I pazienti richiedono più assistenza dal medico

I pazienti richiedono più assistenza dal medico

Le persone assicurate stanno diventando sempre più critiche e sicure di sé nel settore sanitario

Medici, ospedali e operatori sanitari dovranno adattarsi sempre più ai pazienti critici e sicuri di sé in futuro. Questo è il risultato del "Healthcare Barometer 2015" della società di revisione e consulenza "PricewaterhouseCoopers" (PwC) con sede a Francoforte sul Meno. In base a ciò, le persone assicurate si aspetterebbero più attenzione e servizio dal proprio medico al giorno d'oggi, tra le altre cose, per quanto riguarda gli orari di apertura delle pratiche o il trattamento "a livello degli occhi".

Una mancanza di attenzione e una mancanza di competenza portano all'insoddisfazione Il pubblico nelle pratiche mediche, negli ospedali e in altre istituzioni del sistema sanitario sembra essere sempre più critico. Ciò emerge dall'attuale "Healthometer Barometer 2015" della società di revisione e consulenza PricewaterhouseCoopers (PwC), per la quale sono stati intervistati oltre 1.000 cittadini di età pari o superiore a 18 anni. Come riportato dalla PwC, la mancanza di attenzione, la mancanza di competenza percepita e i lunghi tempi di attesa sono i motivi più comuni per cui i pazienti più giovani, in particolare, sono spesso insoddisfatti delle cure mediche.

I pazienti richiedono un orientamento al servizio sempre più forte. Secondo questo, il 27 percento dei giovani di età compresa tra 18 e 34 anni si lamenterebbe dei tempi di apertura degli interventi chirurgici, mentre la percentuale per gli ultrasessantacinquenni era solo dell'8 percento. Inoltre, il 20% dei pazienti più giovani ritiene di non essere preso abbastanza sul serio da medici e personale medico, che lo studio ha rilevato solo l'8% degli anziani. "I medici, in particolare i giovani, devono adattarsi a un gruppo target di pazienti fiduciosi e critici che apprezzano il servizio e vogliono essere trattati su un piano di parità", afferma Michael Burkhart, partner di PwC e capo della divisione sanitaria e farmaceutica. Di conseguenza, quasi il 50% degli intervistati più giovani vorrebbe più attenzione da parte del medico, mentre questo vale solo per circa il 29% delle generazioni più anziane, riferisce PwC.

I giovani stanno ottenendo sempre più informazioni su Internet invece del loro medico di famiglia. Secondo lo studio, anche i giovani stanno diventando sempre più critici quando si tratta di scegliere una clinica adatta per un ricovero in ospedale: mentre i tre quarti (75,5 per cento) di quelli di età superiore ai 55 anni hanno ancora problemi lasciando la raccomandazione del medico di famiglia, questo vale solo per il 59,6 percento dell'assicurato di età compresa tra 18 e 34 anni. Invece, i giovani passerebbero sempre più ad altre fonti di informazione, con siti web di cliniche, forum online e siti di valutazione, e le opinioni di amici e conoscenti svolgono un ruolo importante. "Il monopolio del medico di famiglia sulle informazioni viene sempre più messo in discussione da Internet", ha continuato Michael Burkhart.

La mancanza di copertura dei costi per metodi di guarigione alternativi è un frequente punto di critica e gli assicurati stanno diventando sempre più critici nei confronti degli assicuratori sanitari, anche se quelli assicurati dalla legge sono generalmente più soddisfatti del loro attuale assicuratore sanitario che
Assicurato privatamente, scrive la PwC. Le critiche sono esercitate, soprattutto quando si tratta del catalogo dei servizi, che quasi il 72 percento degli intervistati "insoddisfatti" ha valutato come "mediocre", secondo il risultato del "Barometro sanitario 2015". Più di un terzo degli intervistati ha criticato la mancanza di costi per molte offerte, con metodi di guarigione alternativi / omeopatia con l'8 percento e costi del dentista (circa il 5 percento), trattamenti per occhiali e occhi (4,8 percento) al primo posto . (No)

> Immagine: Tim Reckmann / pixelio.de

Informazioni sull'autore e sulla fonte



Video: Vicenza AIL Pazienti Linfomi - Seminario Pazienti - Medici