Notizia

Pronto soccorso per il mal di mare


Cosa aiuta davvero con la sofferenza sulle onde?

In alto mare, molti passeggeri sono rapidamente colpiti dal cosiddetto "mal di mare", che si manifesta soprattutto in sintomi come malessere, nausea, vertigini e pallore facciale. Anche i marittimi esperti possono essere colpiti, perché una nave a dondolo rappresenta una grande sfida per l'equilibrio interiore, ma altri viaggiatori soffrono rapidamente dei segni di cinetosi in auto, aereo o autobus. Tuttavia, farmaci speciali, semplici trucchi e rimedi casalinghi possono rapidamente rimediare a questo.

La cinetosi come una reazione fisica naturale Improvvisa pallidezza del viso, vertigini, sudorazione, nausea e vomito: il cosiddetto "mal di mare" può rapidamente offuscare il tanto atteso piacere di vacanza. Fondamentalmente, questa non è una malattia "reale", invece il termine riassume tutti quei sintomi che si verificano come una reazione fisica a movimenti e accelerazioni insolite.

Il senso di equilibrio è sovraccarico Il mal di mare è quindi una delle cosiddette "chinetosi" o disturbi del movimento, che possono verificarsi anche in auto, aerei ("malattia di volo") o, più raramente, in autobus e treni. La cinetosi in alto mare è causata da una "mancata corrispondenza sensoriale", perché lo spazio rigido (cabina) che i passeggeri percepiscono attraverso i loro occhi non corrisponde al movimento percepito a causa delle onde, spiega il Prof. Andreas Koch del Maritime Medical Institute la Marina ha riferito all'agenzia di stampa "dpa". A causa delle informazioni contraddittorie che il cervello riceve dalle cellule sensoriali, c'è un sovraccarico nel sano senso dell'equilibrio, che il cervello interpreta come un pericolo. Di conseguenza, ormoni dello stress come L'istamina viene rilasciata, il che a sua volta porta a sintomi come vertigini e nausea.

Sensazione di malessere, eruttazione e pallore come i primi segni di mal di mare Secondo il capo dello scambio marittimo, Christian Ottomann, la prima fase si sentirebbe principalmente malata, eruttazione, sensazione di pressione, pallore e stanchezza. "Poi c'è la nausea", ha continuato Ottomann al "dpa" - un segno che il passeggero è effettivamente diventato "mal di mare" per intero. Secondo il direttore del servizio medico portuale di Amburgo, Martin Dirksen-Fischer, le persone colpite dovrebbero essere consapevoli che la reazione del corpo è di solito temporanea. "È di nuovo finito" assicura l'esperto. Perché nella maggior parte dei casi, il corpo si abitua normalmente ai movimenti insoliti dopo due o tre giorni e molte navi da crociera moderne sono ora dotate di stabilizzatori per il movimento delle onde.

Usare lo zenzero come rimedio naturale Poiché il corpo rilascia istamina, tra le altre cose, in risposta al presunto pericolo, gli antistaminici sono spesso prescritti per la cinetosi. Inoltre, viene utilizzata anche scopolamina, che contiene, tra l'altro, henbane e mela spina, e quindi contrasta l'irrequietezza interna e la voglia di vomitare. Inoltre, i rimedi naturali si sono dimostrati utili nel trattamento della cinetosi. Lo zenzero è un rimedio casalingo particolarmente buono per la nausea, che è stato usato dai marittimi secoli fa come rimedio per il mal di mare tagliandolo in pezzi e masticandolo contro vertigini e nausea. Esistono anche alcuni rimedi utili nel campo dell'omeopatia, che possono essere assunti in casi acuti o come misura preventiva. Cocculus (grani di Kockels), Tabacum o Nux Vomica vengono messi in discussione qui.

Auto-aiuto attraverso semplici trucchi ed esercizi di rilassamento Secondo Ottomann, è anche utile posizionarsi nella direzione dei movimenti della nave, durante il ribaltamento a prua o di poppa, o quando la nave si inclina verso il babordo o il lato di dritta ("rotoli"). Anche tecniche di rilassamento come esercizi di respirazione, allenamento autogeno o rilassamento muscolare progressivo possono essere utili per abbassare il livello di stress e concentrarti su te stesso. Se ci si aspetta alto mare, l'alcool e la nicotina dovrebbero essere evitati anche la sera prima, perché entrambi hanno un effetto stressante sul sistema circolatorio e sul sistema dell'equilibrio e possono quindi portare ad un aumento dei sintomi. La mancanza di sonno influisce anche sul corpo, il che può causare uno squilibrio del mare ancora più veloce, lo stesso vale per gli alimenti abbondanti e pesanti, che mettono anche a dura prova il corpo. (No)

Immagine: Erich Westendarp / pixelio.de

Informazioni sull'autore e sulla fonte

Video: SOFFRO il MAL DI MARE ma mangio comunque - Calabria 3 - Praia a Mare (Settembre 2020).