Notizia

Ricerca: il cervello impara dormendo di notte


Il cervello impara nel sonno profondo di notte

Coloro che dormono male o troppo poco non solo rischiano la loro salute, ma di solito sono anche non concentrati e hanno problemi di memoria. Il sonno profondo, in particolare, sembra essere particolarmente importante per i processi di apprendimento.

Sonno sufficiente per consolidare ciò che è stato appreso Le persone che dormono poco o male rischiano permanentemente la propria salute. Sintomi come inciampo o battito cardiaco sono spesso associati al fatto che le persone colpite non riescono a trovare un sonno adeguato. Ma non solo il corpo, ma anche la memoria è influenzata se la persona non ha abbastanza riposo. Poiché un sonno sufficiente e buono è importante per consolidare ciò che è stato appreso, è piuttosto una cattiva idea imparare a tarda notte prima di esami o test difficili. Tuttavia, anche per gli esperti, è ancora un mistero ciò che accade in dettaglio durante il sonno e se il sogno o il sonno profondo è il fattore decisivo.

La ricerca sull'attività cerebrale durante la notte è scarsamente studiata In linea di principio, le attività notturne del nostro cervello sono studiate molto meno bene del comportamento diurno. "Ma il cervello funziona altrettanto complicato di notte, probabilmente anche più complicato", afferma Dieter Kunz, capo medico della clinica di medicina del sonno presso l'ospedale St. Hedwig di Berlino. Nell'uomo, il sonno profondo e il sogno si alternano all'incirca ogni 90 minuti, con le fasi del sonno profondo all'inizio della notte e le fasi del sonno del sogno verso il mattino più lunghe. Kunz e il suo team hanno in programma di pubblicare uno studio sulla rivista specializzata "Sleep" che evidenzi l'importanza del sonno da sogno o REM, almeno per l'apprendimento procedurale, ovvero l'apprendimento di processi automatizzati come il ciclismo o la corsa. REM sta per Rapid Eye Movement e descrive il movimento rapido degli occhi sotto un coperchio chiuso in un sogno.

I soggetti del test con sonno REM hanno ottenuto risultati significativamente migliori Il medico ha spiegato: "Ai soggetti del test è stato somministrato un antidepressivo che sopprime il sonno REM." Dopo il sonno, hanno dovuto premere un pulsante nei test visivi per alcuni segnali ottici alla velocità della luce. I soggetti del gruppo placebo, cioè quelli con sonno REM, hanno ottenuto risultati significativamente migliori. Presumibilmente per l'apprendimento esplicito, ad es. Per il vocabolario o i timpani dei dati storici, è la combinazione dei vari componenti del sonno che memorizza permanentemente i fatti. Tuttavia, apprendere significa molto di più: “La memoria che si forma durante il sonno non è un processo passivo, in cui, per così dire, la colla arriva semplicemente sui contenuti per risolverli. È un processo attivo, un processo di astrazione lontano dall'episodio individuale vissuto nella memoria semantica ”, ha dichiarato il vincitore del premio Leibniz e il ricercatore del sonno Jan Born dell'Università di Tubinga.

I partecipanti hanno ottenuto risultati migliori dopo aver dormito Lo scienziato si è concentrato in particolare sul sonno profondo per i suoi ultimi studi con il suo team. Prima di tutto, avevano i loro soggetti negli adulti e i bambini facevano un "gioco in discesa", in cui un pulsante doveva essere premuto rapidamente in caso di segnali luminosi apparentemente arbitrari. Tuttavia, i segnali luminosi sono stati commutati in uno schema complesso. Nessuno dei partecipanti lo ha notato consapevolmente. Il secondo test è arrivato dopo aver dormito. Tutti i partecipanti hanno ottenuto risultati significativamente migliori e l'aumento è stato particolarmente evidente tra i bambini, che hanno naturalmente fasi del sonno più profonde. “La stimolazione viene probabilmente rielaborata durante il sonno. I bambini in particolare avevano estratto gli schemi nascosti. 13 dei 15 bambini hanno memorizzato l'intera sequenza ", ha detto Born. "Ed è la fase di sonno profondo quando ciò accade."

Le fasi del sonno profondo diminuiscono nelle persone anziane In un altro tentativo, i ricercatori del sonno hanno iniziato a migliorare le fasi del sonno profondo. È stato possibile rallentare ulteriormente le frequenze, aumentare le eruzioni cutanee, utilizzando impulsi di suono dolce che erano sincronizzati con il ritmo lento dell'onda delta del cervello dormiente profondo. "Il sonno profondo sta diventando più profondo, la memoria sta aumentando", afferma Born. Negli anziani, le fasi del sonno profondo diminuiscono gradualmente. Tuttavia, il ricercatore del sonno non vede che un sonno profondo migliore può aiutare gli anziani a migliorare significativamente la memoria. "Puoi migliorare il sonno profondo negli anziani, ma gli effetti sono solo moderati", ha detto Born. "Il vecchio cervello non produce più tante onde lente".

Sonniferi naturali anziché chimici Per tutti coloro che vogliono imparare qualcosa dall'oggi al domani, il consiglio principale rimane di dormire almeno sette ore in un ambiente buio e in linea con l'orologio interno. Tuttavia, le persone che soffrono di problemi di sonno non dovrebbero usare sonniferi chimici che non solo li rendono avvincenti, ma possono spesso causare una sorta di "sbornia" durante il giorno. Esistono anche rimedi naturali, come gli aiuti per dormire a base di estratti di valeriana da soli o in combinazione con luppolo, melissa e fiore della passione. (anno Domini)

Immagine: Helga Gross / pixelio.de

Informazioni sull'autore e sulla fonte

Video: Impara il Tedesco Mentre Dormi. Frasi e Parole Più Importanti del tedesco. tedescoItaliano (Settembre 2020).