Notizia

Lo psillio aiuta con la sindrome dell'intestino irritabile


Il psillio solubile in fibra aiuta con la sindrome dell'intestino irritabile, riferisce l'Istituto per la qualità e l'efficienza nella sanità (IQWiG). Gli studi hanno dimostrato che è stato raggiunto un buon successo terapeutico con lo psillio.

Secondo gli studi attuali, la sindrome dell'intestino irritabile può essere trattata con successo con lo psillio e i sintomi possono essere alleviati. Lo psillio è una fibra solubile che lega l'acqua nell'intestino.

Come riporta l'istituto, sono utili anche capsule gastriche resistenti al succo con olio di menta piperita e farmaci antispasmodici. Tuttavia, l'antispasmodico è importante. L'IQWiG raccomanda il farmaco "Butylscopolamine", che è approvato nelle farmacie e in Germania. Il farmaco può essere acquistato senza prescrizione medica.

Si ritiene che anche la crusca possa essere efficace. Ma nuovi studi hanno scoperto che la crusca non è solubile e che l'acqua non si lega all'organismo umano. Pertanto i sintomi non possono essere alleviati.

Le esatte circostanze per cui i pazienti soffrono di sindrome dell'intestino irritabile non sono state finora studiate. Pertanto, i pazienti spesso non vengono presi sul serio dai medici. L'IQWIG riferisce anche: "Può ancora succedere che le persone con sindrome dell'intestino irritabile non vengano prese sul serio perché si ritiene che i loro problemi siano una questione di testa", ha affermato Peter Sawicki, presidente di IQWiG.

Ma un intestino irritabile può causare sintomi gravi e angoscianti per le persone colpite. La maggior parte dei pazienti ha un'età compresa tra 35 e 50 anni. Secondo le stime, circa il 20-30 percento della popolazione in Germania è colpita. I disturbi tipici includono dolore addominale, diarrea, costipazione, stomaco gonfio e movimenti intestinali da morbidi a viscidi a liquidi. Molti pazienti riportano anche ansia, affaticamento e depressione.

Se le persone soffrono eccessivamente di stress e stress quotidiano, i sintomi possono aumentare. Se, d'altra parte, i pazienti sono in equilibrio per un po ', i sintomi possono anche diminuire di nuovo. Molti ricercatori vedono quindi una connessione qui.

Esistono vari metodi disponibili dalla naturopatia che possono essere provati, ad es. Probiotici (preparati di E. Coli), fitoterapia, MTC e agopuntura, osteopatia, ipnoterapia, isopatia o omeopatia. (Sb)

Leggi anche:
Sindrome dell'intestino irritabile (colon irritabile, colon irritabile)
L'olio di menta piperita può aiutare con la sindrome dell'intestino irritabile

Informazioni sull'autore e sulla fonte


Video: Quale relazione fra alimentazione e sindrome dellintestino irritabile? (Agosto 2020).