Notizia

Conteggio dei pollini a Natale: in che modo chi soffre di allergie può proteggersi meglio?


Il Natale è alle porte e poiché l'inverno non è mai stato così mite come lo è oggi, i primi primi fioristi sono in arrivo. Finora, le conseguenze per chi soffre di allergie sono state limitate. Sonja Lämmel dell'Associazione tedesca per le allergie e l'asma (DAAB) consiglia quindi l'iposensibilizzazione, perché ora è il momento giusto.

Il Natale è alle porte e poiché è quasi primavera, il primo polline sta volando. "A causa del clima mite, il polline di nocciola era già in movimento in alcune regioni all'inizio di dicembre", afferma Sonja Lämmel dell'Associazione tedesca per le allergie e l'asma (DAAB).

A causa del clima mite, il primo polline di nocciole vola in alcune parti della Germania. Ad esempio in Renania, in gran parte del Baden-Württemberg, nella Saar e nella Renania-Palatinato.
Inoltre, il polline che non misura o non viene valutato vola anche a livello regionale. Questi sono i pollini degli alberi - come l'ontano viola - che si adattano meglio ai cambiamenti climatici e sono quindi spesso usati come alberi da strada. Secondo le osservazioni, iniziano anche il loro volo pollinico a dicembre. Se il clima mite persiste a lungo, ci si può aspettare più polline.

"Allergy Beelzebub"
Sonja Lämmel, portavoce dell'Associazione tedesca per le allergie e l'asma, riferisce che molti pazienti con febbre da fieno attualmente sospettano un raffreddore dietro sintomi come starnuti, difficoltà respiratorie e tosse. "Ecco perché alcuni" nuovi arrivati ​​allergici "trattano la loro febbre da fieno in modo errato. Ad esempio, inala con la camomilla per schiarirsi il naso, prende spray nasali decongestionanti o cerca di mangiare consapevolmente una dieta sana con mele e muesli. Da un punto di vista allergologico, scaccia il diavolo con il Belzebù! "

Cosa dovrei fare?
I preparati antiallergici forniscono un aiuto rapido per la febbre da fieno. La lotta causale contro l'allergia ai pollini avviene attraverso la vaccinazione antiallergica, chiamata anche iposensibilizzazione. Il tasso di successo qui è di circa l'80%. All'inizio del periodo senza polline, i componenti del polline a cui altrimenti reagisce vengono alimentati al paziente con febbre da fieno in dosi molto ridotte per abituarsi al suo corpo e renderlo insensibile agli allergeni a lungo termine. L'iposensibilizzazione (immunoterapia specifica), un tipo di vaccinazione contro le allergie, può alleviare efficacemente la febbre da fieno ed è l'unica terapia che affronta la causa dei sintomi allergici. È quindi raccomandato anche dall'Organizzazione mondiale della sanità, in particolare per le persone con allergie al polline. Perché: ogni terza febbre da fieno che non viene adeguatamente trattata diventa un'asma bronchiale allergica.

Nella classica vaccinazione antiallergica, il paziente con febbre da fieno viene iniettato con i componenti del polline a cui è altrimenti allergico a dosi molto basse al fine di alleviare bene i suoi sintomi allergici e renderlo meno sensibile al polline a lungo termine. Questa vaccinazione antiallergica viene eseguita regolarmente per tre anni.

Il consiglio della nonna
Un suggerimento dei tempi della nonna aiuta anche chi soffre di febbre da fieno: la doccia nasale. I passaggi nasali vengono quotidianamente lavati con acqua e salamoia come il sale di Emser. Ciò significa che le particelle di polline e sporco vengono semplicemente trasportate fuori. La struttura e la funzione della mucosa nasale vengono nuovamente normalizzate, il che ha anche un effetto preventivo e altri rimedi casalinghi per la febbre da fieno della naturopatia possono anche fornire sollievo. (pm, sb)

Informazioni sull'autore e sulla fonte


Video: Come affontare le allergie respiratorie da polline. (Agosto 2020).