Notizia

Le compagnie di assicurazione sanitaria prevedono contributi aggiuntivi


Contributi aggiuntivi per tutti i 50 milioni di collaboratori?
19.06.2014

A partire dal prossimo anno, i 50 milioni di membri delle compagnie di assicurazione sanitaria obbligatorie dovranno probabilmente versare contributi aggiuntivi. Secondo l'agenzia di stampa "dpa", la principale associazione di compagnie di assicurazione sanitaria è giunta a questa valutazione. In base a ciò, le riserve degli assicuratori sanitari sarebbero già scese da 30,1 a 26,7 miliardi di euro quest'anno, a causa delle minori sovvenzioni federali e del pagamento dei premi da parte di alcuni assicuratori sanitari.

Quest'anno le riserve diminuiranno di 3,4 miliardi di euro: in futuro le persone che affondano nelle compagnie di assicurazione sanitaria dovranno essere compensate dai contributori? Secondo l'organizzazione ombrello delle compagnie di assicurazione sanitaria, sì. Come riferisce la "Dpa", è impossibile per la presidente dell'organizzazione ombrello delle compagnie di assicurazione sanitaria Doris Pfeiffer che le compagnie di assicurazione sanitaria rinunciano a un supplemento. Di conseguenza, si può presumere che le riserve sarebbero già diminuite di 3,4 miliardi di euro quest'anno. Ciò era principalmente dovuto a una sovvenzione federale inferiore e ai premi che alcuni fondi di assicurazione sanitaria avevano versato ai loro membri. Uno sviluppo con conseguenze di vasta portata, perché, secondo Doris Pfeiffer, quasi i due terzi dei contributori sono assicurati con assicuratori sanitari le cui spese mensili superano già le loro riserve e risorse operative.

"Non è prevedibile una riduzione dei premi su larga scala" Come riporta ulteriormente la Dpa, Pfeiffer ha mostrato scetticismo riguardo alle previsioni del ministro della sanità Hermann Gröhe (CDU), secondo cui 20 milioni di assicurati potrebbero essere alleviati l'anno prossimo. Il contesto: a causa della riforma dell'assistenza sanitaria in bianco e rosso, il tasso di contribuzione nel 2015 è sceso dal 15,5 al 14,6 per cento - ma le compagnie assicurative sono libere di raccogliere contributi aggiuntivi che dipendono dal reddito. Pfeiffer non ha potuto confermare il numero di Gröhe, invece, a suo avviso, non ci si può aspettare una riduzione del contributo su larga scala. Poiché i contributi aggiuntivi inizialmente sarebbero stati circa lo 0,9 per cento e quindi all'incirca lo stesso importo della riduzione dei contributi, ciò è stato quasi compensato, senza che il contributore abbia ricevuto alcun vantaggio.

I medici ostacolano lo sviluppo dell'infrastruttura IT appropriata per le tessere sanitarie elettroniche Secondo il presidente dell'associazione ombrello, si può ancora presumere che la maggior parte degli assicuratori sanitari fisserebbe il premio come alto al fine di evitare un ulteriore aumento nell'anno successivo. Inoltre, si prevede che i fondi di assicurazione sanitaria continueranno ad aumentare, mentre l'esperto ritiene che i ricavi diminuiranno piuttosto. Le critiche sono state espresse anche da parte della tessera sanitaria elettronica, perché l'associazione non ha ancora apportato alcun valore aggiunto, nonostante i costi di circa 900 milioni di euro. I medici erano i principali responsabili di questa situazione, poiché avrebbero ostacolato lo sviluppo della corrispondente infrastruttura IT, ha continuato l'associazione. Di conseguenza, il legislatore è tenuto a fornire opzioni sanzionatorie per tali casi e un calendario per l'attuazione. Politicamente, un piano concepibile: "Posso solo avvertire tutti di un blocco", ha detto il politico sanitario della CDU Jens Spahn a dpa.

Immagine: Karin Jähne / pixelio.de

Informazioni sull'autore e sulla fonte


Video: Paghe e contributi La Contabilità come la faccio io non la fa nessuno! (Ottobre 2020).