Notizia

Patogeno pericoloso: il virus Zika è arrivato a New York


Arrivato negli Stati Uniti: tre persone a New York sono risultate positive al virus Zika
Il pericoloso virus Zika, che si è diffuso a lungo nei paesi dell'America centrale e meridionale, è ora arrivato negli Stati Uniti. Come annunciato, tre persone a New York sono risultate positive al patogeno. Le vittime erano state in precedenza in aree vulnerabili.

Avviso di viaggio per le donne in gravidanza
Funzionari sanitari statunitensi hanno recentemente emesso un avvertimento che le donne incinte non dovrebbero viaggiare in America Latina in questo momento. La ragione di ciò è l'attuale diffusione di un patogeno pericoloso in diversi paesi della regione: il virus Zika, che viene trasmesso dalle zanzare, può presumibilmente essere trasmesso ai bambini non ancora nati e portare a gravi malformazioni craniche nei neonati. Solo in Brasile, negli ultimi mesi sono nati oltre 3.500 bambini con malformazioni, che sono collegati a un'infezione da virus Zika. L'agente patogeno è stato ora identificato negli Stati Uniti.

Tre persone a New York sono risultate positive al virus
Secondo un rapporto dell'agenzia di stampa AFP, tre persone a New York sono risultate positive al virus Zika. Come ha detto venerdì l'agenzia sanitaria di New York, i pazienti hanno recentemente viaggiato in aree in cui il virus è attualmente diffuso. Uno dei pazienti è già guarito completamente, gli altri due sono in via di guarigione. Le autorità degli Stati Uniti consigliano alle future mamme di recarsi in 22 regioni del Sud America e dei Caraibi, dove si verifica il virus Zika.

L'agente patogeno non è fatale
L'agente patogeno non è fatale e, secondo gli esperti sanitari, porta a sintomi simil-influenzali come febbre, mal di testa, dolori muscolari e talvolta eruzioni cutanee in circa il 20 percento delle persone infette. Il virus è anche responsabile di migliaia di casi di microcefalia nei bambini. I bambini nascono con una testa insolitamente piccola, che può portare a malformazioni cerebrali. Tuttavia, non è stato ancora chiaramente stabilito che il virus sia il fattore scatenante per questo. (anno Domini)

Informazioni sull'autore e sulla fonte

Video: Istologia 18 - Sistema immunitario (Agosto 2020).