Notizia

Un atteggiamento positivo rallenta l'invecchiamento


Mentalmente in forma e attivo nella vecchiaia

L'Organizzazione mondiale della sanità (OMS) ha recentemente annunciato che oltre i 60 anni potrebbero aumentare a oltre due miliardi entro il 2050. Non tutti sono autorizzati a rimanere fisicamente in forma e mentalmente attivi fino alla vecchiaia. Tuttavia, un atteggiamento positivo può migliorare il punto di partenza per questo, come ha spiegato un esperto.

Società che invecchia Il mondo deve adattarsi a una società che invecchia. L'Organizzazione mondiale della sanità (OMS) ha recentemente annunciato che gli over 60 potrebbero raggiungere i due miliardi entro il 2050. L'aspettativa di vita è in aumento anche in Germania, ma molte persone sono inorridite a invecchiare. Come ha affermato la ricercatrice anziana Jena Christoph Englert in un'intervista con l'agenzia di stampa dpa, l'idea doveva essere chiarita che "l'età significa meno prestazioni". Piuttosto, è il caso che gli anziani siano anche capaci di alte prestazioni intellettuali. "L'immagine che hai dell'età influenza quanto bene invecchi fisicamente e mentalmente", dice l'esperto.

Al giorno d'oggi gli anziani rappresentati fortemente negli eventi sportivi Christoph Englert, che, secondo le sue informazioni, fa molto sport da solo, ha dichiarato nell'intervista che è sorprendente che “le fasce d'età dei 60- e talvolta anche dei 70-, 80 anni sono ancora fortemente rappresentate negli eventi sportivi "Poiché l'aspettativa di vita aumenta in media di tre mesi all'anno, ora viviamo circa cinque anni in più rispetto alle persone 20 anni fa", ha affermato il ricercatore di età. Le ragioni sono diverse. Secondo lui, la nostra vita è diventata "più facile, per esempio, se la paragoni al duro lavoro di 100 anni fa in agricoltura, per esempio". Anche il progresso medico ha un ruolo importante. "Si può osservare che stiamo invecchiando più lentamente nel complesso", ha affermato Englert.

Mantenere il cervello in forma imparando una nuova lingua Come il ricercatore dell'età ha detto a Dpa, le prestazioni fisiche diminuiscono naturalmente nella vecchiaia, ma ci sono "studi che dimostrano che cose cognitive come l'apprendimento delle lingue possono ancora essere fatte abbastanza bene in età avanzata". recentemente Ulman Lindenberger del Max Planck Institute for Human Development di Berlino, che ha sottolineato gli effetti positivi che possono sorgere quando le persone anziane imparano una nuova lingua o si circondano di nipoti vivaci. Per alcuni, questo potrebbe mantenere il cervello in forma nella vecchiaia. Il prof. Englert ha affermato che sfortunatamente c'è spesso un retrogusto negativo quando le persone parlano dell'invecchiamento. Fintanto che si parla di una società che invecchia e c'è qualcosa di minaccioso in essa, anche l'esperto peggiorerà, secondo l'esperto.

Gli anziani in Asia godono di una reputazione più alta Alla domanda se la qualità dell'invecchiamento è influenzata dal modo in cui pensiamo all'invecchiamento, ha spiegato che è così e che ci sono interessanti studi psicologici su come cambia il modello di età di una società l'invecchiamento colpisce indietro. Ad esempio, gli anziani in Asia godono di una reputazione molto diversa rispetto a qui. “Siamo più orientati alle prestazioni e dovremmo finalmente chiarire che età significa meno prestazioni. Se vedi qualcuno come l'ex cancelliere Helmut Schmidt, ciò dimostra che nella vecchiaia puoi essere cognitivamente potente e, per così dire, invecchiare positivamente ”, ha affermato Englert.

Non mettere le persone anziane a schierarsi. Il ricercatore ha spiegato cosa intende per "invecchiamento positivo": "Con questo intendo una certa volontà di prestazione e flessibilità, non degradante cognitivamente". È anche importante che le persone in età avanzata abbiano la sensazione di essere necessarie diventare. L'invecchiamento positivo non è incoraggiato mettendo le persone a 65 anni dalla parte dei binari e dicendo loro che non possono più lavorare ma andare in pensione. Quindi invecchiate peggio. Se hai un lavoro e sei integrato nella società, come una nonna che si prende cura dei tuoi nipoti, contribuisce all'invecchiamento positivo.

Non si può fermare l'invecchiamento: per quanto riguarda il declino delle prestazioni fisiche nella vecchiaia, il Prof. Englert ha spiegato che la ricerca sull'invecchiamento riguarda la "comprensione del potere dei geni". Vari organismi, come topi e pesci, vengono utilizzati per "farsi un'idea di quanti geni sono coinvolti nell'invecchiamento". Se questo è compreso, si può vedere se è possibile intervenire nelle vie di segnalazione. "Fermare l'invecchiamento è difficile, ma sappiamo che come società possiamo rallentare l'invecchiamento", ha affermato Englert. Come ha spiegato alla fine l'esperta, la donna più anziana che viveva sulla terra ha "compiuto 122 anni". Per quanto è noto, "fino agli ultimi giorni era una donna dall'aspetto giovane che stava ancora combattendo e andando in bicicletta a 117". Ma anche se ci sono numerosi esempi ", in cui l'invecchiamento è stato rallentato da un atteggiamento positivo nei suoi confronti. Non potrai capovolgerlo o fermarlo. "(Annuncio)

Immagine: twinlili / pixelio.de

Informazioni sull'autore e sulla fonte

Video: Citizen Brain: Age Without Ageism (Agosto 2020).