Notizia

I padri più anziani riducono la salute dei loro figli


Padri più anziani: l'orologio biologico batte anche per gli uomini
16.04.2014

Anche se l'opinione che gli uomini possano ancora facilmente diventare padre all'età di 60 anni è diffusa, è sbagliato. Anche l'orologio biologico sta ticchettando per gli uomini. Le cellule germinali maschili, che non migliorano con l'aumentare dell'età, possono gettare le basi per le successive malattie della prole.

Anche l'orologio biologico sta ticchettando per gli uomini. È noto che le donne possono essere troppo vecchie per avere figli. O che il rischio di dare alla luce un bambino con disabilità, come la sindrome di Down, aumenta se rimangono incinta in ritardo. Tuttavia, molti non sanno che l'orologio biologico funziona anche per gli uomini. Non è possibile che possano facilmente diventare padre all'età di 60 anni. Come spiega Thomas Haaf, genetista umano dell'Università di Würzburg, le cellule germinali maschili non migliorano con l'età.

Fondamenti per le malattie successive Gli scienziati ritengono che la colpa sia la modifica della composizione genetica degli uomini di età pari o superiore a 45 anni. Sebbene questi non corrispondano ancora a una vera mutazione nel materiale genetico, cambiano l'attività dei singoli geni. Se vengono trasmessi alla prole con uno sperma, possono influenzare lo sviluppo dell'embrione e gettare le basi per le malattie successive. I cambiamenti nel genoma avvengono per caso nel corso della vita, ma possono anche derivare da influenze ambientali. Si sospetta che tali cambiamenti nel genoma possano essere causati dal fumo di tabacco e dai prodotti chimici, ma anche da malattie metaboliche come il diabete o il sovrappeso grave (obesità).

Gli anziani non hanno motivo di decidere contro un bambino Haaf e il suo team stanno attualmente studiando oltre 1.200 campioni di spermatozoi di uomini di età diverse. I ricercatori vogliono chiarire quali cambiamenti genetici si verificano nello sperma e se possono essere trasferiti alla generazione successiva. Tuttavia, non c'è mai la garanzia di un bambino sano durante la gravidanza, anche con i giovani genitori. Una maggiore età di padre o madre non è quindi motivo di decidere contro un bambino. Tuttavia, i genitori dovrebbero essere consapevoli di possibili problemi medici. Come hanno dimostrato studi precedenti, i bambini di padri più anziani sono almeno statisticamente più a rischio di autismo e malattie mentali, come la schizofrenia.

Il rischio di ADHD aumenta con l'aumentare dell'età del padre

Queste malattie includono il disturbo da deficit di attenzione e iperattività (ADHD). Uno studio dell'Istituto svedese Karolinska in collaborazione con l'Università dell'Indiana negli Stati Uniti ha dimostrato che il rischio di ADHD nei bambini aumenta significativamente se i padri avevano 45 anni o più quando sono nati. Per la loro indagine, i ricercatori hanno valutato i dati di 2,6 milioni di svedesi nati tra il 1973 e il 2001. Il professor Haaf vorrebbe che gli uomini di età superiore ai 45 anni che desideravano diventare padre dovessero scoprire quale rischio di malattia per il bambino è associato all'aumento dell'età del padre e quali misure preventive sono disponibili. (Sb)

Immagine: Sabrina Gonstalla / pixelio.de

Informazioni sull'autore e sulla fonte


Video: I riflessi di questi papà salvano i loro figli (Agosto 2020).