Notizia

Osteopatia per cani - osteopatia per cani


Osteopatia per cani

Sempre più cani hanno malattie e problemi nel sistema muscoloscheletrico. Aiuta l'osteopatia del cane. Non importa se displasia dell'anca o del gomito, spondilosi, ernie del disco o un processo anconeo frammentato. Il numero di lacrime del legamento crociato e di OCD operati continua ad aumentare. Le possibilità dei trattamenti stanno diventando sempre più diverse - quindi le tecniche osteopatiche, che sono già utilizzate con successo nell'uomo e nei cavalli, sono state trasferite al cane attraverso l'osteopatia del cane al fine di alleviare la sofferenza dei vari problemi di movimento.

Osteopatia del cane:
Osteopatia per cani - osteopatia per cani
La storia dell'osteopatia
Ulteriore sviluppo dell'osteopatia
Dall'uomo al cavallo
Da cavallo a cane
Emergenza di lamentele
Cause di reclami

La storia dell'osteopatia

I principi di base dell'osteopatia furono sviluppati circa 130 anni fa dal dottore americano Dr. Andrew Taylor Still (1828-1917) sviluppato. I risultati del Dr. Ancora in seguito fu ampliato su alcuni principi dai suoi studenti:

1) Le strutture del corpo hanno bisogno di movimento per la loro funzione Dr. Taylor ha ancora riconosciuto che le malattie possono essere associate a un ridotto movimento di strutture come muscoli, fascia, legamenti, articolazioni, ossa e organi. L'organismo è visto come un orologio: il gran numero di piccole ruote lavora insieme con alta precisione e se rimane una sola ruota, l'intero sistema può fallire. L'osteopatia aiuta a rilevare e risolvere le restrizioni di movimento.

2) Interazione tra struttura e funzione
Questo principio significa che le funzioni di un organo, muscolo, articolazione, legamento o osso determinano la sua struttura. Al contrario, lo stesso vale, poiché la struttura può anche determinare la funzione: ad esempio, lo stinco è significativamente più spesso e più grande del perone, poiché lo stinco è responsabile del trasporto di gran parte del peso corporeo.

3) Osservare l'organismo come un'unità inseparabile Osservare il corpo umano come un'unità coerente si applica anche alla medicina cinese (MTC). Significa che dovresti sempre guardare tutte le strutture, ma anche l'intero corpo se c'è un problema. Ad esempio, un osteopata con una rottura del legamento crociato di solito non lo guarderà e lo tratterà in modo isolato, ma guarderà anche le caviglie, i piedi, i fianchi e la colonna vertebrale, per esempio. A causa di una tensione obliqua e non fisiologica sul ginocchio causata dallo strappo del legamento crociato, altre articolazioni possono essere “oblique” e stressate asimmetricamente, e la parte sana del corpo può essere compensata da una postura accurata.

4) Abilità di auto-guarigione Un corpo si impegna costantemente per raggiungere un equilibrio nelle sue funzioni. Dobbiamo la capacità del nostro corpo di farlo ai suoi poteri di auto-guarigione.

5) Regola arteriosa Questo principio descrive che le cellule e i tessuti di un organismo sono pienamente funzionali solo al 100% se l'apporto e lo scarico di sangue e linfa sono ottimali. Cicatrici, infiammazioni, tensione muscolare e lesioni possono limitare questo microcircolo.

Ulteriore sviluppo dell'osteopatia

William Garner Sutherland (1873-1954), uno studente diretto di Still, nominò il movimento respiratorio primario (PRM) intorno al 1939. Si tratta di un ritmo corporeo minimo ma distintivo che può essere usato terapeuticamente e diagnosticamente. W.G. Sutherland porta la terapia craniosacrale all'osteopatia.

L'osteopatia porta uno studente di Still, John Martin Littlejohn, in Europa. Nel 1917 fondò la British School of Osteopathy (BSO), che esiste ancora oggi. Ma solo dal 1993 la professione di osteopata è stata legalmente riconosciuta in Inghilterra. Circa 40 anni dopo, l'osteopatia arriva anche nell'Europa continentale. In Francia, gli osteopati Jacques Weischenck e Jean-Pierre Barral arricchiscono l'osteopatia con l'area viscerale: diagnosi e trattamento degli organi.

Per molti protagonisti dell'osteopatia, questo è composto da 3 aree:
- Osteopatia parietale (sistema muscoloscheletrico con muscoli, ossa, fascia, tendini e legamenti)
- Osteopatia viscerale (organi, con strutture e sospensioni circostanti)
- Osteopatia craniosacrale (ossa craniche, meningi, osso sacro e strutture circostanti)

Dall'uomo al cavallo

Il veterinario francese Dominique Giniaux trasferì i principi dell'osteopatia ai cavalli nei primi anni '70. Perché l'anatomia e la funzionalità di muscoli, articolazioni, legamenti e tendini degli esseri umani sono simili a quelle del cavallo.

Pascal Evrard e la signora Beatrix Schulte Vienna (fisioterapista e osteopata umana) portarono l'osteopatia del cavallo in Germania e fondarono la prima scuola a Dülmen, l'Istituto tedesco per l'osteopatia del cavallo (DIPO) per veterinari, medici e fisioterapisti. Nel settembre 2000, Pacal Evrard ha fondato la "Scuola internazionale di osteopatia equina" di Francoforte (FISEO) a Kelkheim e, fino alla sua improvvisa morte all'inizio del 2004, ha sempre cercato di sviluppare ulteriormente e diffondere ulteriormente l'osteopatia equina a livello internazionale.

