Bambini: un ictus è spesso trascurato

Bambini: un ictus è spesso trascurato

Un ictus nei bambini viene spesso diagnosticato molto tardi

Il tipico paziente con ictus ha circa 60 anni, ha molto stress professionale e fa poco sport. Molte persone hanno questa immagine nella testa quando pensano alle circa 280.000 persone in Germania che soffrono di un ictus ogni anno. Ma tutt'altro. I bambini possono anche soffrire di disturbi dell'afflusso di sangue nel cervello. Circa 300 bambini sono colpiti ogni anno, spesso con gravi conseguenze, poiché anche i medici spesso non pensano alla possibilità di un ictus nei bambini. Il risultato sono diagnosi tardive che possono ridurre significativamente il successo del trattamento.

Molti bambini soffrono di ictus multipli prima della diagnosi L'edizione online di "WAZ" riportava il caso della piccola Lyn e parlava con sua madre. La bambina di sette anni ha subito tre colpi all'età di uno. Nel frattempo, il bambino non ha più bisogno di una sedia a rotelle e porta una stecca sul braccio sinistro e sulla gamba sinistra per stabilizzare le parti paralizzate del corpo. La ragazza ha già subito circa 50 trattamenti in oltre 30 cliniche. Come con molti bambini, a Lyn è stato diagnosticato un ictus in ritardo. “All'epoca la sua mano era stranamente stretta. Ci hanno mandato di nuovo in ospedale. Ci è stato detto che la testa del raggio al polso sarebbe stata slogata ", riferisce sua madre Pea Hollender al giornale.

Fu solo quando la ragazza subì altri due colpi che i dottori arrivarono alla diagnosi. "Infarto cerebrale mediale, il suo cervello destro era già completamente sfregiato." Un grande shock per i genitori. "Fino a quando Lyn aveva quattro anni e mezzo, non poteva camminare, non poteva sedersi, la lingua era completamente sparita", dice la madre. “Lyn ha bisogno di farmaci per tutta la vita per le convulsioni, le ortesi devono essere regolate regolarmente. La gamba sinistra non sta crescendo correttamente, l'anno scorso il suo tallone d'Achille ha dovuto essere allungato chirurgicamente. "Anche lo sviluppo intellettuale di Lyn è compromesso." Non sta imparando così intensamente, il suo linguaggio dipende dalla forma del giorno. Ha un aspetto peggiore. " Ma il bambino sta seguendo un ottimo percorso. "Attualmente supera tutte le previsioni. Il mio più grande desiderio è che possa condurre una vita indipendente ".

Genitori come Pea Hollender vogliono più sostegno e istruzione. "Cerchiamo da soli tutte le informazioni", riferisce la madre di Lyn. "Prima dell'inizio della scuola, abbiamo ricevuto una lettera con gli indirizzi di tre scuole speciali. Ancora una volta pensando puramente in un cassetto, ma senza utili suggerimenti." Inoltre, la famiglia ha dovuto pagare molto per l'ergo o la fisioterapia, perché l'assicurazione sanitaria paga solo per il minimo dei trattamenti, che non erano sufficienti. "E abbiamo bisogno di educazione per ridurre le paure del contatto e dei pregiudizi", chiede Pea Hollender.

I bambini sono molto meno colpiti da ictus rispetto agli adulti: in Germania circa 300 bambini subiscono un ictus ogni anno. In un terzo, il disturbo circolatorio nel cervello si verifica già nell'utero o durante la nascita. Secondo la German Stroke Aid Foundation, il numero di casi non segnalati potrebbe essere più elevato, perché non viene diagnosticato ogni ictus in un bambino. Anche i medici spesso non sono consapevoli del fatto che anche neonati e bambini piccoli possano avere un ictus. Perché ci sono circa 280.000 colpi negli anziani. Il giorno dell'ictus il 10 maggio affronta anche il tema dell'ictus nei bambini.

"È anche fatale che gli ictus possano verificarsi più volte, ma i più piccoli non sono in grado di esprimere ciò che manca", riferisce Ronald Sträter dell'ospedale universitario di Münster al giornale La nascita non osserva l'ictus perché di solito mostrano solo sintomi aspecifici, sono inattivi, bevono male o zoppicano. "I bambini non ancora nati con un buco nel cuore e un'alta tendenza a coagulare nella madre e nel bambino hanno un aumentato rischio di ictus hanno, ma dipendono tra l'altro da quando si verifica l'ictus - prima o durante la nascita o solo durante l'infanzia, secondo Sträter.

In molti casi, i genitori hanno scoperto nei primi mesi di vita del loro bambino che la mobilità di metà del corpo era migliore dell'altra. La fisioterapia di solito aiuta, spesso la terapia farmacologica non è necessaria, riferisce l'esperto. Tuttavia, potrebbero verificarsi corsi molto più gravi nei bambini che hanno subito uno o più ictus oltre l'infanzia. Consiglia ai genitori di rivolgersi a un medico se si sospetta che sia necessario un esame neurologico approfondito per escludere un ictus. I bambini che hanno avuto un ictus devono assumere fluidificanti del sangue per prevenire ulteriori disturbi circolatori nel cervello.

Il dottore adolescente Sträter ha creato un database con le voci di 1.000 pazienti con ictus di piccole dimensioni. Si impegna per una maggiore conoscenza e un trattamento ottimale. “Il cervello del bambino è estremamente plastico. Le regioni intatte del cervello possono quindi in parte assumere le funzioni delle aree danneggiate ", spiega il medico. Ecco perché ci sono sempre progressi sorprendenti nei piccoli pazienti, che sorprendono persino i medici. (Ag)

Immagine: Annamartha / pixelio.de

Informazioni sull'autore e sulla fonte


Video: Ictus: Sintomi, Diagnosi e Trattamento