Notizia

OMS: l'epidemia di AIDS finirà al più tardi nel 2030


Organizzazione mondiale della sanità: tutte le persone con HIV dovrebbero ricevere farmaci antiretrovirali
Chiunque sia infetto da HIV dovrebbe iniziare la terapia antiretrovirale il prima possibile dopo la diagnosi. Ciò significherebbe che 37 milioni di persone in tutto il mondo avrebbero bisogno di cure. L'Organizzazione mondiale della sanità (OMS) ha annunciato che le condizioni sono state allentate e che ora tutti i gruppi di popolazione e di età hanno il diritto a ricevere una terapia antiretrovirale sovvenzionata (ART).

21 milioni di decessi previsti nei prossimi 15 anni
L'uso esteso di trattamenti antiretrovirali è supportato da nuovi risultati di studi clinici. L'uso precoce di ART aiuta le persone a vivere una vita più lunga e più sana. Riduce anche il rischio di diffusione del virus ai suoi partner. L'OMS raccomanda di offrire alle persone con un aumentato rischio di infezione trattamenti preventivi antiretrovirali.

Ogni persona con infezione da HIV ha diritto a cure salvavita. "Nuove condizioni e linee guida sono progettate per garantire che tutte le persone con HIV abbiano accesso immediato alle terapie antiretrovirali", ha affermato Michel Sidibe, direttore di UNAIDS per l'agenzia di stampa Reuters. Secondo l'UNAIDS, la terapia antiretrovirale insieme a un'espansione della prevenzione potrebbe aiutare a salvare molte vite e si stima che entro il 2030 circa 28 milioni di persone saranno di nuovo infettate dal virus. Inoltre, 21 milioni di persone potrebbero morire durante questo periodo.

Nuovi obiettivi per il 2020
L'ampliamento delle cure è al centro di una nuova serie di obiettivi per il 2020, il cui obiettivo è porre fine all'epidemia di AIDS entro il 2030. Per fare questo, il 90 percento delle persone con infezione da HIV in tutto il mondo deve essere informato della malattia. Tutti gli interessati devono essere consapevoli di essere malati. Inoltre, il 90 percento dovrebbe essere in terapia antiretrovirale. Un programma di aiuti globale può facilitare il test dell'HIV. Consigli e assistenza per i malati dovrebbero essere migliorati. L'accesso ai preservativi e al materiale di iniezione pulito deve essere facilitato. "Medici senza frontiere" ha accolto con favore questo passaggio. Il trattamento deve essere ampliato e migliorato. Tuttavia, si avverte che l'attuazione di queste raccomandazioni richiederà un massiccio sostegno da parte di donatori e governi.

Sono stati richiesti i principali fornitori di medicinali per l'HIV
Per attuare i piani, sarà necessario produrre grandi quantità di vaccini. Questo è l'unico modo per consentire a tutte le persone colpite di ricevere una terapia antiretrovirale. I principali fornitori di farmaci per l'HIV includono Gilead e ViiV Healthcare, la maggior parte dei quali sono di proprietà di GlaxoSmithKline (GSK). Ci sono ancora diversi produttori indiani che producono e vendono anche questi farmaci. (come)

Informazioni sull'autore e sulla fonte


Video: CoVid19, il nome dato dallOms al nuovo coronavirus (Agosto 2020).