Psicologia: i canti natalizi ti rendono felice

Psicologia: i canti natalizi ti rendono felice

I ricercatori spiegano il Natale: cantare meglio le canzoni
15.12.2014

Durante l'infanzia, molti non vedevano l'ora che fosse Natale. Nell'età adulta, tuttavia, le persone sono spesso infastidite dai rituali e dall'aspersione della musica. I ricercatori spiegano perché è meglio cantare canti natalizi, quanto è importante l'anticipazione e quali altri effetti tangibili il Natale può avere su di noi umani.

Canti natalizi cantano insieme a pan di zenzero e pidocchi di cioccolato si trovano spesso nei supermercati all'inizio dell'autunno. All'inizio di dicembre di solito inizia la musica natalizia. E in questi giorni quasi nessuno esce dal mondo degli affari senza aver sentito "Lo scorso Natale" o "Lo sanno che è Natale" almeno una volta. Molti sono infastiditi dal suono costante dei canti natalizi. Puoi contrastarlo cantando ad alta voce. "Ci stiamo mettendo in una condizione fisica che è molto più connessa a sentimenti e ricordi positivi rispetto a quelli negativi", ha affermato il musicologo Gunter Kreutz dell'Università di Oldenburg, secondo un rapporto dell'agenzia di stampa Dpa. "Non puoi cantare con la faccia chiusa e la postura rivolta verso l'interno." D'altra parte, il cervello capisce le espressioni facciali aperte e la postura eretta come una sensazione positiva. "Naturalmente c'è anche una comunità con altre persone", afferma Kreutz. "Questa interazione di gesti fisici, postura, respiro e sincronicità con altre persone si verifica spesso nei sentimenti di felicità". Significa anche che il canto viene "dal cuore". "Non è solo una metafora. Puoi prenderlo quasi letteralmente. "

Allocazione tipica dei ruoli Un altro punto che attira l'attenzione durante il periodo natalizio è l'allocazione tipica dei ruoli nei dipartimenti di giocattoli. Bambole con abiti rosa su un lato e banchi da lavoro in miniatura con strumenti di plastica. La psicologa Bettina Hannover ritiene che i produttori oggi facciano più affidamento sui giocattoli tipici del sesso rispetto a prima. L'esperto ritiene che ciò sia problematico e, secondo la Dpa, ha spiegato: "Più bambini nel loro ambiente si confrontano con giocattoli o apprendimento specifici per genere, più è probabile che concludano che ragazze e ragazzi sono diversi, ad esempio giocando con cose diverse o imparando cose diverse vogliono ”. Secondo Hannover, i bambini hanno molta paura di non soddisfare le norme per i loro ruoli di genere. "Perché hanno paura di essere derisi ed espulsi dai loro coetanei." Questo cambia solo in seguito.

Insegnare ai bambini a rimandare i premi Per molti bambini, il Natale è l'evento più importante dell'anno. "L'anticipazione è qualcosa di veramente grande, qualcosa di importante da cui i bambini possono imparare molto", afferma Hannover. Gli esperti chiamano questo premio in ritardo. Lo scienziato Walter Mischel lo ha dimostrato in un esperimento che da allora è stato imitato molte volte. Circa i bambini di quattro anni hanno dovuto resistere per qualche minuto a un marshmallow mentre erano lasciati soli in una stanza prima di averne due. Un sondaggio condotto su adolescenti dieci anni dopo ha mostrato che coloro che in quel momento avevano una buona presa si esibivano meglio, erano in grado di concentrarsi meglio e di lavorare in modo più efficace. "I bambini che hanno imparato a posticipare le ricompense sono armati a vita in vari modi", afferma Hannover. "E il Natale è qualcosa che i genitori possono mettere in scena meravigliosamente per insegnare ai bambini questa ricompensa in ritardo." Un calendario dell'avvento può essere di grande aiuto.

Conflitti sociali e stress durante i giorni di Natale Peter Walschburger, professore emerito di biopsicologia presso la Libera Università di Berlino, ha spiegato all'agenzia di stampa perché la maggior parte delle persone ha bisogno di un Natale armonioso: “Il festival si è affermato come un rituale di costruzione di comunità particolarmente distintivo. Trasforma la nostra vita quotidiana profana in un'esperienza di base sacra. ”Il carattere rituale del festival attira molte persone a pianificare tutto in modo compulsivo. Poiché altri non vogliono rispettare tali vincoli, durante le vacanze possono facilmente sorgere conflitti e stress sociali. Inoltre, in passato gli psicoterapisti hanno sottolineato che alcune persone con ansia sociale a causa della pressione psicologica a Natale mostrano anche sintomi fisici come respirazione più rapida e profonda, aumento della tensione muscolare, battito cardiaco accelerato e ipertensione. Le persone colpite spesso subiscono persino un attacco di panico.

"Modi per rilassare il festival" "Purtroppo, sempre più persone vivono il Natale come un disturbo nella loro vita quotidiana sempre più razionale", afferma Walschburger. "Non vedono come possono trascorrere il tempo per soddisfare le alte aspettative, siano esse proprie o di altri". Tuttavia, ci sono molti modi per rilassare il festival. "Soprattutto, dovresti ridurre le tue aspettative a un livello realistico e semplicemente guardare avanti alla buona opportunità di rivedere i tuoi amici o la tua famiglia." Se tutto diventa troppo durante questo periodo, le tecniche di rilassamento possono anche aiutare a ridurre lo stress. Questi includono yoga, allenamento autogeno o rilassamento muscolare progressivo.

Presta attenzione ai valori emotivi Per i regali di Natale dovresti "prestare maggiore attenzione ai valori emotivi, non a quelli finanziari". I due economisti Thomas Bauer e Christoph Schmidt hanno intervistato oltre 500 studenti alla Ruhr University di Bochum nel 2008 e sono giunti alla conclusione che la maggior parte degli intervistati avrebbe speso meno per il regalo se avessero dovuto acquistarlo da soli. Per la maggior parte, i regali di Natale valevano meno del loro costo reale. Il sociologo Holger Schwaiger afferma: "Riguarda le emozioni, dare è una forma di comunicazione sociale". Pertanto, non crede nel dare via soldi: "Se do a qualcuno 50 euro, il mio rapporto con quella persona sarà equivalente a 50 euro fissi ”. Schwaiger continua: “Ma cosa significa quando la nostra relazione vale 50 euro? È molto o poco? ”Poiché le persone che" regalano denaro, spesso non vogliono che il valore del loro dono sia immediatamente riconoscibile ", secondo il sociologo, impacchettano le banconote" abilmente, piegano i fiori o le mettono su una carta . "(Anno Domini)

Immagine: CFalk / pixelio.de

Informazioni sull'autore e sulla fonte


Video: Il Narcisista e il suo Orrore - il bambino ferito