I ricercatori stanno sviluppando metodi di rilevamento per l'Ebola

I ricercatori stanno sviluppando metodi di rilevamento per l'Ebola

Gli scienziati di Jena stanno lavorando a un nuovo metodo di rilevamento per Ebola e altri virus

L'epidemia di Ebola nell'Africa occidentale ha causato centinaia di vittime e ha mostrato deficit significativi nel controllo delle malattie. Anche le opzioni diagnostiche inadeguate hanno avuto un ruolo qui. All'università di Jena, i ricercatori dell'Istituto di Chimica Fisica e dell'Istituto per le tecnologie fotoniche di Leibniz Jena stanno attualmente lavorando a un nuovo metodo di rilevazione che potrebbe fornire una diagnosi affidabile entro poche ore, secondo il "Generale della Turingia".

Con l'aiuto del nuovo metodo, i giornali patogeni pericolosi come il virus Ebola possono essere rilevati in poche ore. Nei loro esperimenti, gli scienziati dell'Università di Jena hanno utilizzato il cosiddetto metodo di analisi biofotonica, con l'aiuto del quale i batteri potevano già essere chiaramente identificati in studi precedenti. I ricercatori hanno adattato il metodo alla rilevazione dei virus "sviluppando uno speciale microscopio a forza atomica che analizza anche le strutture più piccole della superficie del virus", scrive il "Generale della Turingia". Il capo dell'Istituto di chimica fisica dell'Università di Jena, il professor Jürgen Popp, ha detto al giornale che il microscopio era "paragonabile all'ago di un giradischi". "Questo ci dà un'impronta ottica del virus", ha continuato Popp.

Un microscopio speciale rileva la superficie del virus Attualmente, se si sospetta l'ebola, solo un esame del sangue in laboratorio può fornire informazioni chiare, il che comporta alcuni ritardi. Il metodo è anche troppo complesso per l'esame profilattico, quindi in assenza di sintomi di Ebola, di solito non viene eseguito alcun esame del sangue. È quindi urgentemente necessario un metodo diagnostico più rapido e semplice. In futuro, questo potrebbe essere il nuovo metodo dei ricercatori Jena, che ha appena completato con successo una serie di test con il rilevamento di 15 virus diversi. Tuttavia, il virus Ebola non era tra questi, ma per ragioni di sicurezza non sono stati scelti virus che trasmettono malattie o inattivano, secondo il "Generale della Turingia". Attualmente sono anche in corso lavori per ridurre il sistema del dispositivo a dimensioni gestibili e trasportabili. Nel corso dell'attuale epidemia di Ebola, il nuovo metodo di rilevamento probabilmente non sarà più utilizzato a causa di questi eccezionali adeguamenti tecnici.

Nuovo dispositivo diagnostico pronto per l'uso in cinque anni Fino a quando un nuovo dispositivo diagnostico non potrà essere utilizzato in pratica, ad esempio per controllare i viaggiatori sospettati di Ebola e identificare in modo affidabile il virus, secondo il professor Volker Deckert, il personale dell'Istituto per Chimica fisica dell'Università di Jena per fare almeno altri cinque anni di lavoro di sviluppo con test ed esami appropriati. (Fp)

Immagine: Michael Bührke / pixelio.de

Informazioni sull'autore e sulla fonte



Video: Servizio Pubblico Più - Ho visto Ebola