Notizia

Trattamento del cancro al seno: importante assistenza post-terapia


Trattamento del cancro al seno: importante assistenza post-terapia
29.09.2014

La possibilità di una cura per il cancro al seno è costantemente migliorata negli ultimi anni e, secondo gli esperti, è ora del 90% circa. Tuttavia, molti pazienti guariti soffrono ancora di gravi lamentele ed effetti collaterali dopo il trattamento. Una migliore assistenza post-vendita potrebbe alleviare i problemi.

Anni di conseguenze dopo il trattamento Due anni dopo il successo del trattamento del cancro al seno, la 62enne Erika B. soffre ancora delle conseguenze. "Da allora sono stato spesso esausto, costantemente preoccupato e riesco a malapena a dormire le notti prima di una visita medica", ha detto il nativo di Amburgo. Non è sola con i suoi problemi: le donne che sono curate dal punto di vista medico dopo il trattamento del cancro al seno spesso soffrono ancora di dolore, stanchezza o problemi psicologici.

Uno studio recentemente pubblicato sul "Deutsches Ärzteblatt" conclude che i trattamenti psichiatrici e psicoterapici aumentano più del doppio quando le donne sviluppano il cancro al seno. "Spiegel Online" ora parla di questo in un articolo attuale. Per lo studio, gli scienziati guidati da Stefan Feiten dell'Istituto di ricerca sui servizi sanitari di Coblenza hanno valutato le risposte di 734 ex pazienti di età compresa tra 30 e 91 anni, per i quali la diagnosi iniziale era più di tre anni prima. Prima della diagnosi del cancro, il nove percento degli intervistati consultava uno psicologo, ma poi il 19 percento.

Alcuni pazienti sono sottoposti a un trattamento eccessivo Per molti medici, il cancro dopo il trattamento e la successiva riabilitazione vengono generalmente eseguiti. Sia gli effetti tardivi che gli oneri inutili svolgono un ruolo subordinato. Secondo l'articolo, la medicina moderna funziona in gran parte con linee guida standardizzate per il trattamento del cancro al seno. Anche se ciò migliora la qualità generale, spesso porta anche a un trattamento eccessivo dei pazienti perché il trattamento è individualmente poco adattato. Come ha scoperto anche lo studio "Ärzteblatt", le persone colpite scelgono la chemioterapia anche se il vantaggio di sopravvivenza calcolato è solo di un giorno o dello 0,1 percento.

Annullamento della terapia a causa di effetti collaterali Principalmente le donne più giovani soffrono del loro destino. A seconda del tipo di tumore e delle terapie, alcuni pazienti manifestano vampate di calore o menopausa che iniziano prima. Inoltre, gli effetti collaterali comuni che possono essere identificati a seguito del trattamento del cancro includono neutropenia (alterazione dell'emocromo), nausea e vomito, anemia, neuropatia (disturbi nervosi), infiammazione delle mucose, perdita di appetito, diarrea, perdita di capelli, affaticamento e stanchezza, problemi di stomaco e danni agli organi cronici. Un recente studio britannico ha scoperto che molti pazienti hanno interrotto la terapia prematuramente a causa di tali effetti collaterali.

L'amputazione del seno rende difficile per chi soffre Un altro grave problema è quando il seno deve essere rimosso. Molte donne quindi si sentono meno attraenti. Molte delle persone colpite sono anche meno produttive. Di quelli intervistati nello studio "Ärzteblatt", oltre un terzo (34%) aveva dolore, il 17% aveva il lato operato gonfiato e il 35% delle donne non poteva più usare le braccia e le spalle come prima. Soprattutto, coloro che lavorano fisicamente devono sperimentare di essere svantaggiati sul lavoro. Complessivamente, il 16 percento si è sentito resettato.

Effetti sulla relazione Circa il due percento degli intervistati ha anche lamentato disturbi della memoria, della concentrazione e della ricerca di parole causati dalla chemioterapia. Tuttavia, questo spesso non può essere confermato da test neuropsicologici. In confronto con un gruppo di confronto sano, i valori per la depressione, l'ansia e l'esaurimento erano anche più elevati nei pazienti con cancro. Le relazioni non soffrono necessariamente di cancro al seno, dice lo studio. Ad esempio, il 75 percento degli intervistati non ha visto alcun cambiamento e nel dodici percento dei casi le coppie erano ancora più vicine tra loro. Tuttavia, il dodici percento ha affermato che la partnership era peggiorata. Come scrivono gli autori, le giovani donne hanno spesso riportato cambiamenti nella relazione. Secondo Feiten, ciò potrebbe avere a che fare con il fatto che le donne più giovani sono nel bel mezzo della vita e sono più a casa e al lavoro. Pertanto, le restrizioni sono tanto più evidenti per loro e "a volte gravi".

È necessario un finanziamento migliore Uno dei maggiori deficit, lo psico-oncologo Thomas Schopperth, che si prende cura dei malati di cancro e dei loro parenti dal 1986, è la mancanza di finanziamenti per i centri di consulenza. "Non esistono centri di consulenza per il cancro di qualità garantiti a livello nazionale in molte regioni e molti di quelli esistenti sono minacciati nella loro esistenza", ha avvertito l'amministratore delegato della Società per il cancro della Renania-Palatinato e la presidenza federale dell'Associazione tedesca per l'oncologia psicosociale (dapo) secondo lo "Spiegel". "Abbiamo finalmente bisogno di finanziamenti da parte degli stati federali, dei comuni, dei fornitori di assicurazioni pensionistiche e delle compagnie di assicurazione sanitaria". I centri di consulenza stanno attualmente tenendo a galla le donazioni perché manca la base giuridica.

Gli esperti devono essere disponibili vicino al luogo in cui vivono "Anche durante le cure mediche, dovresti essere in grado di determinare in modo affidabile il più presto possibile quale stress c'è per ogni individuo e di quale tipo di supporto necessita la persona colpita", afferma Schopperth. Per fare ciò, gli esperti dovrebbero essere disponibili vicino a casa e su chiamata. Schopperth ha inoltre spiegato che l'obiettivo era aiutare le persone colpite a continuare la propria vita in modo autodeterminato. A tal fine, i centri di consulenza sono talvolta tenuti a fungere da intermediari con le autorità e le amministrazioni. Come ha affermato l'esperto, è necessario creare sempre più supporto materiale per salvaguardare temporaneamente i mezzi di sussistenza in modo che le persone possano vivere di nuovo la propria vita. (anno Domini)

Immagine: oschie / pixelio.de

Informazioni sull'autore e sulla fonte

Video: I Nuovi Farmaci per il Tumore al Seno: meno effetti collaterali e più efficacia (Agosto 2020).