Proteggi meglio i pazienti dagli errori terapeutici

Proteggi meglio i pazienti dagli errori terapeutici

Proteggi i pazienti meglio dagli errori terapeutici

Ogni anno in Germania muoiono più persone per gli effetti collaterali delle droghe che per il traffico stradale. I farmacisti chiedono quindi che i pazienti siano meglio protetti dagli errori terapeutici.

Più morti per effetti collaterali che per traffico stradale Ogni anno muoiono più cittadini tedeschi per gli effetti collaterali delle droghe che per il traffico stradale, riferisce l'Associazione federale delle associazioni dei farmacisti tedeschi (ABDA). Professor Dr. Ulrich Jaehde ha spiegato a Pharmacon Schladming, il congresso internazionale di formazione della Camera federale dei farmacisti: "Il traffico stradale è diventato sempre più sicuro negli ultimi decenni, ad esempio grazie all'uso delle cinture di sicurezza e all'introduzione standard degli airbag. Dobbiamo introdurre livelli comparabili di sicurezza nella terapia farmacologica. ”Jaehde è farmacista e insegna farmacia clinica all'Università di Bonn.

Rendere più sicuro l'uso dei farmaci Secondo varie stime, ogni anno dai 16.000 ai 58.000 tedeschi muoiono direttamente o indirettamente a causa degli effetti collaterali dei farmaci. In confronto, ci sono circa 4.000 decessi accidentali all'anno. Come prosegue, la cattiva gestione della polimerizzazione non ha solo conseguenze sulla salute, ma provoca anche un costo stimato di 1 miliardo di euro in Germania ogni anno. L'obiettivo della sicurezza della terapia farmacologica (AMTS) è quello di rendere l'uso dei farmaci significativamente più sicuro nei prossimi anni. Si dice che circa il cinque percento di tutti i ricoveri sia il risultato di effetti avversi da farmaci.

Anziani particolarmente spesso colpiti A causa del verificarsi simultaneo di diverse malattie e della conseguente polimerizzazione, questo tasso è addirittura di circa il dieci percento per gli anziani. Jaehde ha dichiarato: “Circa la metà di tutti i ricoveri ospedalieri legati alla droga sarebbero evitabili perché sono il risultato di un errore terapeutico. È qui che medici, farmacisti, infermieri e pazienti devono lavorare meglio insieme. ”Un errore terapeutico, ad esempio, è quando un paziente affetto da diabete prende accidentalmente un farmaco per ridurre la glicemia senza mangiare nulla come previsto poco dopo. Ciò può provocare ipoglicemia e debolezza o svenimento della persona interessata. Gli errori terapeutici frequenti sono interazioni farmacologiche.

La cooperazione deve essere meglio coordinata. Come continua a dire, i farmacisti possono fare molto per migliorare l'AMTS e quindi la sicurezza dei pazienti, ad esempio nell'ambito di una cosiddetta "gestione dei farmaci". Secondo Jaehde, ci sono tre approcci principali per migliorare l'AMTS: in primo luogo, è indispensabile un piano terapeutico, in cui tutti i farmaci attualmente assunti sono elencati in modo completo. Inoltre, la cooperazione tra medici, farmacisti e infermieri deve essere coordinata meglio. E il terzo, anche indispensabile passo è l'informazione dei pazienti e il loro coinvolgimento attivo.

Applicazione di sicurezza della terapia farmacologica sulla tessera sanitaria Recentemente è stato raggiunto un accordo sulla sicurezza della terapia farmacologica in relazione alla tessera sanitaria elettronica (eGK). Secondo i resoconti dei media, le migliori organizzazioni di farmacisti, medici, ospedali, dentisti e compagnie di assicurazione sanitaria hanno concordato un quadro di contenuti per l'applicazione volontaria della "sicurezza della terapia farmacologica" (AMTS) all'eGK pochi giorni fa, secondo i resoconti dei media. Tuttavia, c'è ancora molta strada da fare prima dell'applicazione pratica della funzione AMTS, che è volontaria per tutti i pazienti. (anno Domini)

Immagine: Bernd Kasper / pixelio.de

Informazioni sull'autore e sulla fonte



Video: Menopausa e terapia ormonale sostitutiva - 6: Come personalizzare la cura