Notizia

Mito della depressione invernale: stagione senza influenza sulla depressione


Lo studio spiega la relazione tra depressione e disturbi dell'umore stagionali
Sei una di quelle persone che tendono ad avere bassi dell'umore e fasi depressive in inverno? Quindi non dovresti più preoccuparti. Perché un cosiddetto disturbo dell'umore stagionale (DAU) non può innescare la depressione permanente e non ha alcun effetto di rinforzo sulla depressione esistente.

Soprattutto in autunno o in inverno, molte persone tendono ad essere un po 'tristi e lunatiche. Tale condizione si chiama disturbo dell'umore stagionale. Questo tipo di depressione è associato a un cambiamento nelle stagioni. Tuttavia, i malati non dovrebbero preoccuparsi troppo. I ricercatori hanno scoperto che non esiste una reale connessione tra i cambiamenti stagionali e la depressione. Gli scienziati hanno pubblicato i loro risultati sulla rivista "Clinical Psychological Science".

Disturbi dell'umore stagionali
I disturbi dell'umore stagionale spesso iniziano in autunno e continuano durante i mesi invernali. Le persone colpite mostrano sintomi come una sensazione di disperazione e inutilità, perdono interesse nelle loro attività o soffrono di disturbi del sonno e difficoltà di concentrazione. Tuttavia, non esiste alcuna relazione tra i cambiamenti stagionali e la depressione delle persone, afferma il professor Stelen Lobello. Il disturbo dell'umore stagionale può essere una diagnosi, che è supportata da grandi aziende farmaceutiche al fine di aprire un nuovo mercato e vendere più farmaci, sospettano i medici. Questo potrebbe essere stato un fattore motivante nel creare questa condizione, spiega il Dr. Lorber del "Lenox Hill Hospital". Per il loro studio, i ricercatori hanno analizzato i dati di oltre 34.000 adulti americani che si sono lamentati della depressione. Hanno scoperto che un cambiamento stagionale da solo non è in grado di scatenare la depressione. Ci sono state controversie tra i professionisti medici sui disturbi dell'umore stagionale e sui loro effetti sulla depressione per circa 30 anni.

I cambiamenti stagionali non influiscono sulla depressione grave
La depressione non ha alcun legame con la latitudine, la stagione o l'esposizione al sole, spiegano gli scienziati. I risultati avrebbero mostrato che un modificatore stagionale non favoriva la depressione grave. L'idea della depressione stagionale è profondamente radicata nella nostra psicologia quotidiana, ma questa teoria non è supportata da dati oggettivi, affermano i ricercatori. A suo avviso, i cambiamenti stagionali non dovrebbero più essere visti come un modificatore della grave depressione in futuro. I SAD esistono, ma solo un piccolo numero di persone soffre di vera depressione, spiegano gli esperti. I sintomi depressivi di SAD possono essere meno in primavera e in estate. Pertanto, è stato importante esaminare le persone colpite se i sintomi depressivi erano meno gravi, affermano i medici. La ricerca ha dimostrato che non c'erano differenze stagionali nelle segnalazioni di sintomi depressivi. Quindi il periodo dell'anno non sembra influenzare la depressione. (come)

Informazioni sull'autore e sulla fonte


Video: Parliamo di DEPRESSIONE. Marco Crepaldi LIVE (Agosto 2020).