Le assicurazioni sanitarie private richiedono una migliore educazione all'HIV

Le assicurazioni sanitarie private richiedono una migliore educazione all'HIV

Le assicurazioni sanitarie private richiedono una migliore educazione all'HIV
15.11.2014

Le compagnie di assicurazione sanitaria private in Germania hanno richiesto maggiori informazioni sulla malattia da immunodeficienza AIDS e maggiore tolleranza nei confronti delle persone infette. La maggior parte dei tedeschi ha ancora problemi a parlare dell'argomento.

Secondo un rapporto dell'agenzia di stampa dpa, una maggiore tolleranza nei confronti delle compagnie di assicurazione sanitaria privata infette in Germania ha richiesto maggiori informazioni sul disturbo da immunodeficienza AIDS e maggiore tolleranza per le persone infette. Come riportato, tre quarti dei tedeschi avrebbero difficoltà a parlare con i loro colleghi di lavoro se fossero stati infettati. In base a ciò, il 37 percento non lo direbbe mai e il 38 percento non è sicuro o almeno non sa se lo farebbe. Secondo il sondaggio, le donne sono persino più riservate degli uomini.

Solo un quarto parlerebbe con i colleghi dell'infezione da HIV. Le cifre menzionate sono il risultato di uno studio condotto dall'istituto INSA per conto della compagnia di assicurazione sanitaria privata (PKV). Lo studio è disponibile per l'agenzia di stampa tedesca. È stato riferito che solo un quarto oserebbe parlare apertamente dell'infezione da HIV ai colleghi di lavoro. Il PKV sostiene anche una campagna di informazione per la tolleranza e contro l'esclusione delle persone con infezione da HIV, che è stata lanciata dal Ministero federale della sanità e dal Centro federale per l'educazione alla salute (BZgA) in occasione della Giornata mondiale contro l'AIDS il 1 ° dicembre.

"Prevenzione ed educazione ancora necessarie" La campagna, che affronta i timori infondati dell'infezione da HIV nella vita di tutti i giorni, è in corso di attuazione insieme all'AIDS AIDS tedesco (DAH) e alla Fondazione AIDS tedesca (DAS). Volker Leienbach, direttore del PKV, ha spiegato: “I risultati del sondaggio mostrano quanto sia importante l'impegno pubblico per la tolleranza nei confronti delle persone con infezione da HIV e da AIDS. Inoltre, il numero leggermente crescente di infezioni da HIV in Germania dimostra che la prevenzione e l'istruzione sono ancora necessarie. "

Aspettativa di vita quasi normale grazie ai farmaci moderni Un rapporto di qualche settimana fa mostra anche quanto sia importante chiarire l'argomento. Il Robert Koch Institute (RKI) ha annunciato che alla fine del 2013 si stima che circa 14.000 tedeschi fossero inconsapevolmente infettati dall'HIV. Secondo il DAH, "circa 80.000 persone con HIV" vivono attualmente in Germania. La maggior parte di loro avrebbe un'aspettativa di vita quasi normale grazie ai moderni farmaci e potrebbe lavorare in qualsiasi professione e trascorrere il tempo libero come gli altri. Non è possibile prevedere come e quando l'infezione da HIV si tradurrà in AIDS. Tuttavia, grazie alle terapie mediche, questo punto può ora essere ritardato. (anno Domini)

Immagine: Kai Stachowiak / pixelio.de

Informazioni sull'autore e sulla fonte



Video: NESSUNA AUTOPSIA CON LA PROROGA DELLEMERGENZA? TG #Byoblu24