Medicina: i nasi caldi proteggono dal raffreddore

Medicina: i nasi caldi proteggono dal raffreddore

Protezione contro il raffreddore: mantenere il naso caldo
08.01.2015

Gli adulti in Germania hanno in media dai due ai cinque raffreddori all'anno. Gli esperti spesso non sono d'accordo sul modo migliore per proteggersi dagli effetti spiacevoli di un raffreddore, come naso che cola, mal di gola e mal di testa. Secondo un'indagine degli Stati Uniti, ha senso mantenere caldo il naso per proteggere dai virus.

Punte esperte e posate per il raffreddore Dolore alla testa e agli arti, tosse, mal di gola e affaticamento: in media, i tedeschi adulti hanno un raffreddore da due a cinque volte l'anno. Esperti e laici spesso hanno consigli su come proteggersi al meglio da un raffreddore. Alcuni si basano su vecchi rimedi domestici e altri credono che il rafforzamento del sistema immunitario sia la migliore protezione. Un altro approccio è quello di evitare lo stress e dormire molto. Come dimostra uno studio condotto negli Stati Uniti, ha senso mantenere caldo il naso per proteggere dal raffreddore.

Il naso caldo può proteggere dai virus Il fatto che i virus del raffreddore raramente causino infezioni nei polmoni è stato finora spiegato dall'aumento dipendente dalla temperatura dei virus, che si verifica più velocemente nella mucosa delle cavità nasali più fredde rispetto alle vie respiratorie più calde. Questo è ciò che scrive "Tagesspiegel" in un articolo attuale. Tuttavia, i ricercatori negli Stati Uniti hanno ora dimostrato che anche la difesa immunitaria innata svolge un ruolo importante. La difesa contro le cellule della mucosa dopo l'infezione da infezione da rinovirus era significativamente più debole a 33 gradi rispetto a 37 gradi, come riportato dagli scienziati nella rivista "Atti della National Academy of Sciences" (PNAS). Potrebbe quindi avere senso mantenere caldo il naso in inverno per proteggersi dal comune virus del raffreddore.

Bassa risposta immunitaria del corpo immunitario "In generale, più bassa è la temperatura, più debole è la risposta immunitaria innata all'infezione da virus", ha affermato Akiko Iwasaki della Yale University di New Haven. Quando i ricercatori hanno infettato le mucose coltivate nel tratto respiratorio dei topi con rinovirus, è stato confermato che i virus si riproducevano peggio a 37 ° C che a 33 ° C, come è tipico per la cavità nasale. "Più bassa è la temperatura, più bassa sembra essere la risposta immunitaria dell'organismo al virus", ha affermato Akiko Iwasaki, professore di immunobiologia e autore principale dello studio, secondo il "Welt".

Vestirsi calorosamente al freddo Sembra che le temperature più basse abbiano un effetto maggiore sulla difesa delle cellule che sulla moltiplicazione dei virus stessi. I ricercatori ritengono che lo stesso valga per le cellule del topo come per le cellule del tratto respiratorio umano e raccomandano di vestirsi caldi al freddo. È meglio coprirsi il naso se non si vuole prendere un raffreddore. Non è stato ancora chiarito se i risultati dell'indagine possano essere trasferiti ad altri agenti patogeni virali delle infezioni respiratorie o se si applichino solo al virus del raffreddore. Non esiste comunque una protezione immunitaria generale contro il naso che cola. (anno Domini)

Immagine: wolla2 / pixelio.de

Informazioni sull'autore e sulla fonte



Video: Trattare le disarmonie respiratorie con una penna Bic - Mal di gola, raffreddore, naso chiuso.