Nel frattempo, l'osteopatia equina è diventata un'opzione terapeutica alternativa riconosciuta per il trattamento di tutti i disturbi del sistema muscoloscheletrico. Il trattamento del cavallo funziona principalmente con elementi di terapia parietale e cranio-sacrale.

Da cavallo a cane

Fu solo nel 2006 che iniziò il primo corso di addestramento presso DIPO per diventare un osteoterapista del cane. Perché sempre più cani hanno grossi problemi nel sistema muscolo-scheletrico, che può essere significativamente migliorato con l'aiuto del trattamento osteopatico.

Il trattamento osteopatico dei cani ha molti parallelismi con il trattamento umano, ma presenta ancora differenze abbastanza grandi rispetto al trattamento con cavallo. Spesso, i problemi di movimento nei cani derivano da squilibri negli organi interni e dalle loro sospensioni, nonché dalla tensione muscolare e dal sovraccarico muscolare.

Queste cause possono essere trattate molto bene con l'osteopatia viscerale, con opzioni di trattamento parietale morbido - come tecniche di fascia e terapia cranio-sacrale. Spesso puoi salvare te stesso il cosiddetto "raddrizzamento della colonna vertebrale" se pretrassi i cani in questo modo. Questo tipo di trattamento è più delicato sull'organismo, è molto ben tollerato dal cane e può essere meglio implementato dall'organismo, in modo che gli intervalli di trattamento possano essere spostati ulteriormente, anche con disturbi cronici.
Ma anche blocchi acuti che ad es. accadendo mentre si gioca o si esercita può essere trattato bene con queste tecniche morbide. Per questo motivo, i proprietari di cani dovrebbero sicuramente prestare attenzione a un buon addestramento, specificamente orientato all'anatomia e alla fisiologia del cane, quando scelgono i loro terapisti.

Sintomi - Osteopatia nel mio cane I sintomi da trattare sono:

- zoppia
- mal di schiena,
- blocchi spinali,
- ernia del disco (il bassotto paralizza)
- dolore per l'artrosi
- restrizioni generali di movimento e cambiamenti
- HD / ED
- Sindrome da compressione Cauda-Equina (CECS),
- strappo del legamento crociato OCD,
- prima e dopo tutte le operazioni,
- epilessia,
- reclami prima / dopo o durante il caldo
- minzione / incontinenza
- debolezza muscolare
- Migliorare la qualità della vita in età avanzata

Emergenza di lamentele

Se un cane improvvisamente non salta più nel bagagliaio, se il cane zoppica sporadicamente o corre approssimativamente, cammina costantemente dietro quando cammina il cane, si ferma o addirittura si sdraia, a volte cade con i suoi posteriori, macina con i suoi artigli, è sempre più rigido dopo lunghe pause, si siede in modo diverso o addirittura si rifiuta di dare questo ordine - cosa che non è mai accaduta altrimenti, ma anche improvvisa aggressività contro ogni altro cane, schioccare e ringhiare quando si lava, contrarsi nella pelliccia quando si accarezza la schiena, riluttanza a muoversi, Se non si desidera giocare o mostrare altri sintomi simili, potrebbero esserci blocchi.

L'elenco delle possibili opzioni che possono indicare problemi o dolori al sistema muscolo-scheletrico è molto lungo. Perché i cani sono maestri nel compensare e non mostrare dolore o problemi. E solo quando non c'è altra opzione, mostrano chiaramente che qualcosa non va. Ma sfortunatamente abbiamo spesso un'ernia del disco, una lacrima del legamento crociato o qualcosa di simile. Quindi ha senso prendere sul serio queste piccole modifiche e farle controllare prima che si verifichino danni gravi.

Cause di reclami

L'elenco delle cause dei reclami è lungo e vario. In molti cosiddetti "cani di moda", tutto è allevato, indipendentemente dal fatto che gli animali genitori siano sani o meno. E così, naturalmente, alcune malattie sono ereditate. Ma anche la frequenza delle cucciolate gioca un ruolo: se una cagna partorisce due volte l'anno per soddisfare l'avidità di profitto del suo proprietario, il potere che può trasmettere ai suoi bambini è molto minimo. Non è per niente che tutte le associazioni di allevatori di cani hanno restrizioni qui.

Ma lo stress, il sovraccarico e un'attenta allevamento hanno molto a che fare con la salute successiva di un cane. Qui il rapporto tra debito e credito deve essere corretto e non esiste una ricetta generale per questo!
L'esempio migliore è il ciclismo. Qui le opinioni degli esperti differiscono. La mia opinione è: andare in bicicletta sì - per tutti i cani, compresi i mastini. Il "come" è cruciale qui: ovviamente inizi molto lentamente e questo significa spingere la bici prima che il cane abbia capito cosa fare. E poi inizi con un trotto lento di cinque minuti e lo aumenti molto, molto, molto lentamente - con i cani in crescita, non c'è mai più di due volte a settimana al massimo. Guida 30 minuti e soprattutto in base alla velocità del cane! Fondamentalmente, la guida è sempre più veloce di quanto il cane possa correre a trotto lento (questo vale anche per i cani di piccola taglia) - e non ha luogo la corsa selvaggia. Se lo fai, i muscoli di un organismo sano dovrebbero crescere e possono quindi sostenere le articolazioni e la schiena.

Un'eccezione sono le scale (soprattutto incontrollate) e il costante salto su e giù sul divano. Questi sono principalmente schemi di movimento non fisiologici che non possono essere descritti come appropriati per la specie. (Friederike Franze, fisioterapista umano, fisioterapista e osteopata del cane)

Cos'è l'osteopatia
Osteopatia del cane: la corretta alimentazione del cane

Informazioni sull'autore e sulla fonte

Video: lOSTEOPATIA PER IL TUO CANE e il DOG FITNESS (Agosto 2020).