Notizia

Tosse da fumo di BPCO: anche i non fumatori sono spesso colpiti


Fattori di rischio della BPCO esaminati: donne a rischio speciale di malattia
La broncopneumopatia cronica ostruttiva (BPCO) è comunemente nota come tosse del fumatore, ma anche i non fumatori possono ammalarsi. Una tosse violenta al mattino con una forte espettorazione e un aumento della mancanza di respiro sono possibili indicazioni della malattia. Gli scienziati canadesi hanno ora pubblicato uno studio sulla rivista specializzata "Torace", che esamina quali fattori di rischio svolgono un ruolo nella BPCO oltre al consumo di tabacco. Le donne in particolare sembrano essere maggiormente a rischio qui sotto determinate influenze.

Il team di ricerca guidato da Wan C. Tan dell'Università della Columbia Britannica a Vancouver riferisce che fino ad ora c'erano pochi dati disponibili sui fattori di rischio per la BPCO nei non fumatori. Nel loro studio, hanno utilizzato i dati di 5.176 persone di età pari o superiore a 40 anni provenienti dallo studio di coorte canadese basato sulla popolazione per analizzare quali fattori sono associati ad un aumentato rischio di malattia e quali differenze esistono tra non fumatori e fumatori.

Quasi un terzo dei pazienti con BPCO è non fumatori
Gli scienziati hanno osservato una prevalenza per lo sviluppo di BPCO del 6,4 per cento tra i non fumatori (esposizione permanente per meno di 1/20 anno di confezione). Tuttavia, i fumatori hanno contratto una malattia polmonare ostruttiva cronica più del doppio delle volte. Tuttavia, si può dire che il 27 percento dei pazienti con BPCO era non fumatori. In generale, i ricercatori hanno riferito che vi era un rischio maggiore di patologie con patologie precedenti di asma, basso livello di istruzione e con l'aumentare dell'età, indipendentemente dal fatto che i pazienti fossero non fumatori o fumatori.

Altri fattori di rischio di BPCO
Tra i non fumatori, tuttavia, potrebbero essere determinati anche altri fattori di rischio per la BPCO. I ricoveri più lunghi a causa di malattie respiratorie durante l'infanzia sono stati associati ad un aumentato rischio di BPCO più avanti nella vita. Inoltre, l'esposizione al fumo passivo nelle donne ha comportato un aumento significativo del rischio di malattia, mentre gli uomini non erano a rischio. Allo stesso modo, l'esposizione al riscaldamento con biomassa come carbone o legno, in cui viene rilasciata molta polvere fine, ha solo aumentato il rischio di malattie per le donne.

L'attuale analisi dei dati conferma la prevalenza della BPCO tra i non fumatori e definisce anche fattori di rischio comuni e specifici per genere per la BPCO, concludono gli scienziati. È stato anche dimostrato che il cosiddetto enfisema si verifica significativamente meno frequentemente nei pazienti con BPCO che sono non fumatori e, se necessario, può essere utile un aggiustamento mirato della terapia qui, riferisce il team di ricerca canadese. (Fp)

Informazioni sull'autore e sulla fonte


Video: Perchè devi smettere di fumare (Agosto 2020).