Notizia

L'aumento di peso dopo la prima nascita presenta pericoli in ulteriori gravidanze


Aumento dei nati morti e aumento della mortalità infantile con aumento di peso
L'obesità e l'obesità sono noti fattori di rischio nelle gravidanze, sebbene finora non sia ancora chiaro come l'aumento di peso dopo la prima nascita influenzi il rischio di prematurità o di parto prematuro in ulteriori gravidanze. Scienziati dell'Università del Michigan (USA) e del Karolinska Institute di Stoccolma (Svezia) hanno ora scoperto in un recente studio che aumentare il peso corporeo dopo la prima gravidanza aumenta la probabilità di parto morto. Inoltre, l'aumento di peso è stato associato a un più alto tasso di mortalità infantile nelle prime quattro settimane, secondo il professor Eduardo Villamor dell'Università del Michigan e colleghi della rivista specializzata "The Lancet".

Secondo i risultati dei ricercatori, l'aumento di peso dopo il primo figlio aumenta il rischio di nati morti nel secondo figlio. Le donne che avevano un peso normale prima della loro prima nascita e poi aumentavano da sei a undici chilogrammi avevano un rischio del 38% in più di parto morto, spiegano i ricercatori. Allo stesso tempo, la probabilità di morte tra i bambini nei primi mesi di vita è aumentata del 27%. In cambio, c'era un rischio ridotto di parto morto e ridotta mortalità infantile nelle donne in sovrappeso che hanno perso peso dopo la prima gravidanza. I risultati dello studio attuale sottolineano l'importanza del peso corporeo per il corso della gravidanza e la salute del nascituro, sottolineano il professor Villamor e la famiglia.

L'aumento dell'IMC porta a più nati morti e una maggiore mortalità infantile
Utilizzando i dati di 456.711 donne sulla loro prima e seconda gravidanza da uno studio di popolazione svedese (durata 1992-2012), gli scienziati hanno esaminato possibili connessioni tra il corso della gravidanza e il peso corporeo. I cambiamenti osservati nell'indice di massa corporea (BMI) nelle madri tra la prima e la seconda gravidanza sono stati confrontati con il rischio di parto morto e mortalità infantile. Con un indice di massa corporea stabile, il rischio era quasi invariato in entrambe le aree. Tuttavia, con l'aumento del peso corporeo dopo la prima gravidanza, è aumentato anche il rischio di parto morto e morte infantile nei primi mesi di vita. Se le donne hanno assunto più di 11 chilogrammi, la probabilità di parto è aumentata del 55% e la mortalità infantile del 60%, hanno riferito i ricercatori.

La perdita di peso riduce il rischio
Gli ultimi risultati dello studio sottolineano la necessità di promuovere un peso corporeo sano prima della gravidanza, afferma il professor Villamor. Le donne di peso normale dovrebbero essere aiutate a mantenere il loro peso e si consiglia a coloro che sono in sovrappeso di perdere peso prima della gravidanza. Tale perdita di peso può ridurre in modo significativo il rischio di parto morto e mortalità infantile, secondo Villamor e colleghi. (Fp)

Informazioni sull'autore e sulla fonte


Video: Dott Andrea Lojacono Meeting Rimini A I R A O n l u s 2014 (Agosto 2020).