Notizia

Il virus chikungunya doloroso si sta diffondendo


Virus doloroso: la febbre di Chikungunya continua a diffondersi

Il virus Chikungunya continua a diffondersi. Dalla fine dello scorso anno, numerosi casi sono stati registrati nei Caraibi, in particolare nella Repubblica Dominicana. I turisti dovrebbero prendere misure di protezione personale.

Più casi osservati nei paesi caraibici La febbre di Chikungunya è spesso descritta come una miscela di influenza e osteoartrosi: articolazione e mal di testa associati alla febbre alta. Finora, la malattia infettiva è stata particolarmente diffusa in Africa e nel sud e sud-est asiatico. Tuttavia, i casi sono stati sempre più osservati negli Stati caraibici dalla fine del 2013. Nella sola Repubblica Dominicana, il numero di persone colpite è ora di decine di migliaia. Il Ministero degli Esteri federale scrive inoltre che ci sono stati casi confermati di malattia nei paesi caraibici dall'aprile 2014. I viaggiatori dovrebbero quindi sempre adottare misure personali repellenti per le zanzare.

Malattie anche in Germania La febbre di Chikungunya è trasmessa da due specie di zanzare, la zanzara tigre egiziana (Aedes aegypti) e la zanzara tigre asiatica (Aedes albopictus). Entrambi i tipi possono essere trovati in tutto il mondo. Il virus Chikungunya è stato scoperto in Africa orientale negli anni '50. Per lungo tempo, la malattia infettiva si è diffusa in Africa e nel sud e sud-est asiatico. In altre aree del mondo, le infezioni sono state finora per lo più limitate ai viaggiatori individuali che sono stati infettati, spesso in vacanza. Secondo il Robert Koch Institute (RKI), ci sono sempre casi del genere in Germania. Tuttavia, ci sono stati focolai isolati senza interessare le aree colpite, come nel 2007 nel nord Italia.

Secondo gli esperti, sono state colpite oltre 55.000 persone, quindi è stata solo una questione di tempo prima che il virus si diffondesse. "Con il crescente numero di viaggiatori, la probabilità che accada qualcosa di simile è alta, e ora sembra che sia successo", ha dichiarato Roger Nasci del Center for Health Control and Prevention (CDC) degli Stati Uniti. Nel dicembre dello scorso anno, una trasmissione è stata segnalata per la prima volta nella regione francese d'oltremare Saint Martin. Il virus è stato probabilmente introdotto da un viaggiatore infetto. Secondo l'Organizzazione Sanitaria Panamericana nella Repubblica Dominicana e in altri paesi dei Caraibi, da dicembre sono state colpite più di 55.000 persone.

Malattia febbrile non fatale La febbre Chikungunya è una malattia febbrile che di solito non è fatale. Dopo un periodo di incubazione di alcuni giorni, oltre alla febbre e al dolore muscolare o agli arti, possono verificarsi anche sintomi come gonfiore dei linfonodi, prurito, sanguinamento dalla mucosa o disturbi gastrointestinali. Il nome della malattia deriva dai sintomi. Poiché i pazienti spesso non riescono a stare in piedi a causa del forte dolore, i membri del popolo africano del Makonde parlavano di Chikungunya, che nella loro lingua significa "il camminatore storto". La malattia infettiva può essere trattata solo in modo sintomatico.

Nessuna vaccinazione disponibile fino ad oggi Sette decessi sono stati segnalati dalle autorità dei Caraibi a Chikungunya, con pazienti con condizioni preesistenti. Finora non esiste alcuna vaccinazione, l'unica protezione possibile è contro le punture di zanzara. Le misure per distruggere le colonie di zanzare sono in corso in diversi paesi dei Caraibi e la popolazione viene informata della malattia e vengono prese misure preventive. Poiché i Caraibi sono una destinazione turistica popolare, si teme che i turisti possano stare alla larga. Finora, tuttavia, non ci sono segni di questo.

Protezione dai morsi di zanzara Il Dipartimento della Salute domenicano ha una piccola consolazione per le persone colpite: "Una volta che hai la febbre di Chikungunya, non la otterrai una seconda volta". E l'esperto americano Nasci ha anche affermato che il danno raramente è rimasto e "chi lo ha fatto". Una volta che sei sopravvissuto alla malattia, è immune da essa per tutta la vita. ”Gli esperti generalmente raccomandano di proteggerti in aree in cui le malattie trasmesse dalle zanzare sono a rischio. Oltre ai repellenti per zanzare, questo può essere fatto utilizzando indumenti a maniche lunghe, leggeri e ben intrecciati, zanzariere o zanzariere. (anno Domini)

Immagine: Aka / pixelio.de

Informazioni sull'autore e sulla fonte


Video: Detective Del Virus - La Maledizione Del Tifo Nero (Agosto 2020).