Psicoterapia invece di farmaci per il dolore

Psicoterapia invece di farmaci per il dolore

Psicoterapia invece di farmaci per la gestione del dolore
23.12.2014

Molte persone che soffrono di mal di schiena cronico o mal di testa prendono solo farmaci per il sollievo. Tuttavia, i tablet da soli non aiuteranno a lungo termine. Gli esperti consigliano ai pazienti di affrontare il dolore psicologico, in cui i pazienti imparano a "rilassarsi in modo mirato".

Qualità della vita compromessa per i pazienti con dolore La qualità della vita è enormemente compromessa per i pazienti che soffrono di dolore cronico. Tuttavia, per le persone colpite, le pillole per il dolore sono solo una parte del trattamento. La psicologa qualificata Kathrin Bernardy sottolinea all'agenzia di stampa dpa che la gestione del dolore psicoterapeutico è una buona aggiunta al farmaco. Bernardy è il principale psicologo nel dipartimento di medicina del dolore della Clinica dell'Università Bergmannsheil di Bochum e spiega nel rapporto dell'agenzia come funziona il trattamento.

Strategie per far fronte al dolore La gestione psicologica del dolore consiste di diversi elementi e fa parte della cosiddetta terapia del dolore multimodale. "Per prima cosa parli al paziente di fattori scatenanti o intensificatori del dolore, come stress e tensione", ha detto il terapeuta. Successivamente, il paziente e il terapista insieme cercano di trovare diverse strategie di coping, come l'esercizio fisico o le tecniche di rilassamento. Come sottolineato ripetutamente dagli esperti, esercizi di rilassamento come lo yoga o l'allenamento autogeno contribuiscono enormemente a ridurre lo stress e alleviare il dolore per molte persone.

Le tecniche di rilassamento aiutano Bernardy a spiegare a Dpa come funziona la gestione del dolore: "I pazienti tengono un diario del dolore in cui documentano le loro attività quotidiane in relazione all'intensità del dolore". L'obiettivo è che le persone colpite dovrebbero riconoscere e gestire i fattori scatenanti per un aumento del dolore. "Per essere in grado di affrontare meglio il dolore, aiutano tecniche di rilassamento mirate come il rilassamento muscolare progressivo o i viaggi di fantasia", afferma lo psicologo laureato. Anche il movimento è un fattore importante. Perché questo dirige l'attenzione del paziente lontano dal dolore verso altre cose.

Affrontare psicologicamente il dolore Non importa se i pazienti soffrono di mal di testa o mal di schiena: secondo le informazioni, l'affronto psicologico con il dolore può essere usato per quasi tutti i disturbi del dolore. I singoli elementi sono adattati alle esigenze specifiche del singolo paziente, a seconda della malattia di base, dello stile di coping e delle malattie mentali, spiega l'esperto. Sottolinea che ci sono terapie del dolore multimodali con gestione del dolore psicologico ambulatoriale, semi-ricoverato e ospedaliero in cliniche e centri di dolore. "Offrono anche psicoterapeuti con formazione aggiuntiva come psicoterapisti del dolore", afferma Bernardy.

Antidolorifici con effetti collaterali Vari studi condotti sull'argomento mostrano quanto sia sensato far fronte al dolore psicologico. Ad esempio, dopo un'analisi completa dei singoli studi, gli scienziati del Charité di Berlino e dell'Università tecnica di Darmstadt sono giunti alla conclusione che metodi di trattamento alternativi come la fisioterapia o le procedure psicologiche per il dolore cronico hanno lo stesso effetto a lungo termine degli antidolorifici forti. I ricercatori hanno pubblicato i risultati del meta studio alcuni mesi fa sulla rivista specializzata "British Journal of Pharmacology". I risultati suggeriscono che nel trattamento del dolore cronico, si dovrebbe prestare particolare attenzione per evitare effetti dannosi sui farmaci. Tali effetti collaterali possono includere, ad esempio, sanguinamento dallo stomaco, disturbi respiratori o persino un attacco di cuore. (anno Domini)

Immagine: Stephanie Hofschlaeger / pixelio.de

Informazioni sull'autore e sulla fonte



Video: Neuromodulazione o Radiochirurgia per il Dolore Cronico Neuropatico od Oncologico