Molta luce e relax aiuta con il jet lag

Molta luce e relax aiuta con il jet lag

Jet lag All'arrivo è richiesto un riposo adeguato

Quando si viaggia tra due diversi fusi orari, generalmente si verifica un jet lag. Gli effetti del viaggio verso est sono più gravi di quelli verso ovest. Anche se il jet lag non può essere prevenuto, c'è l'uno o l'altro consiglio che aiuta a contrastare gli effetti. Secondo Hans-Günter Weess, capo del centro di sonno di Psichiatria e Neurologia di Pfalzklinikum Klingenmünster, la luce intensa e il rilassamento aiutano la destinazione.

"Il relax è il modo migliore per dormire", ha detto Weess a dpa. Un riposo adeguato è quindi obbligatorio all'arrivo. Inoltre, quando si viaggia verso ovest, le fonti di luce con oltre 2500 lux aiutano, mentre quando si viaggia verso est, si consiglia di fare il pieno con la luce del giorno al mattino. Fondamentalmente, ci vuole tempo per superare gli effetti del cambio di orario: "Non è possibile cambiare l'orologio interno come un orologio da polso durante la notte", afferma Weess. "Non puoi evitare il jet lag, puoi solo mitigarlo." E Weess continua: "Questo può assumere dimensioni diverse, a seconda della differenza oraria." La causa è la discrepanza tra l'orologio interno ed esterno.

Cambiare il tempo è più difficile quando si viaggia verso est Fondamentalmente, l'intensità si applica, maggiore è la differenza di tempo, più tempo ci vuole per abituarsi. La regola è che hai bisogno di un giorno per abituarti a ogni differenza oraria. "È certamente diverso da persona a persona", ha detto Weß, secondo Dpa. "I giovani e gli anziani in particolare trovano più difficile adattarsi." Quando si viaggia verso est, gli effetti sono ancora più estremi, secondo Weess. Cambiare il tempo sta diventando sempre più difficile quando viaggiamo verso est: "Abbiamo un bioritmo che è più simile a 25 di 24 ore. È più facile per noi andare a letto più tardi", spiega Weess.
Se voli ad est, devi andare a letto prima. "Non sei stato sveglio così a lungo, è più difficile addormentarsi." Dopo aver viaggiato verso ovest, dormire è più un problema e spesso ci svegliamo presto, secondo Weess.
Puoi contrastarlo su viaggi più lunghi cercando di adattare l'orario qualche giorno prima della partenza. Quando si viaggia verso est, d'altra parte, raccomanda di saltare il sonno notturno per aumentare la pressione del sonno. Il giorno dopo potresti andare a dormire normalmente.
Sconsiglia la caffeina, in parte o addirittura completamente, quando si viaggia verso est.
La melatonina dell'ormone del sonno, d'altra parte, potrebbe aiutare ad accelerare l'adattamento. Tuttavia, non è consigliata un'assunzione permanente.

Le proteine ​​dell'orologio influenzano l'orologio interno Inoltre, lo zinco è un oligoelemento indispensabile nella regolazione del ritmo giornaliero (Heilpraxisnet.de riportato, 27 maggio 2014). Se manca, alcune interazioni molecolari non possono più aver luogo. Esempi sono i voli a lungo raggio verso altri fusi orari o notti insonni che incasinano il nostro orologio interno. Perché l'orologio interno funzioni, le proteine ​​e i geni target specifici devono funzionare insieme in modo ottimale. Simile a un orologio meccanico, i singoli componenti si adattano perfettamente. Le cosiddette proteine ​​dell'orologio si legano tra loro in momenti molto specifici e quindi attivano i geni e le altre proteine. "Il risultato di questa interazione è un ritmo di circa 24 ore che controlla il nostro comportamento sonno-veglia, ma anche molti altri processi ormonali e metabolici", dice un messaggio del Charité. (Jp)

Immagine: berwis / pixelio.de

Informazioni sull'autore e sulla fonte



Video: Hush. Critical Role. Campaign 2, Episode 7