Notizia

Scivolata vertebrale: la colonna vertebrale perde forma


La stabilizzazione flessibile della colonna vertebrale fornisce supporto alla schiena
14.05.2014

Malformazione congenita, usura correlata all'età, muscoli deboli del core, abuso, lesioni: ci sono varie possibili cause di scivolamento vertebrale. Mentre lo spostamento di due vertebre che si trovano una sopra l'altra inizialmente non mostra sintomi, l'instabilità di accompagnamento della colonna vertebrale in seguito porta al restringimento dei nervi e alla cosiddetta stenosi del canale spinale. Le persone colpite si lamentano principalmente del dolore che si irradia nei glutei e nelle gambe e aumenta sotto stress: ogni movimento è associato a un'agonia insopportabile e un percorso di 100 metri senza interruzione non può più essere dominato. Il dottore sa quando il trattamento conservativo fornisce sollievo o irrigidimento chirurgico o sono necessarie procedure di conservazione del movimento come la stabilizzazione flessibile della colonna vertebrale. Mathias Pippan, chirurgo della colonna vertebrale e specialista ortopedico dello Spine Institute presso il Centro ortopedico di Magonza (OZM).

Nella vecchiaia, le vertebre scorrevoli derivano principalmente da segni di usura sulla colonna vertebrale. Ad esempio, corpi vertebrali, dischi intervertebrali, articolazioni, legamenti e muscoli non possono più resistere allo stress e all'età permanenti e lasciare il posto. "Soprattutto a causa dell'allentamento nell'area delle articolazioni e dei legamenti che sono importanti per la stabilità spinale, le vertebre si spostano leggermente", spiega il Dr. Pippan. “I dischi intervertebrali attaccati e i muscoli della schiena deboli aumentano il rischio di scivolamento vertebrale. Il corpo cerca di compensare questa instabilità costruendo la massa ossea sui corpi e sulle articolazioni vertebrali, che inoltre porta al restringimento dei canali vertebrali e al dolore che si irradia alle gambe. "

Il primo passo della terapia è di solito il trattamento del dolore acuto. Una combinazione di antidolorifici e terapia del movimento mirata sotto forma di fisioterapia e allenamento alla schiena per rafforzare la schiena e i muscoli addominali spesso fornisce già sollievo. "Se il paziente viene risparmiato, i sintomi possono peggiorare perché i muscoli perdono forza a causa di movimenti insufficienti e questo riduce la stabilità", osserva il dott. “I muscoli altrimenti supportano la colonna vertebrale come il corsetto di un corpo e impediscono lo scorrimento vertebrale dall'inizio. In alcuni casi vengono anche utilizzati speciali esercizi di rafforzamento per ripristinare la mobilità e la stabilità della schiena. ”In alcuni casi vengono utilizzati anche trattamenti termici, elettroterapia e altre applicazioni fisiche, nonché agopuntura e neurostimolazione. Combinati in modo sensato, queste misure creano ulteriore sollievo. In caso di sintomi di coinvolgimento della radice nervosa, i medici possono raccomandare il trattamento con farmaci analgesici, analgesici e decongestionanti iniettati vicino alla radice. In casi speciali, gli anestetici locali vengono iniettati nelle faccette articolari.

A volte, tuttavia, il trattamento conservativo raggiunge i suoi limiti. "Soprattutto quando ci sono forti sensazioni di intorpidimento, i nervi sono danneggiati e le vertebre scorrevoli e gli speroni ossei restringono gravemente il canale spinale, i medici raccomandano un intervento chirurgico", afferma il Dr. Pipino dalla pratica. Come parte della procedura, i chirurghi espandono il canale spinale e rimuovono le strutture di tessuto dirompente che portano al restringimento. A volte questo è seguito da un'operazione di stabilizzazione. Il metodo di scelta qui è un'operazione di irrigidimento, ma se diversi segmenti vertebrali si irrigidiscono insieme, la mobilità può risentirne. Da alcuni anni, gli specialisti si stanno concentrando sempre più sulle procedure chirurgiche di conservazione del movimento. Un metodo promettente è la stabilizzazione flessibile della colonna vertebrale, noto anche come sistema TOPS. "Come impianto dinamico, assicura che il paziente rimanga flessibile e permanentemente libero da dolore in tutte le direzioni dopo l'espansione chirurgica", afferma il Dr. Pipino la procedura. (Pm)

Informazioni sull'autore e sulla fonte


Video: Schiacciamento vertebrale: riabilitazione (Novembre 2020).