbiamo prelevato il sangue da tre donatori sieropositivi e l'abbiamo miscelato con l'inchiostro. I nostri coraggiosi donatori di sangue includono una donna e una madre, un uomo omosessuale e un uomo eterosessuale ”, secondo le informazioni sul sito web.

Il contatto con la pelle della rivista è assolutamente innocuo, afferma l'editore Julian Wiehl nei confronti del "Bild". "Nulla può succedere se si tiene la rivista e nulla può succedere se si tiene una persona sieropositiva." Tuttavia, quando si apre la confezione speciale, il lettore "inevitabilmente si confronta con le proprie paure e disagi", continuano gli editori . Ma una volta superati, il contatto con una persona infetta può essere più naturale in futuro.

La campagna è anche distribuita su Twitter con l'hashtag #HIVHeroes, con il titolo #HIVHeroes, il "Vangardist" ha pubblicato l'edizione speciale in stampa di 3000 copie, sebbene di solito sia una rivista puramente online. La campagna si diffonde anche su Twitter con lo stesso hashtag. L'obiettivo è trarre vantaggio dall'attenzione internazionale nella lotta contro l'AIDS e l'HIV, che è attualmente diretta in Austria attraverso il grande evento benefico sull'AIDS "Live Ball" (il 16 maggio) e l'Eurovision Song Contest (19-23 maggio) volere. Perché sebbene le persone colpite possano vivere una vita normale in paesi con buone cure mediche, "devono ancora affrontare un duro stigma sociale di esclusione". Di conseguenza, troppe persone hanno ancora paura del contatto con la pelle, degli abbracci o dei baci con persone sieropositive, continuano gli editori. (No)

: Andrea Damm / pixelio.de

Informazioni sull'autore e sulla fonte



Video: Donazione di sangue e Hiv, che relazione cè?