Testa

Le orecchie


Le orecchie formano uno degli organi sensoriali umani, per cui servono non solo a percepire i suoni, ma anche come organo di equilibrio. La struttura dell'orecchio è divisa in tre aree: orecchio esterno, orecchio medio e orecchio interno. Ognuna di queste aree ha funzioni speciali, l'interazione delle quali consente la percezione uditiva. Cartilagine dell'orecchio, padiglione auricolare, lobo dell'orecchio e canale uditivo esterno formano l'orecchio esterno. Le onde sonore vengono catturate tramite questo e allo stesso tempo è possibile localizzare la fonte del rumore (anteriore, posteriore, laterale, ecc.). Nell'orecchio medio - costituito dal timpano, dalla cavità timpanica e dagli ossicini, dall'incudine, dal martello e dalla staffa - gli stimoli acustici in arrivo vengono ulteriormente elaborati mediante la cosiddetta conversione dell'impedenza meccanica e trasmessi all'orecchio interno. Inoltre, l'orecchio medio è collegato alla faringe attraverso la tromba di Eustachio, che consente l'equalizzazione della pressione. Nell'orecchio interno, i segnali acustici trasmessi vengono infine convertiti in impulsi nervosi con l'aiuto della lumaca uditiva. Inoltre, qui si trova l'organo di equilibrio, che percepisce i cambiamenti di posizione e movimenti o i cambiamenti associati nella forza gravitazionale.

Un'ampia varietà di malattie può colpire le singole sezioni delle orecchie, per cui, ad esempio, si trovano sempre più infezioni batteriche e micogeniche nell'area dell'orecchio esterno, che sono associate a corrispondenti infezioni dell'orecchio esterno (otite esterna). La malattia più comune dell'orecchio medio è l'otite media, che è divisa in otite media acuta (otite media acuta) e otite media cronica (otite media cronica). Inoltre, le lesioni al timpano dovute a effetti sonori estremi non sono rare nell'orecchio medio. Una maggiore esposizione al rumore per un periodo di tempo più lungo può anche causare danni all'orecchio interno, che è associato a una compromissione permanente dell'udito. A volte l'orecchio interno è anche affetto da varie malattie infettive virali (ad es. Morbillo e parotite). Inoltre, vi è la lamentela della cosiddetta perdita improvvisa dell'udito, in cui può essere determinata un'improvvisa perdita dell'udito - spesso in connessione con ronzio nelle orecchie e vertigini -. Le cause di questo disturbo della sensazione sonora rimangono poco chiare fino ad oggi.

Nel complesso, le orecchie sono un organo estremamente sensibile, che può essere significativamente influenzato da influenze sia meccaniche che patologiche e, nel peggiore dei casi, subisce danni permanenti. In particolare, è indispensabile evitare livelli permanentemente elevati di rumore in termini di salute dell'orecchio o udito. Dovresti anche reagire immediatamente ai primi segni di infezione o infiammazione per prevenire gravi conseguenze. Una visita allo specialista è fortemente raccomandata qui. (Fp)

Orecchie

Informazioni sull'autore e sulla fonte


Video: Come stappare le orecchie (Ottobre 2020).