Notizia

Infertile attraverso il latte solare: i prodotti chimici nei filtri UV possono danneggiare lo sperma


Nuovo studio: il latte solare può influire sulla funzione dello sperma
Ricercatori danesi hanno scoperto che i prodotti chimici nel latte solare possono interferire con la funzione dello sperma maschile. I filtri UV possono essere dannosi anche in piccole quantità. Gli scienziati hanno descritto i risultati come preoccupanti.

I filtri UV nel latte solare possono disturbare lo sperma
Secondo i dermatologi, non si dovrebbe risparmiare sulla protezione solare quando si applica la protezione solare. Questo consiglio non sembra sempre appropriato per gli uomini. Come hanno scoperto i ricercatori dell'Università di Copenaghen, i filtri UV contenuti nel latte solare possono interrompere la funzione degli spermatozoi anche a basse dosi. Inoltre, alcuni filtri UV chimici hanno un effetto simile al progesterone dell'ormone sessuale femminile. Questo ormone è usato in tutto il mondo per prevenire i bambini prematuri, ma secondo i nuovi studi non ha benefici significativi. Secondo gli scienziati danesi, i loro risultati sono preoccupanti. Gli esperti richiedono sempre più test chimici prima che i prodotti vengano approvati.

Diversi filtri solari approvati testati
Le creme solari contengono principalmente sostanze chimiche, a volte filtranti minerali che assorbono o riflettono le radiazioni UV e proteggono quindi la pelle. Spesso vengono combinate diverse sostanze filtranti, in alcune creme solari vengono ora utilizzate nanoparticelle come il biossido di nano-titanio. Come si può vedere da una comunicazione pubblicata sul sito web della "Endocrine Society", i ricercatori guidati da Niels Skakkebaek dell'Università di Copenaghen hanno testato nel loro studio come sono stati testati 29 dei 31 filtri UV per lo sperma umano consentiti in Europa e negli Stati Uniti per i filtri solari lavorato. Hanno scoperto che 13 di loro hanno alterato la funzione dello sperma cambiando il loro equilibrio ionico.

Effetto anche con dosi molto basse
Secondo le informazioni, le sostanze chimiche hanno attivato un canale nella membrana cellulare delle cellule germinali, che ha portato a un forte e prematuro afflusso di calcio. Di solito, questo avviene solo quando lo sperma ha raggiunto la cellula uovo. Se ciò accade troppo presto, la "spinta" manca in seguito e la fecondazione non può avvenire. Secondo Skakkebaek, questo effetto si è già verificato a dosi molto basse. È già noto da studi precedenti che almeno alcuni dei filtri chimici UV sono assorbiti dalla pelle e possono successivamente essere rilevati sia nel sangue che nelle urine. Inoltre, studi precedenti hanno dimostrato che i plastificanti possono influenzare il genoma. Uno studio di un gruppo di ricerca tedesco-danese ha dimostrato che le sostanze utilizzate nel latte solare e nel dentifricio, tra le altre cose, possono danneggiare lo sperma maschile.

I ricercatori esprimono la loro preoccupazione
Come hanno scoperto gli scienziati nel presente studio, l'effetto dannoso di nove dei 13 filtri UV di disturbo dello sperma è dovuto al fatto che le sostanze chimiche agiscono come il progesterone dell'ormone sessuale femminile. Secondo i ricercatori, ciò suggerisce che questi agenti sono interferenti endocrini - sostanze chimiche che hanno un effetto simile agli ormoni. I 13 filtri UV discutibili includono i composti chimici ottil salicilato, avobenzone, octocrilene, ottinoxato, ossibenzone (noto anche come benzofenone-3) e Padimat-O, che vengono utilizzati in creme solari comuni, nonché in cosmetici e rossetti con protezione UV sono inclusi. "Questi risultati destano preoccupazioni e potrebbero parzialmente spiegare perché l'infertilità inspiegabile dal punto di vista medico sia così comune", ha affermato Skakkebaek. "Il nostro studio suggerisce che le autorità competenti dovrebbero avere gli effetti dei filtri UV sulla fertilità esaminati meglio prima dell'approvazione." (Annuncio)

Informazioni sull'autore e sulla fonte


Video: Come migliorare la fertilità maschile, la motilità e la qualità degli spermatozoi? (Agosto 2020).