Notizia

Effetto emotivo: i ratti possono causare depressione nell'uomo


I ratti hanno un impatto emotivo simile alla minaccia della violenza fisica
Molte persone non amano i ratti e li trovano disgustosi o ripugnanti. Ma a quanto pare la semplice presenza di tali animali è sufficiente per innescare sentimenti cronici di tristezza e paura nelle persone. In un recente studio, gli scienziati hanno scoperto che i parassiti possono avere un effetto emotivo su di noi simile alla minaccia della violenza fisica.

I ratti sono sempre stati animali molto impopolari. Gli umani temono questi parassiti per vari motivi. I ricercatori della Bloomberg School of Public Health della Johns Hopkins University hanno scoperto in un'indagine che la presenza di roditori nei soli umani può causare ansia e depressione croniche. I medici hanno pubblicato i risultati del loro studio sulla rivista "Journal of Community Psychology".

Gli scienziati esaminano i temi dei bassifondi
Per lo studio, i ricercatori hanno esaminato i dati di oltre 448 residenti nei quartieri poveri di Baltimora. I medici hanno reclutato i soggetti tra marzo 2010 e dicembre 2011. La metà dei partecipanti ha dichiarato di aver visto ratti nel loro condominio ogni settimana. Il 35 percento dei soggetti ha persino riferito di aver visto i parassiti ogni giorno, dicono i medici. Il tredici percento dei partecipanti allo studio ha visto i topi nella loro casa e il cinque percento ha affermato che i roditori venivano visti nella loro casa quasi ogni giorno. Il 32 percento degli intervistati ritiene che i topi siano un segno di un quartiere povero, aggiungono gli esperti.

Le persone con un "problema di ratto" hanno maggiori probabilità di sviluppare sintomi depressivi acuti
Secondo i ricercatori, le persone che vivono in aree in cui vi è un problema di ratto sono per lo più pessimiste sulla soluzione del problema del ratto. Inoltre, le persone colpite hanno poca fiducia nel fatto che i vicini o gli impiegati della città abbiano successo nel combattere i topi, spiega l'autore principale Dr. Danielle tedesco della Johns Hopkins University Bloomberg School of Public Health. I ricercatori hanno scoperto che le persone che vedevano i topi nel loro quartiere come un problema serio avevano il 72% in più di probabilità di sviluppare sintomi depressivi acuti rispetto ai residenti che vivevano nella stessa area, ma i topi non erano considerati seri Quando si guarda al problema, gli esperti spiegano.

I parassiti portano le donne anziane al suicidio
I ratti di solito cercano aree nel loro spazio vitale in cui possano vivere protette e avere abbastanza accesso al cibo. Di conseguenza, i parassiti vivono principalmente in comunità svantaggiate e povere, dove c'è poca igiene e molti edifici sono gratuiti, affermano i ricercatori.

I ratti non sono gli unici ospiti indesiderati che possono rovinare la salute mentale dei proprietari di case o degli inquilini. Nel 2013, l'American Journal of Case Reports ha pubblicato il case study di una donna di 62 anni che si è suicidata dopo aver scoperto cimici nella sua casa. La donna ha affermato di aver precedentemente avuto problemi psicologici, tra cui disturbo bipolare e sospetto disturbo di personalità. Apparentemente i parassiti avevano dato alla donna l'ultima eruzione cutanea per suicidarsi. Dopo essersi svegliata alle 3 del mattino, ha scoperto una macchia di sangue sulla camicia da notte, quindi ha scritto una lettera d'addio e ha inviato un'e-mail all'amica. In questo messaggio, ha detto che non può più vivere nella paura di essere mangiata viva, dicono i dottori. La mattina dopo saltò alla morte dal suo balcone al 17 ° piano.

Gli effetti psicosociali dell'infestazione da parassiti devono essere esaminati più attentamente
Il recente aumento delle malattie parassitarie mostra che le misure dovrebbero essere prese rapidamente per controllare ed eliminare l'infestazione da parassiti, spiegano i medici. Inoltre, le persone interessate devono essere supportate e avvisate. Gli scienziati aggiungono che gli effetti psicosociali dell'infestazione di ratto nelle aree urbane devono essere esaminati più da vicino per comprendere meglio il problema e trovare soluzioni. (come)

Informazioni sull'autore e sulla fonte


Video: Webinar neuropsicologia: la valutazione neuropsicologica in fase acuta di ictus (Agosto 2020).